Quotidiano | Categorie: VicenzaPiù

Vicenza stavolta non ti salvano gli americani, abbi più coraggio e rialzati da sola!

Di Sara Todisco Lunedi 3 Ottobre 2016 alle 19:36 | 0 commenti

ArticleImage

Lavorando in una redazione diventa la normalità avere sotto gli occhi le più grandi e le più piccole ingiustizie sociali, economiche e politiche. Ma anche le ingiustizie dei massimi sistemi sono spesso oggetto di discussione tra noi giornalisti o aspiranti tali, tutti in Viale Milano un po' sognatori che con il nostro mettere le cose scomode nero su bianco speriamo sempre di smuovere gli animi, portare i lettori a reazioni attive alle ingiustizie per veder nascere o rinascere un mondo migliore... nelle piccole e grandi cose. E invece spesso ci si ritrova a lottare da soli, vedendo un paese e nel nostro caso una città, Vicenza, la città sbancata, rassegnata. Del resto i presupposti per sognare, o almeno sperare, non sono dei migliori specialmente per i giovani.

Il mondo del lavoro, quello che ci permette di portare il pane a tavola, sta vivendo una crisi senza precedenti per l'era moderna e industrializzata, nonché "capitalista". Lavoro che, con la sua mancanza, di continuo lascia a casa padri di famiglia e porta all'esasperazione i titolari costretti (almeno quelli "socialmente" sensibili) a decidere ed attuare licenziamenti. E così, anche avere il tanto agognato contratto a tempo indeterminato oggi non significa proprio nulla. Cosa si può sperare senza le più basilari e umane certezze? Torneremo forse a sognare l'America come i nostri nonni e bisnonni? Eppure anche lì si può perdere il lavoro da un momento all'altro, ma questo non perchè arriva un figlio o amico di "qualcuno" ma perché è uno più bravo, spigliato, competente e ti soffia il posto in men che non si dica. D'altro canto, però, questo è il sintomo che la meritocrazia funziona: se sei più bravo di un altro vai avanti, se ti impegni ti danno un bonus. Noi italiani se ci impegniamo ci promettono che non ci lasceranno a casa, e a volte dobbiamo anche ringraziare. Sarebbe inutile portare l'America in Italia.

Se "tu vo' fa' l'americano" ricorda che "sei nato in Italy". Ma, invece di cedere a quello che ci diceva il cantautore "Sient' a mme: nun ce sta niente 'a fa'", dovremmo credere che qualcosa da fare c'è. O aspettiamo solo che dopo la prima e la seconda guerra mondiale arrivi la terza che smantelli tutto, per poi ripartire da zero? Ma seppure sia stata sempre una soluzione assurda, anche se la più frequente nel corso della storia, oggi non è nemmeno contemplata. Perché persino la guerra si è modernizzata ed è entrata silente nelle nostre case tutti i giorni con il Tg dell'ora di pranzo, portando migliaia di morti in tanti luoghi e con tanti strateghi diversi e con armi che non fanno più rumore, perché ormai ci abbiamo fatto l'abitudine. E, quindi, oltre a portare distruzione e morte, come ha sempre fatto, la guerra di oggi, non totale e "unica" ma sparsa in oltre 100 Paesi, non porta il suo unico "pregio", se masochisticamente lo si può definire tale, cioè quello di far ripartire le nazioni da zero annullando debiti, decisioni politiche insensate e disagi sociali ed economici.

Non sarà una guerra a salvare l'Italia e la nostra Vicenza questa volta, e nemmeno i carrarmati americani che arrivano possenti e con la Statua della Libertà riflessa negli occhi a riportarci a galla. Dovremo essere noi stessi, facendo vedere che vince chi lotta correttamente e non gioca sporco. Non dovrebbe essere un'utopia, si chiama giustizia. Che è un atto di coraggio nel 2016, si sa.

Ma se chi uccide, decapita e distrugge lo fa davanti alle telecamere con sguardo fiero e coraggioso, quanto più chi crede nelle giustizia non dovrebbe nascondersi nella rassegnazione!

Vicenza...più coraggio!


Commenti

Ancora nessun commento.
Aggiungi commento

Accedi per inserire un commento

Se sei registrato effettua l'accesso prima di scrivere il tuo commento. Se non sei ancora registrato puoi farlo subito qui, è gratis.



ViPiù Top News


Commenti degli utenti

Lunedi 22 Gennaio alle 18:07 da kairos
In Bulgarini esalta gli incassi dei musei civici ma cerca il 30% di spese non coperte... Dalla gratuità della Basilica per Linea d'Ombra?

Lunedi 22 Gennaio alle 12:16 da zenocarino
In Tra bugie su BPVi, amnesie su Fondazione Roi e fonti di comodo sul "variatiano" Fabio Mantovani il GdV sarà equo col "sincero" Francesco Rucco? La risposta a Publiadige

Lunedi 22 Gennaio alle 10:39 da Redazione VicenzaPiù (admin)
In Vicenza, terra di smemorati: dopo Gianni Zonin che nulla ricorda della BPVi, dimentica di aver firmato gli "indirizzi" di Variati Fabio Mantovani, candidato sindaco di FI e Lega

Domenica 21 Gennaio alle 17:40 da kairos
In Vicenza, terra di smemorati: dopo Gianni Zonin che nulla ricorda della BPVi, dimentica di aver firmato gli "indirizzi" di Variati Fabio Mantovani, candidato sindaco di FI e Lega
Gli altri siti del nostro network