Quotidiano | Categorie: Politica

Site Pluto, Variati tende la mano a Lega e Pdl: uniti per difendere il territorio

Di Redazione VicenzaPiù Martedi 4 Settembre 2012 alle 13:16 | 1 commenti

ArticleImage

Comune di Vicenza  -  Il sindaco di Vicenza, Achille Variati, interviene sulle polemiche politiche legate al progetto statunitense di realizzare un nuovo centro di addestramento a Longare, ripristinando le strutture del sito Pluto. "Leggo - dichiara Variati - dichiarazioni che mi preoccupano da parte di esponenti importanti di Lega e Pdl sulla vicenda di 'site Pluto'.

In particolare, l'onorevole leghista Stefano Stefani, che ha un ruolo centrale come presidente della commissione esteri della Camera, e l'europarlamentare nonché coordinatore provinciale del Pdl onorevole Sergio Berlato, ieri hanno diffuso commenti molto simili: in sostanza, dicono che è giusto rivendicare un diritto all'informazione e alla trasparenza da parte delle istituzioni locali, così come è giusto proteggere e difendere il territorio vicentino; ma subito dopo se la prendono con me, volgendo in polemica politica la cosa, attaccandomi perché mi interesso di ciò che accade in un Comune vicino e accusandomi di voler accendere nuove polemiche e tensioni dopo la difficile vicenda Dal Molin. Non comprendo queste posizioni e, ripeto, mi preoccupano. Guardiamo ai fatti. Subito dopo aver denunciato come inaccettabile il fatto che si voglia, all'insaputa dei cittadini e delle istituzioni, realizzare un nuovo polo militare, ho cercato e trovato un'intesa con il commissario della Provincia, Attilio Schneck, e con il sindaco di Longare, Gaetano Fontana. Sono i due rappresentanti delle istituzioni più interessati alla vicenda, e appartengono a forze politiche diverse dalla mia, appunto Lega e Pdl. Insieme abbiamo spiegato i motivi della nostra contrarietà. Insieme abbiamo scritto una lettera al Presidente della Repubblica chiedendo il suo alto intervento a tutela dei diritti delle autonomie locali e a difesa del territorio. Come si vede, una presa di posizione che, pur con le comprensibili diverse sfumature, mette da parte le casacche dei rispettivi orientamenti politici per provare a identificare un terreno comune, nell'interesse della comunità vicentina. Così come non è mancata l'adesione da parte di un'altra importante esponente leghista, l'europarlamentare Mara Bizzotto, o quella della deputata del Pd Daniela Sbrollini".
"Ora - prosegue il sindaco di Vicenza - sarebbe semplice rispondere polemicamente agli attacchi strumentali di Stefani e Berlato. Magari ricordando le gravi responsabilità che i loro partiti hanno avuto, a livello locale, nella gestione della disgraziata vicenda Dal Molin. La mia scelta però è un'altra, e voglio valorizzare la parte positiva delle uscite di Stefani e Berlato, quella in cui ammettevano come legittime le preoccupazioni espresse. Io credo che questo non sia e non debba essere terreno per una sterile contrapposizione politica. Possiamo essere avversari su tante cose, dividerci sui temi, sulle proposte, sulle scelte. Ma penso che tutte le forze politiche vicentine debbano essere alleate nella difesa del nostro territorio. Se è così, se anche Lega e Pdl condividono le preoccupazioni che la Provincia assieme ai Comuni di Vicenza e Longare ha espresso, non facciamo l'errore di cercare di usare questa vicenda come terreno di scontro elettorale. Mi attacchino e mi critichino su altri temi, come è giusto che sia. Ma non su una materia come questa, che non deve dividere chi ha a cuore la dignità, la salute e la bellezza del nostro territorio. L'invito che faccio è sincero: proviamo su questa materia a parlare con una voce sola, come già stiamo facendo al livello delle istituzioni locali".
"Se invece preferiscono fare anche di questo tema un uso elettorale e polemico - conclude Variati - dicano con chiarezza che non sono contrari alla realizzazione di questa nuova, ennesima, installazione militare, progettata una volta di più sulla testa dei vicentini e in spregio al nostro territorio e alle autonomie locali

