Quotidiano | Categorie: Ristorazione, Commercio, Internet, Fatti

Vishopping.it la piu' grande vetrina del centro storico di vicenza

Di Redazione VicenzaPiù | Mercoledi 11 Gennaio 2012 alle 18:15 | non commentabile

ArticleImage

Confcommercio Vicenza  -  On line la mappa con oltre 100 negozi e informazioni utili a chi visita la città. Anche in versione mobile.   

E’ on line la vetrina più grande di tutto il centro storico di Vicenza. Da oggi, infatti, collegandosi al sito www.vishopping.it si può visualizzare l’ampia offerta commerciale dei negozi che si trovano all’interno delle mura duecentesce della città a fianco dei monumenti palladiani più visitati dai turisti di tutto il mondo.

L’iniziativa nasce da un progetto di Confcommercio Vicenza, che nel rimodernare il sito già esistente www.vishopping.it, ha deciso di mantenere il dominio ma di puntare esclusivamente a dare visibilità sul web e a far conoscere al grande pubblico di Internet, quel particolare “centro commerciale” naturale, ricco non solo di botteghe, ma anche di storia e tradizione, che è il cuore di Vicenza.

Da secoli ormai, le vie del centro città rappresentano il luogo più frequentato di Vicenza per lo shopping o, semplicemente per le passeggiate nelle vie dei negozi, per sbirciare le ultime tendenze e novità moda. Ecco, allora, che volutamente una mappa del 1580 (mappa “Angelica” di Vicenza), rimodellata sull’attuale assetto urbanistico, ci porta a visualizzare le varie strade e a localizzare i vari punti vendita, che rappresentano una parte importante della grande offerta commerciale oggi presente in città.

 

Al momento si possono trovare tutti i punti vendita, oltre un centinaio, che hanno aderito a questo innovativo progetto sul web.

Confcommercio Vicenza ha infatti deciso di mettere on line il sito, con una prima tranche di negozi, puntando entro breve tempo a implementare ulteriormente le vie con altri negozi che vorranno aderire all’iniziativa.  

Chi cerca quindi un negozio in centro città, oppure ha in mente un marchio moda ma non sa dove trovarne gli articoli e chi li vende, può facilmente collegarsi al sito e in pochi click trovare ciò che cerca. La consultazione del sito è possibile in varie lingue straniere. 

 

Dal menu che compare sulla sinistra dello schermo si accede a delle specifiche sezioni dedicate ciascuna ad una categoria merceologica diversa. Ad ogni negozio  è poi dedicata una pagina del sito, dove sono riprodotte foto interne ed esterne del punto vendita, informazioni relative ai marchi e prodotti in vendita, modalità di pagamento accettate, orari di apertura e riferimenti per contattare l’attività commerciale.

La partecipazione al progetto è gratuita e l’unico impegno richiesto a ogni negoziante o esercente che vi aderisce è di tenere aggiornate le informazioni inserite sul sito (orari di apertura dell’attività, marchi trattati, sito web, ecc.) e di rinnovare periodicamente le immagini che identificano il negozio.

Prossimamente sarà possibile attivare anche una area riservata, gestibile direttamente da ciascun negoziante, attraverso la quale pubblicare sul sito www.vishopping.it, nella sezione dedicata al proprio negozio, le promozioni, gli eventi, le novità riguardanti prodotti o marchi trattati.

 

Un’altra caratteristica interessante è che www.vishopping.it si presenta in due versioni: quella consultabile da qualsiasi pc e quella mobile. Dal proprio smartphone o tablet, in ogni momento, è infatti possibile visualizzare ogni informazione presente sul sito, con la comodità di avere a portata di mano l’intera offerta commerciale del centro storico di Vicenza. Non solo: si può consultare in tempo reale la disponibilità di sosta nei vari parking grazie al link al sito AIM Mobilità.  

 

Il sito si completa con una sezione dedicata alle informazioni turistiche sui principali monumenti e luoghi di interesse della città; un’altra dedicata agli eventi, con le manifestazioni e gli appuntamenti da non perdere in città; mentre dall’home page, con un click sul link relativo si può consultare il sito www.ristoratoridivicenza.it, e visualizzare l’ampia offerta gastronomica del territorio, con oltre 700 locali tra ristoranti, trattorie, pizzerie, ecc., localizzabili per comune e per ognuno dei quali conoscere, indirizzo preciso, specialità in menù, orari di apertura.

 

Il lancio del nuovo sito www.vishopping.it è volutamente in prossimità dei giorni in cui si svolge in Fiera a Vicenza, la Mostra internazionale di oreficeria, gioielleria, orologeria e gemmologia “Vicenzaoro Winter” (dal 14 al 19 gennaio 2012), in quanto  vuole essere un servizio in più a disposizione degli ospiti e dei visitatori della prestigiosa manifestazione per scoprire la città, l’offerta commerciale del suo centro storico e la grande varietà di posti in tutto il territorio vicentino dove mangiare bene.   Tutto il sito è consultabile anche in inglese, mentre per la versione in altre lingue è predisposta una legenda utile alla traduzione.

