Quotidiano | Categorie: Eventi, Famiglia, Diritti umani, Vita gay vicentina

Tante famiglie, un unico amore: questo lo slogan della Marcia per i Diritti

Di Giulia Biasia Sabato 12 Dicembre 2015 alle 16:29 | 0 commenti

ArticleImage

Prende il via la Marcia per i Diritti organizzata per questo pomeriggio del 12 dicembre, a Vicenza. I manifestanti si sono riuniti in Piazza Matteotti, punto di partenza di questo evento regionale. "Sarà una manifestazione colorata" aveva detto Mattia Stella, presidente di Arcigay Vicenza, nell'intervista di giovedì 10 dicembre. Ed è proprio così. Tante sono le bandiere che sventolano, a partire dalla più nota con i colori della pace, che porta lo stemma di Arcigay.

Ci sono, poi, quelle viola dell'Associazione Arcilesbica, quelle azzurre dell'Associazione Genitori di Omosessuali, quelle rosse dell'Unione Studenti Universitari.
I partecipanti sono numerosi: donne, uomini, ragazzi e bambini. C'è anche Enrico Peroni, segretario Pd - città di Vicenza. Ricordiamo che Pd, Cgil e M5S hanno appoggiato la manifestazione. Elevato è anche il numero di carabinieri e poliziotti che aprono e chiudono il corteo per mantenerne il controllo. 
Le associazioni che partecipano sono: Arcigay di Vcienza, Padova e Verona, Arcilesbica di Treviso, Delos, Amnesty International, la Rete degli Studenti Veneti, i Lieviti di Verona.

(clicca qui per guardare la fotogallery dell'evento)


Commenti

Ancora nessun commento.
Aggiungi commento

Accedi per inserire un commento

Se sei registrato effettua l'accesso prima di scrivere il tuo commento. Se non sei ancora registrato puoi farlo subito qui, è gratis.





Commenti degli utenti

Lunedi 22 Gennaio alle 18:07 da kairos
In Bulgarini esalta gli incassi dei musei civici ma cerca il 30% di spese non coperte... Dalla gratuità della Basilica per Linea d'Ombra?

Lunedi 22 Gennaio alle 12:16 da zenocarino
In Tra bugie su BPVi, amnesie su Fondazione Roi e fonti di comodo sul "variatiano" Fabio Mantovani il GdV sarà equo col "sincero" Francesco Rucco? La risposta a Publiadige

Lunedi 22 Gennaio alle 10:39 da Redazione VicenzaPiù (admin)
In Vicenza, terra di smemorati: dopo Gianni Zonin che nulla ricorda della BPVi, dimentica di aver firmato gli "indirizzi" di Variati Fabio Mantovani, candidato sindaco di FI e Lega

Domenica 21 Gennaio alle 17:40 da kairos
In Vicenza, terra di smemorati: dopo Gianni Zonin che nulla ricorda della BPVi, dimentica di aver firmato gli "indirizzi" di Variati Fabio Mantovani, candidato sindaco di FI e Lega
Gli altri siti del nostro network