Quotidiano | Categorie: Interviste

Tom Perry, "l'uomo a piedi nudi". Antonio Peretti, "l'uomo del bene"

Di Antonio Seganfreddo Domenica 8 Gennaio 2012 alle 18:46 | 1 commenti

ArticleImage

"Ad un certo punto mi sono reso conto che le mie imprese da uomo che cammina scalzo sulle più impervie superfici che il nostro pianeta può offrire, non avrebbe più avuto senso senza uno scopo legato al bene dell'umanità". Con queste parole Tom Perry, nome d'arte di Antonio Peretti, esprime il senso profondo delle sue imprese da record, straordinarie dal punto di vista fisico e sportivo e nobili nel loro significato umano.

"Ho iniziato a discendere le montagne a piedi nudi quasi per scommessa con alcuni miei amici, e da li in poi una serie di vicissitudini mi hanno portato ad approfondire questa inconsueta pratica per una persona nata e cresciuta in provincia di Vicenza tra il XX ed il XXI secolo". "L'uomo a piedi nudi", dopo aver scoperto questo inconsueto modo di affrontare le montagne, ha iniziato a percorrere i sentieri più famosi delle Dolomiti e poi quelli di altre vette suggestive e di alcuni tra i principali vulcani della nostra Tom Perry col Dalai Lamapenisola. L'atto liberatorio di togliersi le scarpe e percorrere in maniera naturale quella che egli chiama "la madre terra" ad un certo punto ha generato una sorta di epifania interiore dell'alpinista il quale ha capito come le sue imprese avrebbero potuto essere più di un'inutile spot autoreferenziale: "Togliermi le scarpe e percorrere luoghi estremi mi ha fatto capire come noi della società occidentale siamo soffocati dalla nostra opulenza che ci rende schiavi di una vita disperatamente soggiogata all'apparire piuttosto che all'essere se stessi". Per questi motivi Tom Perry, nonostante abbia raggiunto una certa notorietà, si presenta al pubblico sempre con umiltà e senza falsa modestia, qualità per le quali lo si può definire "uno di noi". Non prova vergogna nell'esternare come sia una forte componente spirituale a guidarlo nelle sue imprese che da alcuni anni hanno anche lo scopo di raccogliere fondi per aiutare missionari impegnati all'estero in progetti umanitari. Forse proprio questa guida superiore lo ha portato ad incontri straordinari come quello con il Dalai Lama del 29 marzo 2006 a Dharm Sala in India, al quale ha portato la fiaccola olimpica disegnata da Pininfarina per le olimpiadi invernali di Torino e poi venduta per ricavarne una cifra sufficiente a costruire una scuola per gli orfani del Tibet. Questa esperienza e quella di seguire, ovviamente a piedi nudi, le tracce di papa Wojtyla nei luoghi di montagna che egli amava frequentare sono la testimonianza di come l'alpinista percorra anche un sentiero legato alla spiritualità ed all'incontro tra culture e religioni diverse: "L'umanità deve fare un passo indietro e fermarsi prima di realizzare la propria autodistruzione a livello morale, sociale ed ambientale". Con questa riflessione Tom Perry sta portando avanti delle nuove iniziative a partire dalla sua recente missione in Guatemala dove ha potuto toccare con mano l'inferno di una popolazione oppressa da quel perverso meccanismo di sfruttamento attuato dalle multinazionali a spese dei paesi del terzo mondo così ricchi di risorse ma impediti dallo sfruttarle per se stessi. Il passo indietro dell'umanità è anche nell'interpretazione della famosa profezia relativa al 2012 che Tom ha avuto il piacere di ricevere da uno sciamano discendente diretto del popolo Maya: "Una presa di coscienza rispetto a quanto stiamo distruggendo sarà necessaria da parte nostra". Il contatto con la Madre terra, la grande spiritualità in grado di sostenere la fatica psicofisica e l'obiettivo di contribuire al bene dell'umanità, sono diventati i punti di forza che hanno permesso ad Antonio Peretti di poter diventare Tom Perry l'"uomo a piedi nudi".

Leggi tutti gli articoli su: Dalai Lama, Tom Perry, Antonio Peretti
Commenti

Gianluca
Inviato Lunedi 9 Gennaio 2012 alle 10:35

Complimenti, a volte anche io vorrei intraprendere la corsa a piedi nudi, non c'è miglior appoggio che la pianta del piede.
Aggiungi commento

Accedi per inserire un commento

Se sei registrato effettua l'accesso prima di scrivere il tuo commento. Se non sei ancora registrato puoi farlo subito qui, è gratis.

Commenti degli utenti

37 minuti fa da commentariogiornale
In Moretti questa la sapeva, il dirigente non è morto per raggi di... Roma

oggi alle 09:02 da kairos
In Vicenza ai Vicentini: atto vandalico contro profumeria Menin dopo firma della petizione
Gli altri siti del nostro network