Quotidiano | Categorie: Fatti, Cultura

Veneto, fondi europei per la nascita di 18 nuove imprese culturali dello spettacolo

Di Note ufficiali Mercoledi 11 Gennaio alle 15:23 | 0 commenti

ArticleImage

A seguito del lavoro svolto dalla Commissione Tecnica di Valutazione sono state finanziate 18 iniziative utilizzando quasi totalmente la dotazione finanziaria disponibile di 1,5 milioni di euro.

"Sono state riconosciute le realtà che fanno leva su creatività e innovazione - spiega l'assessore regionale alla cultura, Cristiano Corazzari - e che intendono avviare su basi solide un'attività imprenditoriale. Obiettivo della Regione è rafforzare una componente tutt'altro che trascurabile del sistema imprenditoriale veneto, fatto di aziende che operano nel campo della cultura e dello spettacolo, sostenendo finanziariamente l'avvio, l'insediamento e lo sviluppo di nuove iniziative e attività che promuovano ricambio e diversificazione nel sistema produttivo e generino nuove opportunità occupazionali".

"Sono ben 40 mila le imprese del settore che tra attività diretta e indotto coprono il 7% dell'occupazione totale regionale - precisa Corazzari -: per questo consideriamo strategico investire nella cultura e prevediamo anche nel 2017 e negli anni successivi di investire in questo genere di attività".

Il bando Por-Fesr per nuove imprese culturali e creative era rivolto a realtà operanti nei seguenti ambiti: 1) gestione di luoghi e monumenti storici; 2) attività editoriali; 3) studi di registrazione sonora/edizioni di registrazione sonora; 4) tutela del patrimonio aziendale contenuto negli archivi; 5) attività di produzione cinematografica e di video; 6) creazioni artistiche, letterarie e realizzazione di eventi culturali; 7) valorizzazione di musei; 8) attività di proiezione cinematografica; 9) attività nel campo della recitazione.

Leggi tutti gli articoli su: Fondi europei, Cristiano Corazzi, bandi regionali
Commenti

Ancora nessun commento.
Aggiungi commento

Accedi per inserire un commento

Se sei registrato effettua l'accesso prima di scrivere il tuo commento. Se non sei ancora registrato puoi farlo subito qui, è gratis.

Commenti degli utenti

Martedi 21 Febbraio alle 16:21 da kairos
In Cimitero acattolico, Variati: "Mai pensato di trasformalo in un parco"

Martedi 21 Febbraio alle 11:16 da Luciano Parolin (Luciano)
In Pochi iscritti alle elementari, scuole a rischio
Un popolo, una Nazione senza figli non ha futuro, è destinata ad estinguersi. Ma probabilmente, interessa a pochi. Ho lasciato la scuola da un decennio quando era al massimo dell'espansione, con poca presenza di stranieri. Nel 1988, chiusero la Scuola Media Palladio di Contrà Santa Maria Nova che aveva 10 corsi per 30 classi e quasi 1.000 Alunni. Alla chiusura mi trasferisco alla Maffei di Santa Caterina seguendo il Preside G.A. Novello anche lì con i nostri programmi, le attività, un gruppo di docenti UNITI e Validi i corsi risultarono 7 con 20 classi. Per quali motivazioni le famigli scelgono una scuola o un'altra oppure vanno nelle Paritarie? In primis l'accoglienza e la Formazione delle classi che dovrebbe essere un fatto scientifico di analisi dei bisogni delle Famiglie non tempo perso. La struttura scolastica è importante, le Maddalene hanno 100 anni, affumicate dai TIR, posta su una Nazionale. La Comunità di Maddalene, invece di progettare parcheggi farebbe meglio a pensare ad una scuola Nuova per i residenti, magari alla svedese inserita nella calma del verde e la seriola. MANCA UNA POLITICA PER LA SCUOLA quindi manca una previsione del Futuro per i Giovani. A suo tempo al sindacato scuola avevo proposto un normale orario scolastico, tutti i docenti ed alunni entrano alle ore 8 escono alle ore 16. Tutto compreso con mensa organizzata, trasporto per disabili, aula musica per concerti e orchestra scolastica, insomma un tempo pieno per tutti Alunni e Docenti. Salvati cielo dei sindacati e dei bidelli (!). Ma alla Maffei si costituì il primo Comitato Genitori legale, che ancora funziona. Ma purtroppo l'ingresso dei genitori a SCUOLA, non è tanto ben visto....Allora anche le "gamelle" hanno fallito!
Gli altri siti del nostro network