Quotidiano | Categorie: Politica, Fatti

Uffici tre ministeri a Monza: propaganda, ma preoccupante in paese civile e democratico

Di Redazione VicenzaPiù | Domenica 24 Luglio 2011 alle 20:25 | 0 commenti

ArticleImage

Giorgio langella, PdCI, FdS Vicenza  -  Ieri sono state inaugurate a Monza le sedi distaccate di tre ministeri. Con una cerimonia tinta di verde-lega, i ministri Brambilla, Bossi, Calderoli e Tremonti (più altre "autorità" come il presidente della regione Piemonte Cota e il sindaco di Monza Mariani) hanno mostrato gli uffici allestiti nella villa reale di Monza. Una stanza per Bossi e un'altra in comproprietà (sarà utilizzata da Calderoni, Tremonti e Brambilla).

Praticamente qualcosa che non serve a niente se non alla propaganda, ma che risulta una evidente pagliacciata se si osservano le suppellettili (una statuetta di Alberto da Giussano) e la fotografia di Umberto Bossi (da giovane) appesa alla parete. Ma che c'entra la fotografia del capo leghista in un ufficio istituzionale? Niente se non un patetico esempio di culto della personalità. Una cosa comica se ci trovassimo di fronte alla rappresentazione di qualche dittatura da operetta. Una cosa preoccupante in un paese che vuol essere civile e democratico.

Commenti

Ancora nessun commento.
Aggiungi commento

Accedi per inserire un commento

Se sei registrato effettua l'accesso prima di scrivere il tuo commento. Se non sei ancora registrato puoi farlo subito qui, è gratis.

Gli altri siti del nostro network