 

Come detto l’attuale www.vishopping.it è al suo primo step, ma già ampliamente significativo, della varietà e quantità di negozi e attività commerciali presenti nel centro storico di Vicenza. Fin dai prossimi mesi il progetto generale del sito prevede l’arricchimento dei contenuti, ad iniziare dal numero delle attività che vi vorranno aderire, alle informazioni sugli eventi in città, alla parte generale di guida ai luoghi di maggiore interesse turistico della città e della provincia.        

ViPiù Sera
Commenti degli utenti

ieri alle 15:27 da claudiofiori
In Luca Zaia aderisce alla campagna per la lotta alla SLA
Ottimo gesto "mediatico" del Governatore Zaia. Peccato però che resti solamente un?esposizione mediatica che NON aggiunge nulla agli scarsissimi fondi per la ricerca, e mi riferisco a tutte le patologie delle quali a oggi, le persone ammalate, sono ritenute "rare" se non inesistenti. Un Politico per di più Governatore della Regione, oltre a questi gesti estivi, deve impegnarsi per far si che l'articolo 32 della nostra costituzione sia rispettato, deve impegnarsi per evitare che tutte le persone sofferenti a causa di una patologia non siano derise ma curate, deve dare sostanza e seguito ad ogni paragrafo del P.S.S.R.2013\2016. Queste cose si possono fare, con un po? di buona volontà, visto che, come riferito dal Governatore Zaia in conferenza, i Conti Consuntivi Economici delle A.S.L.Venete hanno chiuso l?esercizio 2013 con un utile (pardon attivo) di 41.467.101.?. Ha poi aggiunto l?Assessore Coletto che il 2013 è per il Veneto il QUARTO anno consecutivo di esercizi positivi???. Ricordo al Governatore Zaia agli Assessori Coletto e Mantoan che in data 04\07\2014 ho spedito una mail (da loro ricevuta e letta, e pubblicata dalla vostra testata il 19\07) nella quale facevo presente che dopo oltre 400 giorni dall?approvazione all?unanimità della Legge, che riconosceva l?M.C.S. come patologia rara e con la quale dovevano essere attuati anche 5 paragrafi a essa collegata, nulla oltre il mero ?riconoscimento? è stato fatto. Oltretutto la lettera era controfirmata da 28 persone sofferenti di tale patologia abitanti in 5 province Venete che mi avevano delegato, e NESSUNO dei destinatari si è degnato di fornire a queste persone un minimo cenno di riscontro. Nessuno cerca la malattia, questa può colpire chiunque a qualsiasi età, una persona ammalata di qualsiasi patologia, proprio a causa del suo stato di salute ha bisogno di tutele ed aiuto. Credo che Il livello di civiltà di una Regione si misura anche dalla cura con cui assiste le persone ammalate. Cordialmente Claudio Fiori

Sabato 23 Agosto alle 19:31 da dreck
In La serata americana a Vicenza con il college basket al top di Michigan
Grazie Direttore, come sempre molto gentile.

Quanto all'autore trovo molto irritante e puerile continuare a rispondere tono su tono ad un (assiduo) lettore. Ormai non posso certo sottrarmi e quindi:
-Da giornalista quale immagino sia sa che non può certo basarsi sul "sentito dire" ma è lei che deve verificare le voci.
-Non metto in dubbio che dovesse lavorare ma sono rimasto al palazzetto ben oltre la fine dell'incontro e l'appunto le avrebbe rubato meno di un giro di lancette.
-Ho chiamato le majorettes con quel nome per quello che sono, non per quello che fanno. Raffaella Masciadri non è stata definita "premiante" bensì "giocatrice del Famila Basket Schio".
-La stessa insegnante ha specificato come le sue ragazze facciano anche cheerleading ma in altre occasioni e contesti. L'esibizione di quella sera era frutto solo del lavoro compiuto come majorettes.
-Il pubblico del Palazzetto ha potuto sentire più e più volte il fatto che fossero di Malo poiché, proprio per farle risaltare, l'ho ripetuto ad ogni stacchetto (primo escluso).
-Le polemiche inutili le ha iniziate a creare lei con questo articolo. Ad ogni modo ho chiesto anche alla mia ragazza (che nulla centra in questo contesto) che è del settore se per caso la conoscesse. Alla sua risposta negativa l'ho cercata sui social senza successo. Solo allora ho provato a commentare in un angolino di sito specifico (e non qui) proprio sotto il suo pezzo, luogo che ritengo il più idoneo in assoluto per far presente una sciocchezza.
-Visto che ha scoperto che conosce la mia ragazza poteva benissimo essere lei ad avvicinarmi!
-Non mi sono firmato perché c'è il nickname (usato anche da lei) che mi identifica. Che non abbia nulla da nascondere è palese visto che ho dichiarato di essere io stesso lo speaker.
Devo continuare?
In realtà ho già sotterrato l'ascia di guerra. Spero vivamente che lei venga al palazzetto lunedì sera in modo da parlare serenamente di ciò che è importante veramente di quell'occasione ovvero lo sport!
Giovanni Barcaro
Gli altri siti del nostro network