Opinioni | Quotidiano |

San Felice, tra svolte vere o presunte

Di Marco Milioni Martedi 19 Giugno 2012 alle 14:06 | 0 commenti

ArticleImage

Revocando l'agibilità alla sala scommesse Iziplay il comune ha scelto la linea dura. Indirizzando, anche se di rimando, una sottile puntura di spillo alla questura berica, che aveva dato l'ok al punto scommesse di corso San Felice. Quest'ultimo oggi di buon mattino era chiuso.

Bisognerà vedere se riaprirà i battenti. Non è difficile supporre che a palazzo degli Uffici abbiano deciso per una accelerazione sul piano del rigore. Ma è anche vero che l'accelerata è giunta dopo le bordate della Lega e di Franca Equizi che hanno messo in imbarazzo l'esecutivo municipale di centrosinistra. Rimane da capire ora se i titolari del locale, magari con un ricorso al Tar, faranno opposizione. E rimane da capire se il provvedimento emanato dall'amministarzione abbia la forza o meno di far tenere chiuso il locale, poiché in caso contrario sarebbe un secondo smacco per l'esecutivo berico di centrosinistra. Sullo sfondo però rimane un'altra questione. È sotto gli occhi di tutti la differenza nelal intensità della condotta tra il caso Iziplay e il caso Totem (con tutto ciò che ne consegue in zona Vecchia Ferriera). O fra il caso Iziplay e il caso della cosiddetta banca fantasma. La politica ha le sue responsabilità, ma anche i funzionari comunali hanno prerogative e obblighi di legge precisi. I quali impongono parità di trattamento da parte della pubblica amministrazione. Da questo punto di vista la giunta è in ansia per un'altra questione, quella che riguarda la querelle tra l'esecutivo il Caffé Piazza dei Signori(nel riquadro un concertino serale). Sembra che i clienti dell'esercizio siano intenzionati a protestare platealmente contro palazzo Trissino, ritenuto responsabile di una serie di complicazioni burocratiche.

Commenti

Ancora nessun commento.
Aggiungi commento

Accedi per inserire un commento

Se sei registrato effettua l'accesso prima di scrivere il tuo commento. Se non sei ancora registrato puoi farlo subito qui, è gratis.

Commenti degli utenti

oggi alle 18:34 da Gianluigi
In Tav/Tac a Vicenza, i cittadini scrivono ai candidati presidente Veneto
L'iniziativa del Comitato di Vicenza Est è un esperimento interessante
per riportare gli interessi dei cittadini nel processo elettorale.

Achille Variati, che aveva iniziato il suo secondo mandato con aperture
alla partecipazione civica ed anche alle ragioni del No dal Molin, si avvia
al termine del terzo suo mandato facendo approvare al Consiglio Comunale
in periodo natalizio un progetto preliminare per la TAV/TAC commissionato
dai poteri forti della città. Questo progetto non è giustificato da esigenze
tecniche ferroviarie, ha costi altissimi senza copertura finanziaria, ed inoltre
priva la città della storica stazione centrale, che si trova in un luogo perfettamente
adeguato alle esigenze dei cittadini ed alla vocazione turistica della città.

Il metodo seguito dal Sindaco per ridisegnare l'assetto urbanistico della città
al di fuori di un piano regolatore è stato chiamato "metodo Renzi" ed appare
del tutto in consonanza con i metodi del governo nazionale nel ridisegnare lo
statuto del lavoro, della scuola e soprattutto nella sciagurata legge elettorale.
I simpatizzanti del PD Renziano sono certo ammirati dalla grande abilità ed
energia del capo del governo. Tuttavia non possono ignorare che una vera
mutazione costituzionale è stata imposta a colpi di sedute ad oltranza del
Parlamento dopo una partita a due con il capo dell'opposizione, liquidando
le voci di dissenso nello stesso PD.

L'aspetto più inquietante della legge elettorale è che dopo tre anni di governi
di eccezione, siamo arrivati ad un presidenzialismo del primo ministro con
un Parlamento indebolito e subordinato, una "signoria" ben vista dalla finanza
internazionale, ma senza il contrappeso ed il controllo di un Parlamento forte,

La città di Vicenza ha la sorte di verificare come in questo nuovo quadro politico
globale cambino anche le forme della decisione e della partecipazione nelle
scelte urbanistiche locali. Sarà certo ancora possibile ad architetti ed urbanisti
offrire consulenza tecnica, se sapranno conquistare la fiducia di chi governa.
Sarà ancora possibile ai cittadini fare azioni di testimonianza a favore dell'ambiente
e del paesaggio. Ma sarà più difficile trovare l'appoggio di forze politiche su scelte
in contrasto con gli interessi dei poteri forti.

Per questo anche è importante sperimentare nuove forme di discussione che
costringano i candidati a manifestare il loro punto di vista su decisioni cruciali
per il territorio e che consentano agli elettori di vedere con maggiore chiarezza
al di là della propaganda ed a comportarsi di conseguenza nelle urne.

Sabato 23 Maggio alle 07:06 da kairos
In Alessandra Moretti: porta di casa mia aperta per una profuga con bimbo
Gli altri siti del nostro network