Quotidiano | Categorie: Politica

Se Otello Dalla Rosa supera sul filo di lana Giacomo Possamai e sarà il candidato del centro sinistra, è Achille Variati con Jacopo Bulgarini il grande sconfitto

Di Giovanni Coviello (Direttore responsabile) Domenica 3 Dicembre 2017 alle 21:28 | 1 commenti

ArticleImage

Se a vincere le primarie di centrosinistra, oltre al numero record del 6.347 partecipanti al voto, è Otello Dalla Rosa che per 26 voti, riconteggi eventuali a parte, batte un ottimo Giacomo Possamai con cui surclassa Jacopo Bulgarini d'Elci, vanno fatte alcune considerazioni sul primo dato politico storico in attesa che il futuro cominci a disegnarlo il vincitore delle amministrative 2018, che, comunque, senza i variatiani ai vertici, non saranno più in mano ai vecchi poteri salvo errori &... incursioni (qui la nota ufficiale del vincitore, ndr). Perciò, sperando che il giovane Pd e "vecchio" socialista Dalla Rosa (fu capogruppo, giovanissimo, del Psi nel Variati 1990-1995 e gode dell'alleanza importante di Ennio Tosetto e del Psi di Luca Fantò), se dovrà accogliere i due competitor nella sua squadra, privilegi il Pd doc Possamai.

Festeggiamenti di Otello Dalla Rosa con i suoi sostenitori Perciò, sperando che il giovane Pd e "vecchio" socialista Dalla Rosa (fu capogruppo, giovanissimo, del Psi nel Variati 1995 e gode dell'alleanza importante di Ennio Tosetto e del Psi di Luca Fantò), se dovrà accogliere i due competitor nella sua squadra, privilegi il Pd doc Possamai.

Se gli elettori hanno "ridimensionato" Bulgarini e, soprattutto, bocciato Achille Variati (se il capogruppo del partito di maggioranza non ha vinto e se il vice sindaco ha perso...) questo, dopo i complimenti al vincitore e le congratulazioni con uno sconfitto sul filo di lana, è il nostro auspicio: che Dalla Rosa rispetti il mandato odierno giocando di squadra, perchè poi bisognerà per la sua parte vincere la gara che conta, quella delle amministrative, non cancellando nessuno ma dando, però, il peso giusto e inequivoco alle varie componenti del trio e di possibili nuovi alleati, con aperture e senza chiusure preconcette.

La vittoria di Dalla Rosa con una incollatura di vantaggio su Possamai, che meriterebe, a nostro parere, un turno da assessore in un referato importante per farsi le ossa vere per la prossima tornata se, come ha promesso, Otello si limiterà a un "giro", è stata, infine, la sconfitta politica sonante di Achille Variati.

Pur provando a mettere subito, come al solito, il cappello sulla vittoria di Otello, dimenticando la sconfitta di Bulgarini, il sindaco uscente chiude i suoi dieci anni dei due ultimi mandati (dopo il primo del 1995) assistendo alla bocciatura senza se e senza ma di se stesso tramite Jacopo Bulgarini d'Elci, il suo delfino, che, però, ad oggi, tanto più che i numeri lo hanno decretato in maniera brutale, ancora non si capisce come mai fosse valutato dal primo cittadino attuale come il suo successore (il grafico è provvisorio).Dati provvisori delle primarie di VicenzaSe non si ricorre al richiamo degli affetti, poco consono al "cinico" Achille, e se non si pensa a un errore strategico, poco rispetto della sagacia del "boss" di Vicenza, non si può non pensare ad suo tentativo di rimanere, comunque, in sella quando, scalzato da quella di primo cittadino, verrà in automatico disarcionato anche dai "basti" da presidente della provincia e dell'Unione delle Province Italiane (UPI) da cui nasce anche la sua presenza nel cda della Cassa Depositi e Prestiti (CDP).

La sconfitta di Variati, prima ancora di Bulgarini, che senza il sostegno del suo mentore meno ancora avrebbe raccolto, caso mai si fosse pure candidato, potrebbe preludere a una maggiore difficoltà nel voler forzare la mano e i tempi per tre decisioni strategiche a fine mandato: Tav Tac allinterno della città, Aim "conferita" di fatto alla municipalizzata di Verona e, in ultimo, la cessione di una decina di immobili di pregio a un fondo gestito dalla discussa Investire Sgr sulla base di un'altrettanto discussa progettualità.


Commenti

Inviato Domenica 3 Dicembre 2017 alle 21:34

Pienamente condivisibile, direttore. Speriamo che su quei TRE PUNTI STRATEGICI, il novello sindaco possa, se NON cambiare tutto, almeno mediare
Aggiungi commento

Accedi per inserire un commento

Se sei registrato effettua l'accesso prima di scrivere il tuo commento. Se non sei ancora registrato puoi farlo subito qui, è gratis.





Commenti degli utenti

In Vicenza, terra di smemorati: dopo Gianni Zonin che nulla ricorda della BPVi, dimentica di aver firmato gli "indirizzi" di Variati Fabio Mantovani, candidato sindaco di FI e Lega

ieri alle 17:40 da kairos
In Vicenza, terra di smemorati: dopo Gianni Zonin che nulla ricorda della BPVi, dimentica di aver firmato gli "indirizzi" di Variati Fabio Mantovani, candidato sindaco di FI e Lega

Venerdi 19 Gennaio alle 18:39 da Luciano Parolin (Luciano)
In Mercoledì 24 gennaio su Rai 1 Alberto Angela presenta il patrimonio Unesco di Vicenza
Gli altri siti del nostro network