Lettori in diretta | Quotidiano | ViPiù Biancorossa |

Vicenza Calcio sceglie Silvio Baldini per riportare il pubblico al Menti

Di Enrico Soli (caporedattore) | Lunedi 13 Giugno 2011 alle 18:52 | 0 commenti

ArticleImage

La nuova parola d’ordine del Vicenza Calcio è “entusiasmo”, non più salvezza. La pronuncia il direttore sportivo Stefan Schwoch e la pronuncia soprattutto il nuovo allenatore biancorosso, che da oggi è ufficialmente il cinquantaduenne Silvio Baldini (a seguire il video). Al primo impatto sembra uscito da un film di Leonardo Pieraccioni per quell’aria bonaria che lo fa sembrare più giovane ed è esaltata dallo spiccato accento toscano (è di Massa). Il tecnico rientra nel giro del calcio che conta dopo due anni di inattività e lo fa in una piazza come Vicenza la cui pazienza (almeno quella dei tifosi) è ai minimi storici. Una bella scommessa.

“Paura? Se avessi avuto paura sarei rimasto a casa visto che potrei fare il pensionato”.  Il suo curriculum infatti è lungo (allena da ventisei anni) e ricco di squadre importanti (Palermo, Parma, Lecce e Catania), ma è altrettanto ricco di esoneri a stagione in corso (proprio a  Palermo, Parma, Lecce e Catania). Questo non per fare gli scettici a priori, ma solo per dire le cose come stanno. La parlantina sciolta ce l’ha e potrebbe anche diventare simpatico al pubblico vicentino per la sua spontaneità (vedi buffo calcione mollato sulle natiche di un collega nel 2007; peccato che quel collega fosse un idolo biancorosso come Mimmo Di Carlo). Fosse solo per questo episodio apparirebbe davvero come un personaggio da film di Pieraccioni, una macchietta da commedia leggera. Parlandoci invece si scopre una persona tutt’altro che superficiale: “Sono rimasto fermo due anni nonostante abbia avuto alcune offerte proprio perché non sentivo entusiasmo. L’avevo perso due anni fa dopo la sconfitta del mio Empoli contro il Brescia ai playoff. Dopo quella partita avevo nausea, vomito”.  Conosce Maran e quindi evita accuratamente qualsiasi commento su di lui: “Gli voglio bene, è una brava persona e ieri mi ha fatto gli auguri e mi ha parlato molto bene di Vicenza”. Contratto annuale per Baldini, sempre nell’ottica di pensare ad ottenere risultati, “non a fare il pensionato”. Non vuol sentire parlare di moduli (“In carriera li ho provati tutti”), né di giocatori fondamentali (“Fondamentale è la società”). Nelle prossime ore dovrebbe arrivare anche l’ufficializzazione dei due collaboratori di fiducia dell’allenatore toscano. 

Commenti

Ancora nessun commento.
Aggiungi commento

Accedi per inserire un commento

Se sei registrato effettua l'accesso prima di scrivere il tuo commento. Se non sei ancora registrato puoi farlo subito qui, è gratis.

Commenti degli utenti

ieri alle 18:14 da Luciano Parolin (Luciano)
In Lista candidati PD per le regionali, gli indirizzi e criteri di Rolando (Area Civati)
C.v.d. Come volevasi dimostrare Caro Rolando. Una pagina completa per non dire nulla anzi inquinando ancor di più le già torbide acque del nostro sistema...partitico. Ho capito, siamo in campagna elettorale, ma invece di proporre cose Fattibili da inserire in un programma, si fa l'elogio del PD , versione Civati (pronto ad andarsene) e allora si comincia con "oggi il pd è pluralista e con diverse sensibilità" via siamo seri, pluralista di che, comanda Renzi che NON E' STATO ELETTO DA NESSUNO. Occorre innovare dice Rolando, o volevi dire ROTTAMARE quello che resta! E ancora "rappresentanza paritaria dei sessi" Da non credere, i sessi sono 2 o più? Dopo cinque anni siamo ancora alle quote rosa; parità di genere (sessi) liste alternate; quote rosa e infine......la ciliegina MASSIMA QUALIFICAZIONE di che? Qui ci vogliono titoli ed esami, con una domanda precisa: Cosa sa fare il candidato? Conosce Vicenza e le sue esigenze? Conosce un bilancio? Cosa si farà per la Sanità? Cosa farete per la Scuola? Cosa farete per i fiumi di Vicenza? Come andrà a finire per i Trasporti in Prov.? QUESTA E' POLITICA! Quello che scrivete voi è partitocrazie..politichese..storielle..insomma Balle da raccontare ai giovani portaborse ..Europei! Fracasso va bene, ho seguito il suo lavoro. E dunque il minor...appeal nel confronto ... E qui ci risiamo:le candidate devono essere belle, biond, occhi azzurri, coscia lunga, anche se non capiscono..niente? Così si faceva 7 anni orsono. Altro che innevamento pardon innovazione. Amen. Esiste nel Circolo 6 , un metodo scientifico per la formazione delle liste, chiedete a Vivian se si ricorda. Amen. Ecco....la Nostra concezione della democrazia..Evviva! Mala tempora currunt.
Gli altri siti del nostro network