Quotidiano | Categorie: urbanistica, Fatti

Vicenza, "Mobilitate-Vi" un progetto (e un'esortazione) da 3 milioni di euro

Di Ferdinando Marcolin Mercoledi 11 Gennaio alle 16:45 | 0 commenti

ArticleImage

"Mobilitate-Vi" un nome che, dietro al gioco di parole, nasconde anche un'esortazione che l'assessore alla progettazione e sostenibilità urbana Antonio Dalla Pozza rivolge ai cittadini di Vicenza e provincia. Si tratta di un progetto da quasi 3 milioni di euro quello presentato questa mattina durante la conferenza stampa tenutasi a Palazzo Trissino. L'iniziativa coinvolgerà circa 150 mila cittadini residenti nel territorio berico. Presenti nella sala degli Stucchi anche i sindaci dei comuni di Dueville, Grisignano di Zocco, Quinto Vicentino e Torri di Quartesolo. Un piano, quello di "mobilità sostenibile casa-scuola e casa-lavoro", che è stato inviato al Ministero dell'ambiente nella speranza di ottenere un finanziamento da un milione di euro. Il prospetto presentato coinvolge anche enti come la Cittadella degli Studi, l'ex Ulss 6 e la Provincia ma anche enti privati. "Con l'ambiente scolastico - afferma Dalla Pozza - puntiamo soprattutto al futuro. Gli obiettivi principali di Mobilitate-Vi sono quelli di ridurre l'inquinamento atmosferico e di creare una rete di mezzi sostenibili che invogli i cittadini ad utilizzare le reti pubbliche ma non solo. Puntiamo, infatti, anche a migliorare le infrastrutture per la ciclabilità".

Il progetto, approvato dalle Giunte presenti, prevede investimenti totali pari a 2.874.500 al quale parteciperanno in cofinanaziamento il Comune di Vicenza (con 1.567.500 euro), il Comune di Dueville (250 mila euro) e il Comune di Grisignano di Zocco (30 mila euro). "La richiesta di un milione di euro (massima quota che si può richiedere al ministero ndr) è stata inviata e stiamo attendendo la risposta. Ci sono buone chance di successo ma se la domanda dovesse essere respinta - rassicura Dalla Pozza - il progetto comunque non andrebbe lasciato da parte, verrebbe solo ripreso a pezzi". Sebbene il Comune di Vicenza abbia la possibilità di agire autonomamente per avviare il piano, sono state coinvolte anche altre realtà locali, "si ragiona bene - giustifica Dalla Pozza - quando si sta assieme". Assieme sì, ma con diverse prospettive sui fondi di Mobilitate-Vi. "A febbraio daremo il via ai lavori - dichiara il sindaco di Grisignano di Zocco, Renzo Lotto - vogliamo creare una linea diretta fino alla Laguna di Venezia. Grisignano è un'importante scalo ferroviario che deve essere sfruttato per le sue potenzialità". Destinazione diversa degli investimenti, invece, per il sindaco di Dueville, Giusy Armiletti, che commenta: "abbiamo bloccato il progetto per la pista ciclabile lungo il Bachiglione per i rinforzi degli argini. Riprenderemo i lavori a breve grazie ai 350 mila euro previsti. Noi ne cofinanzieremo 250 mila, gli altri 100 mila euro speriamo arrivino dal ministero". "Puntiamo a potenziare il turismo - questo l'obiettivo del sindaco di Quinto Vicentino, Renzo Segato -. Ciò sarà possibile collegando il centro cittadino di Vicenza passando per Bertesinella in modo da rendere accessibile in maniera diretta il percorso ciclonaturalistico dei 6 comuni". Nel bando presentato, inoltre, sono state inserite anche le maggiori associazioni di categoria con l'obiettivo di formare le ditte partecipanti sulla mobilità sostenibile. "Abbiamo messo in gioco anche 90 mila euro per istituire dei buoni mobilità - dichiara Dalla Pozza -. Certo contrariamente alla Francia sarà un pò più difficile applicare il sistema dei benefit in Italia, ma stiamo lavorando su degli algoritmi che possono portare dei miglioramenti. E non è esclusa la possibilità di uno sconto per i primi abbonamenti in futuro". L'assessore alla mobilità si è mostrato ottimista nonostante la recente classifica di Legambiente che posizionato a città di Vicenza al quinto posto delle città più inquinate d'Italia, "sono sicuro che questo progetto contribuirà a migliorare la situazione ambientale. Mobilitate-Vi punta soprattutto alla diminuazione della circolazione delle auto private razionalizzando gli spostamenti e privilegiando i mezzi sostenibili".

Commenti

Ancora nessun commento.
Aggiungi commento

Accedi per inserire un commento

Se sei registrato effettua l'accesso prima di scrivere il tuo commento. Se non sei ancora registrato puoi farlo subito qui, è gratis.

Commenti degli utenti

Martedi 21 Febbraio alle 16:21 da kairos
In Cimitero acattolico, Variati: "Mai pensato di trasformalo in un parco"

Martedi 21 Febbraio alle 11:16 da Luciano Parolin (Luciano)
In Pochi iscritti alle elementari, scuole a rischio
Un popolo, una Nazione senza figli non ha futuro, è destinata ad estinguersi. Ma probabilmente, interessa a pochi. Ho lasciato la scuola da un decennio quando era al massimo dell'espansione, con poca presenza di stranieri. Nel 1988, chiusero la Scuola Media Palladio di Contrà Santa Maria Nova che aveva 10 corsi per 30 classi e quasi 1.000 Alunni. Alla chiusura mi trasferisco alla Maffei di Santa Caterina seguendo il Preside G.A. Novello anche lì con i nostri programmi, le attività, un gruppo di docenti UNITI e Validi i corsi risultarono 7 con 20 classi. Per quali motivazioni le famigli scelgono una scuola o un'altra oppure vanno nelle Paritarie? In primis l'accoglienza e la Formazione delle classi che dovrebbe essere un fatto scientifico di analisi dei bisogni delle Famiglie non tempo perso. La struttura scolastica è importante, le Maddalene hanno 100 anni, affumicate dai TIR, posta su una Nazionale. La Comunità di Maddalene, invece di progettare parcheggi farebbe meglio a pensare ad una scuola Nuova per i residenti, magari alla svedese inserita nella calma del verde e la seriola. MANCA UNA POLITICA PER LA SCUOLA quindi manca una previsione del Futuro per i Giovani. A suo tempo al sindacato scuola avevo proposto un normale orario scolastico, tutti i docenti ed alunni entrano alle ore 8 escono alle ore 16. Tutto compreso con mensa organizzata, trasporto per disabili, aula musica per concerti e orchestra scolastica, insomma un tempo pieno per tutti Alunni e Docenti. Salvati cielo dei sindacati e dei bidelli (!). Ma alla Maffei si costituì il primo Comitato Genitori legale, che ancora funziona. Ma purtroppo l'ingresso dei genitori a SCUOLA, non è tanto ben visto....Allora anche le "gamelle" hanno fallito!
Gli altri siti del nostro network