Interviste | Quotidiano | Categorie: VicenzaPiù, Informazione, Dal settimanale, Banche, Fatti, Economia&Aziende

Repetita juvant: rifacciamo le sette domande alla Popolare di Vicenza

Di Giovanni Coviello (Direttore responsabile) | Sabato 7 Luglio 2012 alle 14:58 | 0 commenti

ArticleImage

Da VicenzaPiù n. 237 (con BassanoPiù n. 18) in edicola, in distribuzione e sfogliabile comodamente dagli abbonati con tutti gli altri dettagli. 

Sul n. 235 di VicenzaPiù (26 maggio scorso) rendevamo pubbliche sette domande alla Banca Popolare di Vicenza dopo che, invano, dal 3 maggio avevamo chiesto di porle direttamente al Direttore generale Samuele Sorato e dopo averle a lui inviate perché, al limite, rispondesse anche via mail a noi e,soprattutto, ai lettori (i nostri sono 150.000 medi, unici al mese), suoi correntisti se non azionisti.

Il diniego («al momento il Direttore non rilascia interviste» ci scrisse la Responsabile Relazioni Stampa) continua e non c'è risposta (anche altri media hanno chiesto senza successo maggiore trasparenza su altri, importanti argomenti) alle domande che, fiduciosi, poniamo di nuovo provando, nel frattempo, a dare ai lettori sulla prima domanda le spiegazioni forniteci da un esperto in finanza dopo un ulteriore report della Standard & Poor's, che, ricordiamo, è l'agenzia di rating a cui la banca di Gianni Zonin ha contrattualmente commissionato il suo, per il quale paga il relativo fee... Ecco, di nuovo, le domande alla Banca Popolare di Vicenza per il tramite del dg Sorato e di seguito i commenti al punto 1,aggiornato.

1 - Sono ben diverse le valutazioni fatta dall'agenzia di rating Standard & Poor's, dei cui servizi vi servite e che ha abbassato il rating a lungo termine a BBB- e quello a breve ad A-3, e gli organi della Banca che hanno "apprezzato" il valore delle azioni. Ce ne può dare una lettura?
2 - Quali sono e come sono gestiti i rapporti tra il vostro Istituto e Il Giornale di Vicenza, di fatto l'unico quotidiano cartaceo locale, in considerazione del fatto che il vostro consigliere Giuseppe Zigliotto è anche presidente di Assindustria, che è socia di riferimento dell'editore della testata? Il fatto che tra gli interessi del presidente della Banca Popolare di Vicenza, Gianni Zonin, ci siano partecipazioni nella società editrice de Il Corriere del Veneto, uno degli altri due quotidiani che hanno pagine locali, non può far pensare a un legame troppo intenso con l'informazione locale?
3 - La Banca è sponsor fondamentale del Vicenza calcio. Come si pone di fronte alle prospettive future del club e alla proprietà che oggi fa riferimento a Sergio Cassingena ma che sembra avvolta da notevoli incertezze?
4 - Andrea Monorchio, una delle personalità più note nel mondo pubblico, è stato appena confermato nel suo ruolo di Vice Presidente. Qual è il suo apporto specifico alle strategie della BpVI?
5 - In passato aveva fatto discutere per vari motivi l'ingresso dell'Istituto nel mondo bancario siciliano, area in cui operano anche aziende del presidente. Recentemente è stata completata un'operazione di assorbimento di Banca Nuova, il vostro brand "siciliano", nella banca madre, per poi esserne contestualmente scorporata e rimessa in campo di fatto con lo stesso nome. Al di là delle motivazioni tecniche dell'operazione non pensa che "assorbire e scorporare" abbia ingenerato qualche ulteriore dubbio tra gli azionisti della banca, oltre a quelli sul rating, e ciò anche per la distanza fisica e culturale tra l'area di nascita della Popolare vicentina e un territorio delicato da "maneggiare"? Perché è proprio a Banca Nuova che fa riferimento l'attività di prestiti con cessione del "quinto" appena potenziata dal vostro gruppo?
6 - I rapporti della Banca col territorio, inteso come tessuto economico ma anche come area di intervento "benefico e culturale", sono apprezzati anche se si sente molto in questo ultimo ambito una sorta di predominanza, per lo meno nella percezione comune, della Fondazione Cariverona. Quali sono le Sue considerazioni al riguardo?
7- Oggi la Banca Popolare di Vicenza è tra i primi dieci istituti nazionali e, sia pure senza alcun legame societario, ha rilevato il testimone della storica presenza della finanza cattolica nel mondo bancario nel Veneto. C'è un qualche filo conduttore che lega queste due epoche così lontane? La BpVi è un segno della volontà di "indipendenza" della finanza locale da quella a matrice lombarda oppure, in un'economia globale, il cordone ombelicale col territorio non è più un must né un plus?
8 - Nel suo periodo come direttore generale quale merito maggiore si attribuisce nello sviluppo dell'Istituto e, se c'è, quale azione non avrebbe compiuto col senno del poi?

