Quotidiano | Categorie: urbanistica

Traforo Schio-Valdagno, pedaggi meno cari per i pendolari con Telepass

Di Piero Casentini Venerdi 11 Novembre 2016 alle 14:17 | 0 commenti

ArticleImage

Presentato stamane, 11 novembre, a Palazzo Nievo sede della Provincia di Vicenza, il nuovo piano tariffario per il transito nel tunnel Schio-Valdagno, acquisito dalla Provincia nel 2010. Gli automobilisti in possesso di Telepass family relativo ad un veicolo di classe A, dal 1° gennaio 2017 avranno un pedaggio gratis per ogni transito pagato. In soldoni: l’andata si paga, il ritorno no. Il prezzo medio per questa categoria di utenti, solitamente pendolari, diventerà di 1 euro a passaggio.

Sino al prossimo anno le agevolazioni restano quelle invariate dal 2010, e cioè un transito gratis ogni quattro pagati per i titolari di Telepass family, per un prezzo medio di 1,5 euro, e 2 euro a passaggio per gli utenti comuni. Alla conferenza stampa erano presenti il presidente della Provincia, Achille Variati, il consigliere Renzo Marangon, la presidente di Vi.Abilità Cinzia Giaretta, il sindaco di Schio Valter Orsi, il sindaco di Valdagno Giuseppe Acerbi, il sindaco di Thiene Giovanni Battista Casarotto. Quest’ultimo, nonostante il suo Comune non sia direttamente interessato dal progetto, ha dichiarato: “l’Alto Vicentino si presenta compatto, in questo progetto di integrazione che in futuro potrebbe riguardare non solo la viabilità, ma anche la sanità”. “Grande soddisfazione” per Valter Orsi, il quale ha osservato come “la buona amministrazione è in grado di ridurre le tariffe migliorando il servizio. Questa operazione è un’ottima operazione che porta ad una migliore interconnessione tra le due vallate, del Leogra e dell’Agno”. Pensiero condiviso da Giuseppe Acerbi che ha osservato come “questo progetto punta verso una migliore integrazione delle persone, l’Alto Vicentino è sempre più un’area che lavora insieme”. Cinzia Giaretta ha illustrato i numeri relativi al tunnel Schio-Valdagno, dicendo che con questo progetto si aspetta di ripianare i mancati introiti dovuti all’abbassamento tariffario, con un aumento del traffico generale. Achille Variati ha confermato che l’andamento del progetto sarà monitorato, ma è un risultato reso possibile dalla ristrutturazione che ha interessato Vi.Abilità, di cui la Provincia possiede il 95%. “Abbiamo cercato di governare al meglio” ha dichiarato il presidente della Provincia. “Do atto ai sindacati di avere capito la necessità di arrivare ad un contratto unico per tutti i dipendenti, la ristrutturazione della società ha permesso la riduzione tariffaria che va incontro alle esigenze dei cittadini” ha concluso Variati.


Commenti

Ancora nessun commento.
Aggiungi commento

Accedi per inserire un commento

Se sei registrato effettua l'accesso prima di scrivere il tuo commento. Se non sei ancora registrato puoi farlo subito qui, è gratis.



ViPiù Top News


Commenti degli utenti

ieri alle 18:07 da kairos
In Bulgarini esalta gli incassi dei musei civici ma cerca il 30% di spese non coperte... Dalla gratuità della Basilica per Linea d'Ombra?

ieri alle 10:39 da Redazione VicenzaPiù (admin)
In Vicenza, terra di smemorati: dopo Gianni Zonin che nulla ricorda della BPVi, dimentica di aver firmato gli "indirizzi" di Variati Fabio Mantovani, candidato sindaco di FI e Lega

Domenica 21 Gennaio alle 17:40 da kairos
In Vicenza, terra di smemorati: dopo Gianni Zonin che nulla ricorda della BPVi, dimentica di aver firmato gli "indirizzi" di Variati Fabio Mantovani, candidato sindaco di FI e Lega
Gli altri siti del nostro network