Quotidiano | Categorie: Politica

Traffico illegale di animali dall'Est Europa verso l'Italia, l'indignazione di Berlato

Di Redazione VicenzaPiù Sabato 5 Aprile 2014 alle 15:39 | 1 commenti

ArticleImage

Sergio Berlato, FI - “Altri 220 cuccioli caricati e stipati su un furgone Iveco, che viaggiavano dall’Ungheria verso Caserta in condizioni igieniche pessime e fortunatamente intercettati mercoledì scorso dalla Polizia stradale sull’autostrada A13. Mi domando per quanto tempo dovremo ancora sopportare il traffico di cuccioli, e di animali in genere dall’Est”.

Lo dichiara Sergio Berlato, deputato al Parlamento europeo per il Ppe/Fi,, che aggiunge: “Molti di questi cuccioli di varie razze, peraltro di età compresa tra i due e i tre mesi e quindi nemmeno trasportabili per legge, al momento del controllo avevano difficoltà respiratorie e gli stessi documenti sanitari non erano in regola”.

“Io stesso in questi anni - precisa l’on. Sergio Berlato- ho più volte sottoposto la questione alla Commissione europea, sottolineando come il traffico di animali destinati alle adozioni sia un fenomeno che sta assumendo dimensioni di assoluta rilevanza nei confini dell’Ue, e se da un lato tale fenomeno viene presentato come frutto della solidarietà e con ampie ricadute di utilità sociale, dall'altra cela evidenti rischi di natura sanitaria, sociale, ed economica”.

“Non possiamo fare finta di non sapere- ricorda il deputato europeo-  che come in quest’ultimo caso mancano i controlli su questi animali, spesso trasportati da una parte all'altra del nostro continente, senza alcuna garanzia sanitaria”. “Il che comporta- ancora l’on. Sergio Berlato- che gli stessi siano trasferiti con potenziali patologie virali, batteriche e parassitarie, spesso con rischio di diffusione anche verso gli esseri umani. "Vi sono poi implicazioni di natura sociale – continua il deputato europeo – come la proliferazione in questo ambito, quanto meno sospetta, di associazioni prive di finalità di lucro, la cui presunta utilità sociale consente loro di accedere a fonti di finanziamento di vario genere, compresi i fondi europei”.

"Non va infine sottovalutato- ricorda l’on. Sergio Berlato – che questi animali da compagnia non correttamente socializzati sono esposti a fortissimi rischi di problematiche comportamentali che finiscono per interessare più o meno direttamente le istituzioni pubbliche e la società civile, con ricadute in termini di contenziosi legali, danni a cose e persone, necessità di assistenza sanitaria”.  “Inoltre- conclude il deputato europeo-le adozioni da altri stati sostituiscono quelle dei cani disponibili in loco, lasciando questi ultimi a carico delle rispettive collettività”.

Leggi tutti gli articoli su: Sergio Berlato, Animali, traffico animali

Commenti

Inviato Sabato 5 Aprile 2014 alle 17:12

Grazie alle Fiamme Gialle di Bologna! Venerdì 15 giugno 2007 presso la Sala stampa del Comando Provinciale di Bologna della Guardia di Finanza - di San Lazzaro di Savena (BO) la GdF ha reso noti i dettagli dell'operazione Black Dog (2002-2007); è stato possibile ascoltare chi ha condotto con merito e passione una straordinaria operazione di repressione di questo fenomeno, per raccontare come da poche e semplici denunce di animali morti poco dopo l?acquisto sia stato possibile giungere allo smantellamento di una organizzazione criminale di assoluto livello. Le interpellanze parlamentari servono quel che servono, ma fa molto l'impegno dell'anonimo cittadino...come sempre!
Aggiungi commento

Accedi per inserire un commento

Se sei registrato effettua l'accesso prima di scrivere il tuo commento. Se non sei ancora registrato puoi farlo subito qui, è gratis.



ViPiù Top News


Commenti degli utenti

ieri alle 18:39 da Luciano Parolin (Luciano)
In Mercoledì 24 gennaio su Rai 1 Alberto Angela presenta il patrimonio Unesco di Vicenza

Giovedi 18 Gennaio alle 18:40 da piero
In Musei civici, Jacopo Bulgarini d'Elci: "il raddoppio degli incassi in quattro anni è per me motivo di orgoglio personale"
Gli altri siti del nostro network