Commenti

Ancora nessun commento.
Aggiungi commento

Accedi per inserire un commento

Se sei registrato effettua l'accesso prima di scrivere il tuo commento. Se non sei ancora registrato puoi farlo subito qui, è gratis.

ViPiù Sera
Commenti degli utenti

Domenica 20 Luglio alle 08:01 da PaolaFarina
In Farina replica a Thibault su antisemitismo e sionismo. Ma tutto il mondo subisce guerre, armate o finanziarie
Se la risposta che cercava è questa: secondo me non si può essere antisionisti senza essere contro gli ebrei. Prima che una religione gli Ebrei sono un Popolo, è scritto chiaramente nella Torà, dove solo a metà del secondo libro il popolo ebraico riceve la Legge. Non ritengo opportuno rispondere ai copia ed incolla, perché una risposta articolata richiederebbe ore ed ore di studio e lavoro che non mi posso permettere, per rendere la tematica di comprensione a tutti. Lei cita la signora Sibony, Michelle Sibony pacifista che vive in Francia ed è la vice presidente di un gruppo che si chiama "Unione Ebrei per la Pace" e non la vice presidente dell'Unione delle Comunità Ebraiche francesi. Da buona pacifista vive in Francia e da lì non si schioda. Il rabbino Aron Cohen è anche lui un Naturei Karta come Weiss: ergo, non si possono identificare in loro dei rappresentanti del Mondo Ebraico, caso mai delle voci, talvolta discutibili. La parlamentare arabo-israeliana del partito Balad Hanin Zobai che siede in Parlamento (israeliano) e che percepisce regolare stipendio come tutti i parlamentari in Israele odia all'unisono Israele e gli Ebrei e rigurgita dichiarazioni di odio ogni volta che apre la bocca. Il nipote, che non percepisce uno stipendio dal parlamento come parlamentare, impugnando la bandiera di Israele, il paese di cui è cittadino e di cui si sente libero, Mohammad Zoabi afferma "Sono israeliano e resterò israeliano". Tanto è bastato perché si meritasse parole di ingiuriosa denigrazione da parte della cugina Hanin Zoabi e minacce di morte anche dall'interno della sua famiglia, tanto che la polizia ha dovuto approntare un programma di protezione. Vede in Israele esiste la libertà di espressione, detto questo poiché finora il nosstro dibattito è rimasto circoscritto a pochi, io non mi sottraggo dalle risposte ed il Direttore sa dove trovarmi, ma sono poche le persone che fanno controinformazione ed in questo periodo, nel mondo ci sono dai 15 ai 18 milioni di ebrei, meno della metà vive in Israele...il resto sparso nel mondo...ed il volontariato attivo è una grande soddisfazione, ma anche una grande fatica!

Sabato 19 Luglio alle 14:49 da commentariogiornale
In Gaza: risposta ad una ... non risposta
Liberté, Egalité, Fraternité sono i tre principi cardine della rivoluzione francese senza la quale tutti noi a quest'ora dovremmo versare la gabella al nobile di turno. Mi stupisce che un francese rinneghi questi basilari concetti della democrazia moderna solo perché qualcun'altro nel corso del tempo ne ha fatto un uso strumentale. Sarebbe come dire che la Francia e' male perché possiede delle colonie, direi che è una lettura riduttiva della storia della democrazia mondiale basata sul pregiudizio ideologico . Ed infatti a questo proposito il sig. Thibault riattacca col sionismo e l'antisemitismo (dopo certi titolo su questa testata era ovvio...) che è quanto di più ideologico possa esistere e sul quale non voglio entrare nel merito. Ci sono colpe in entrambi i fronti ma quello che spesso sfugge agli analisti e' la responsabilità della classe dirigente del modo arabo-mediorientale. Basta farsi un giro in quei paesi per rendersi conto dell' immenso divario economico tra ricchi e poveri. Mentre però in Europa queste tensioni sociali sono rivolte ai governanti, la rivoluzione francese ne è un esempio, nel mondo arabo le classi povere vengono strumentalmente inviate a combattere il concorrente economico. Se Israele fosse stato uno stato povero e disorganizzato a quest'ora non avremmo nulla da dirci. Quello che invece ho potuto costatare personalmente e' che quotidianamente in Israele vivono e lavorano fianco a fianco arabi, ebrei e cristiani alla faccia dell'ideologia!
Gli altri siti del nostro network