Lettori in diretta | Quotidiano | ViPiù Biancorossa |

Vicenza Calcio in serie B, Variati: "Ottima notizia per tutta la città"

Di Redazione VicenzaPiù Venerdi 10 Agosto 2012 alle 17:31 | 1 commenti

ArticleImage

Achille Variati, Comune di Vicenza  -  "Sarebbe un'ottima notizia, non solo per i vicentini appassionati di calcio, ma per tutta la città". Così il sindaco Achille Variati commenta la notizia del probabile, o quasi sicuro a seconda delle fonti, ripescaggio del Vicenza Calcio in serie B dopo l'esclusione di Lecce e Grosseto da parte della Commissione Disciplinare.

"Anche chi non ama questo sport - spiega Variati, mentre si attende la conferma ufficiale del ripescaggio - non può non riconoscerne l'importanza a livello economico e sociale oltre che sportivo. Vicenza è conosciuta nel mondo come la città del Palladio, dell'oro e del Vicenza Calcio, che con i suoi 110 anni di storia è una delle società più gloriose del panorama calcistico italiano. Tornare a giocare in serie B - conclude Variati - sono convinto che porterà benefici non solo in ambito sportivo, ma in generale alla città e a tutta la provincia. Certo, sarebbe stato più bello raggiungere la salvezza sul campo di Empoli nello spareggio dell'anno scorso e non grazie ad una sentenza; ma se qualcuno, come sembrerebbe dimostrato, ha barato infrangendo le regole, è giusto che paghi. Mi auguro, inoltre, che questo ripescaggio possa portare entusiasmo nell'ambiente, sia in campo che sugli spalti, dati i non certo entusiasmanti risultati degli ultimi anni. Vicenza e i vicentini, quei tifosi che tramandano la passione per la squadra biancorossa da padre in figlio, meritano ben altre soddisfazioni".

Commenti

GIANA GIALLOROSSO
Inviato Sabato 11 Agosto 2012 alle 10:11

Con il Bassano in C2 faccio il tifo per un Vicenza in B .
Ai cronisti di Vicenza vorrei chiedere quanto siano vere le voci che circolano su un Vicenza che ha 4 - 6 mesi di stipendi arretrati e una ventina di milioni di euro di deficit ?
Forza Vicenza & FORZA BASSANO VIRTUS
Aggiungi commento

Accedi per inserire un commento

Se sei registrato effettua l'accesso prima di scrivere il tuo commento. Se non sei ancora registrato puoi farlo subito qui, è gratis.

Commenti degli utenti

oggi alle 07:13 da kairos
In Variati ha detto no al Dal Molin poi costruito e critica Raggi per il no alle Olimpiadi a Roma che non si fanno: dissentiamo dal M5S ma il sindaco ha mai detto no al malaffare locale?

ieri alle 21:32 da PaolaFarina
In La presunta “gara degli aghi”, a difesa del primario Vincenzo Riboni arriva l'amico Gian Antonio Stella. Su CorSera attacca Nursind, che replica: “toccato il fondo”. E dg Ulss 6 Pavesi su Rai 3 boccia l'ex candidato sindaco

Domenica 25 Settembre alle 15:46 da pachiara9
In A Vicenza due famiglie su tre hanno subito le conseguenze del disastro BPVi. Ma tutto e tutti sono fermi, come per la Fondazione Roi
C'è in effetti di che sorprendersi, e molto, che questa scia postcrack - che ha avvolto Vicenza e il suo territorio di competenza (Veneto, Friuli, etc.), ma soprattutto Vicenza città e provincia- sia rimasta buia e pressochè silenziosa. Si dice qui sopra, correttamente, che un danno così ingente ed economicamente massacratorio, inferto a tantissimi, avrebbe dovuto far suonare le famose trombe capponiane della "rivolta" determinata da parte di tutti coloro che a vario titolo sono stati beffati. E invece, appunto, poco o niente. Sulle ragioni di questa, chiamiamola eufemisticamente, apatia vicentina vengono elencate alcune cause, senz'altro plausibili, ma che non danno una risposta esauriente. Una risposta che rimane parziale. A parte quello sparuto gruppo di soci penalizzati che hanno alzato forte la voce - e lo stanno ancora facendo - tutti gli altri soci silenti o rassegnati costituiscono per me un mistero. Non si riesce a capire un simile atteggiamento direi "omertoso sui generis". Nè purtroppo riesco a trovare altre ragioni di tali comportamenti. Un vero e proprio mistero, senz'altro un rompicapo, questa assuefazione patologica che fa da pandant con quell'assuefazione altrettanto patologica dimostrata nel corso del ventennio zoniniano, quando nessuno (a parte pochi casi, rapidamente tacitati o minacciati) chiedeva di approfondire la gestione del dominus vinaiolo. Un padre-padrone a cui deferenza e obbedienza cieca erano dovute per volere divino (Bacco nel caso nostro!). Anche questo rimane un mistero! Quando verrà svelato?
Forse mai, rimarrà sepolto ai piedi di Monte Berico.

Sabato 24 Settembre alle 16:37 da Kaiser
In Olimpiadi a Roma, interviene Achille Variati. Ferrarin dei 5 Stelle: "tema che non lo riguarda"

Sabato 24 Settembre alle 16:35 da Kaiser
In I 120 anni dalla nascita di Sandro Pertini: socialista, antifascista e poi simbolo degli italiani
Gli altri siti del nostro network