Commenti

Beppino Mattiello
Inviato Mercoledi 5 Settembre 2012 alle 18:13

Gli americani hanno voluto porre un'ipoteca sul "sito pluto", oramai in disuso. Possibile che con tutto lo spazio che un ex assessore comunale si è premurato di regalare loro dopo numerose trasferte romane al Dal Molin non ci fosse un'area disponibile per un edificio di esercitazione militare senza dover intasare la viabilità di Vicenza per spostamenti tra le varie caserme? Non posso pensare ad un errore progettuale. Molto probabilmente il sito pluto è destinato a tornare in auge e, Dio non voglia, per la destinazione d'uso che aveva prima della caduta del muro di berlino.
Aggiungi commento

Accedi per inserire un commento

Se sei registrato effettua l'accesso prima di scrivere il tuo commento. Se non sei ancora registrato puoi farlo subito qui, è gratis.

ViPiù Top News
Commenti degli utenti

ieri alle 19:46 da Vanni
In La presunta “gara degli aghi”, a difesa del primario Vincenzo Riboni arriva l'amico Gian Antonio Stella. Su CorSera attacca Nursind, che replica: “toccato il fondo”. E dg Ulss 6 Pavesi su Rai 3 boccia l'ex candidato sindaco

ieri alle 15:43 da pachiara9
In Variati ha detto no al Dal Molin poi costruito e critica Raggi per il no alle Olimpiadi a Roma che non si fanno: dissentiamo dal M5S ma il sindaco ha mai detto no al malaffare locale?
Marco Travaglio (interiore!). Come quasi sempre nomen omen. Travaglio esce studiato dai Gesuiti - come Berlusconi, tanto per fare un pò di colore - e da buon predestinato viene colpito subito dal travaglio interiore. Pensa che ti ripensa, matura rapidamente una chiara avversione per tutto quello che è cattolico e si scopre clericale e laico, in ciò forgiato dal suo mentore e maestro Montanelli, mica uno qualunque. Eccolo insomma galoppino al giornale di Montanelli che ne intravvede le doti giornalistiche: in effetti scrive chiaro e almeno si capisce quello che dice. Poi però anno dopo anno si intravaglia sempre più e da buon allievo gesuita matura un'avversione totale per i poteri più o meno forti, per i partiti e gli uomini di potere, facendo profferte amorose per la Magistratura italiana. Ora, la magistratura italiana, per chi l'ha assaggiata non è così male. E' semplicemente pessima nella sua struttura, organizzazione, arroganza e incapacità di giudicare bene e rapidamente, a parte casi particolari. Una vera e propria casta che si è sempre più staccata dal paese reale sino a diventare dominatrice assoluta all'interno dello Stato, condizionando spesso e volentieri la scena politica e sociale. Ad oggi un vero cancro inestirpabile. Ma il Marcuccio la ama e da anni ( lo seguo ab origine) sciorina la sua attività giornalistica come un giudice a latere: colpevoli, rimproveri, anatemi, etc. etc. Insomma è diventato un Roberspierre de noantri. Leggi il suo quotidiano malessere sul misfatto quotidiano e ti accorgi se non è vero. Lui vive e rinasce solo quando c'è qualcosa da colpire, da condannare, da intimidire. Ecco allora che il mio accostamento con tanto famoso creatore del terrore ci sta tutto.O meglio ci stava tutto. Fino a all'altra sera, quando di fronte allo scatenato e senza freni Bomba (come lo chiama lui) il nostro Marco Travaglio non è nemmeno riuscito a sostenerne lo sguardo, non lo mai guardato negli occhi, ma solo accusato. Per essere un piccolo Roberspierre, è stata una vera debacle!. Quanto al servizio doppio di cui sopra, non si capisce come mai Variati invece di guardare al disastro berico targato BPVI e altro, pensi alla Raggi. Non è che ha un debole per lei, ma non viene ricambiato.?

ieri alle 07:13 da kairos
In Variati ha detto no al Dal Molin poi costruito e critica Raggi per il no alle Olimpiadi a Roma che non si fanno: dissentiamo dal M5S ma il sindaco ha mai detto no al malaffare locale?

Lunedi 26 Settembre alle 21:32 da PaolaFarina
In La presunta “gara degli aghi”, a difesa del primario Vincenzo Riboni arriva l'amico Gian Antonio Stella. Su CorSera attacca Nursind, che replica: “toccato il fondo”. E dg Ulss 6 Pavesi su Rai 3 boccia l'ex candidato sindaco
Gli altri siti del nostro network