Quotidiano | Rassegna stampa | Categorie: Banche, Economia&Aziende

Margrethe Vestager: "Per MPS tagli dolorosi. Su BPVi e Veneto Banca non siamo così avanti, servono più capitali privati"

Di Emma Reda Giovedi 18 Maggio alle 21:27 | 0 commenti

ArticleImage

"Ogni volta che una banca ottiene aiuti di Stato sotto forma di ricapitalizzazione precauzionale, o in altri modi, bisogna evitare che i soldi dei contribuenti siano sprecati", spiega su NordEst Economia la numero uno dell'Antitrust di Bruxelles Margrethe Vestager che ha appena multato per 110 milioni di euro Facebook per il caso Whatsapp. Il dossier Montepaschi di Siena, dice, "sta facendo passi avanti" ma ci sono ancora tanti ostacoli da superare, in particolare il nodo legato ai tagli del personale "che è sempre molto doloroso". Ma il Commissario europeo alla Concorrenza, Margrethe Vestager, in un'intervista a La Stampa assicura che la Commissione "sta lavorando molto bene con le autorità italiane".

"Ogni volta che una banca ottiene aiuti di Stato sotto forma di ricapitalizzazione precauzionale, o in altri modi, bisogna evitare che i soldi dei contribuenti siano sprecati", spiega la numero uno dell'Antitrust di Bruxelles, "va garantita la redditività. Quindi bisogna fare in modo che entrino più soldi dal mercato oppure controllare i costi. La discussione è su entrambi i fronti".

Sia la Commissione Ue che la Banca Centrale Europa avevano esortato Rocca Salimbeni a "decretare" 5 mila esuberi, dopo gli altrettanti posti di lavoro già tagliati negli anni precedenti. "Noi non chiediamo di licenziare i dipendenti", puntualizza Vestager, "ma va tenuto in considerazione un aspetto: di solito la metà dei costi è per il personale. Quindi quando si parla di ridurre i costi si finisce sempre sul numero dei lavoratori, ma anche sugli stipendi dei dirigenti. È sempre stato così per tutti i casi simili finiti sul tavolo della Commissione dalla crisi finanziaria: circa 120 casi. E purtroppo è sempre molto molto doloroso per le persone coinvolte e per le regioni in cui ciò accade".

"Non siamo così' avanti", ammette invece il Commissario interpellato sulla vicenda Veneto Banca e Banca Popolare di Vicenza, "ma abbiamo predisposto dei piani di lavoro che sono condivisi con tutte le parti del tavolo. E il piano avanza perché l'approccio di tutti i partecipanti è costruttivo. Non è facile ma stiamo andando avanti".

Per dare il via libera alla ricapitalizzazione precauzionale delle banche venete la Commissione Ue avrebbe chiesto un maggior importo di capitali privati, in modo che l'intervento dello Stato non copra perdite certe o prevedibili.

BPVi e Veneto Banca hanno chiesto l'aiuto dello Stato per fronteggiare una carenza di capitale da 6,4 miliardi di euro dopo aver fatto svalutazioni per perdite sui crediti che hanno fatto scendere i ratio patrimoniali sotto il livello richiesto.


Commenti

Ancora nessun commento.
Aggiungi commento

Accedi per inserire un commento

Se sei registrato effettua l'accesso prima di scrivere il tuo commento. Se non sei ancora registrato puoi farlo subito qui, è gratis.



ViPiù Top News


Commenti degli utenti

ieri alle 19:11 da kairos
In Noi diciamo Sì all'autonomia del Veneto... dalla sua passata classe dominante, perciò il 22 ottobre ci asterremo. Fate altrettanto per il Veneto con un futuro a testa alta!

ieri alle 19:09 da kairos
In PCI e PRC insieme alle amministrative 2018 di Vicenza: programma alternativo a destre, M5S e maggioranza attuale e aperto a contributi di altre forze

ieri alle 08:16 da kairos
In Costi e tempi dell'Alta Capacità raccontati da Achille Variati: fra sei anni ne valuteremo il lascito col numero di... collegamenti diretti a lungo raggio

ieri alle 08:15 da kairos
In Cannabis terapeutica, l'on. Daniela Sbrollini (PD): "ok della Camera dei Deputati per il bene di Serena e migliaia di pazienti italiani"
Gli altri siti del nostro network