Quotidiano | Categorie: Turismo

Scuola e turismo, nuovo protocollo e progetti per 2 mln di euro da fondi Ue

Di Redazione VicenzaPiù Martedi 2 Febbraio 2016 alle 15:43 | 1 commenti

ArticleImage

Regione Veneto
Nuovo protocollo d’intesa siglato oggi tra Regione Veneto, Ufficio scolastico regionale e associazioni di categoria del settore turistico per creare nuove figure professionali nel turismo e favorire l’incontro tra l’offerta di competenze e profili professionali da parte del mondo della scuola e della formazione e la domanda da parte delle imprese del sistema.

Con la firma degli assessori alla formazione, Elena Donazzan, e al turismo, Federico Caner, della direttrice dell’ufficio scolastico regionale Daniela Beltrame e dei vertici regionali delle associazioni di categoria (Antonello De Medici per Confturismo, Marco Michielli per Confcommercio e Pier Giovanni Brunetta per Confesercenti), la Regione Veneto mette nero su bianco una intesa volta a programmare l’offerta scolastico/professionale in sintonìa con le esigenze di sviluppo e ammodernamento del settore e un pacchetto di 2 milioni di euro di fondi comunitari per i prossimi bandi rivoti a imprese, associazioni di categoria, istituti tecnici e centri di formazione professionale.

“Il comparto del turismo è la prima industria del Veneto, con quasi 19 mila imprese e 93 mila addetti nel 2014 – ha sottolineato l’assessore Caner – Un settore in crescita, che vale ha realizzato lo scorso anno 63,5 milioni di presenze aumentando del 5,5% il numero degli arrivi e che sta creando sviluppo e occupazione. Lo testimonia il trend delle assunzioni, con la stipula nel 2015 di quasi 115 mila contratti, di cui 14.165 a tempo indeterminato, il 45 % in più rispetto all’anno precedente”.

“Il turismo è un asse strategico, una infrastruttura portante della nostra economia – ha messo in rilievo l’assessore Donazzan – sul quale fare convergere in sinergia le nostre azioni politiche e la programmazione economica comunitaria. In veneto siamo stati antesignani, promuovendo nel 2011 il tavolo delle sinergie e nel 2912 il primo protocollo scuola-impresa, che ha già dato frutti significativi: con 3 milioni di euro di fondi comunitari sono stati realizzati 304 percorsi formativi per 2233 manager, titolari e collaboratori di impresa e 11 percorsi per 217 disoccupati. Al termine dei percorsi formativi/occupazionali, il 53 per cento degli utenti è risultato avere un’occupazione congrua con la qualifica conseguita”.

Nel dettaglio, il nuovo protocollo siglato tra regione, scuola e imprese attiverà nuovi progetti (a bando) per formare figure professionali in grado di affiancare le imprese e le destinazioni turistiche “nell’innovazione e differenziazione di prodotto”, “ nell’organizzazione e gestione dei prodotti turistici” e nelle “politiche di governance”, in modo da aiutare le imprese ad essere più moderne e competitive e i territori a qualificare e rendere più competitiva la propria offerta turistica. A titolo esemplificativo, la sinergìa tra scuola, aziende e categorie economiche potrà aiutare la scuola (e il sistema della formazione professionale) a formare esperti di rete, figure specializzate nella gestione delle reti di imprese o di club di prodotto, esperti di sviluppo di business, comunicatori digitali, destination manager. Tutte figure alle quali sono richieste competenze innovative e trasversali, capaci di coniugare saperi tecnici, capacità manageriali e cultura dell’accoglienza. Il monitoraggio dell’Osservatorio regionale sul mercato del lavoro, in collaborazione con l’Osservatorio regionale sul turismo, valuterà la domanda di lavoro espressa dal sistema turistico veneto, l’efficacia dell’offerta formativa e le potenzialità di inserimento dei nuovi profili, con i relativi esiti occupazionali.

Per finanziare i nuovi progetti formativi e le collaborazioni tra scuola e imprese, rivolti a studenti, disoccupati e giovani in cerca di prima occupazione, il Veneto fa perno sul cofinanziamento dei fondi statali e comunitari Fse e Fesr, promuovendo nel contempo la partecipazione di enti bilaterali, fondi interprofessionali e singole aziende.

Leggi tutti gli articoli su: turismo, Regione Veneto

Commenti

Inviato Lunedi 8 Febbraio 2016 alle 14:29

Con i fondi comunitari, "un pacchetto da 2 milioni di euro", si darà il via a Corsi Professionali magari tutti gestiti dalle Associazioni di categoria che serviranno solo a pagare i docenti dei Corsi...per cultura dell'accoglienza, "comunicatori digitali (?) boh? E senti senti figure specializzate nella gestione.....o di club di prodotto: Da non credere, nemmeno Renzi col suo job act, utilizza tale linguaggio, peggio di MERCATO del LAVORO non si può! Invece di creare posti di lavoro VERI, qui si finanziano Corsi professionali, magari per Laureati con 110 e Lode, solo per pagare qualche docente...di filosofia "pratica". Mala tempora currunt.
Aggiungi commento

Accedi per inserire un commento

Se sei registrato effettua l'accesso prima di scrivere il tuo commento. Se non sei ancora registrato puoi farlo subito qui, è gratis.



ViPiù Top News


Commenti degli utenti

ieri alle 18:07 da kairos
In Bulgarini esalta gli incassi dei musei civici ma cerca il 30% di spese non coperte... Dalla gratuità della Basilica per Linea d'Ombra?

ieri alle 10:39 da Redazione VicenzaPiù (admin)
In Vicenza, terra di smemorati: dopo Gianni Zonin che nulla ricorda della BPVi, dimentica di aver firmato gli "indirizzi" di Variati Fabio Mantovani, candidato sindaco di FI e Lega

Domenica 21 Gennaio alle 17:40 da kairos
In Vicenza, terra di smemorati: dopo Gianni Zonin che nulla ricorda della BPVi, dimentica di aver firmato gli "indirizzi" di Variati Fabio Mantovani, candidato sindaco di FI e Lega
Gli altri siti del nostro network