Lettori in diretta | Quotidiano | Categorie: Fatti

Raccomandata da Roma recapitata a Creazzo due settimane dopo. Poste Italiane si scusa: “c'è stato un disguido”

Di Citizen Writers Lunedi 17 Ottobre 2016 alle 17:16 | 0 commenti

ArticleImage

Un nostro lettore, il signor Bruno Marchesin, ci ha segnalato un caso di disservizio relativamente ad una raccomandata A.R. inviata da Roma il 27 settembre e recapitata a Creazzo l'11 ottobre, due settimane dopo. “Dal tracking della raccomandata – racconta Marchesin - risulta che la stessa è stata spedita giustamente da Roma con il servizio aereo e dopo meno di 48 ore essere in lavorazione a Padova per tre giorni, rimanere poi ferma a Vicenza otto giorni prima di essere recapitata. Questo è un esempio del disservizio postale in un continuo e dannoso peggioramento in quello che dovrebbe invece essere un servizio ai cittadini affidabile, veloce e puntuale come avviene in tutti i Paesi sviluppati”.

Sulla vicenda in questione ci ha fornito una spiegazione e alcune spiegazioni Poste Italiane che si scusa anche con l'utente:

Da verifiche presso il CPD di Vicenza San Lazzaro è emerso che la raccomandata n. 150584968456 destinata a Bruno Marchesin, oggetto di segnalazione, è stata presa in carico dal centro di distribuzione  il 3-10-2016 ma non è stata subito avviata al recapito a causa di un disguido. La zona riferita all’indirizzo di destino è la n. 53 ed è regolarmente servita da portalettere e priva di giacenza. Poste Italiane si scusa con il lettore e ricorda che è possibile presentare reclamo (in ufficio postale o sul sito di Poste Italiane) per avere spiegazioni ed accedere ai rimborsi. Se insoddisfatto dell’esito del reclamo (o se non ha ricevuto risposta) si potrà attivare la procedura di conciliazione (che prevede rimborsi fino a 600 euro)".

Di seguito le informazioni con le modalità a riguardo:

Rimborsi/indennizzi

Posta Raccomandata

ritardo nel recapito eccedente il 10° giorno lavorativo successivo alla data di spedizione = costo della spedizione.

ritardo nel recapito eccedente il 20° giorno lavorativo successivo alla data di spedizione = € 15,00 oltre al costo della spedizione;

ritardo nel recapito oltre 30° giorno lavorativo successivo alla data di spedizione = 30 € oltre al costo della spedizione.

mancato recapito/danneggiamento = 30 € oltre al costo della spedizione

LA CONCILIAZIONE Qualora il reclamo non abbia avuto esito soddisfacente o non sia stata ricevuta risposta entro   45   giorni successivi  all’invio  dello  stesso l’interessato  potrà  ricorrere  alla Procedura di Conciliazione. La Conciliazione,  che  si  svolge  in  sede  locale  e  con  l’eventuale  assistenza  di un’associazione dei consumatori, si conclude entro 60 giorni dalla ricezione dell’istanza, mediante la redazione di un verbale che verrà inviato all’utente. Poste Italiane promuove, per tutti i servizi di posta registrata nazionali ed internazionali (esclusivamente   per   la   tratta   nazionale delle  spedizioni  destinate  all’estero),  le procedure  di  Conciliazione  per  le  risoluzioni  extragiudiziali  delle  controversie  con  la clientela. E’ prevista una procedura di Conciliazione per i singoli consumatori, realizzata in   collaborazione   con   le   Associazioni   dei   consumatori,   ed   una   procedura   di Conciliazione  per  i  clienti  che  hanno  stipulato  con  Poste  un  contratto  per  prestazioni periodiche o continuative. Le   modalità,   caratteristiche   e   indennizzi   della   procedura   di   conciliazione,   sono contenute nei Regolamenti di Conciliazione Postale presenti sul sito www.poste.it Qualora la procedura di Conciliazione non sia andata a buon fine, entro 90 giorni dalla conclusione della stessa, l’interessato potrà rivolgersi all’AGCom, inviando una richiesta di  definizione  della  controversia  mediante  la  compilazione  del  “Formulario  CP”, che Poste  Italiane  rende  disponibile  sul  sito  web  e nelle  proprie  sedi,  anche  avvalendosi dell’assistenza di un’associazione nazionale dei consumatori. Resta salva, inoltre, la facoltà di adire l’Autorità Giudiziaria.

Leggi tutti gli articoli su: Poste italiane, Bruno Marchesin

Commenti

Ancora nessun commento.
Aggiungi commento

Accedi per inserire un commento

Se sei registrato effettua l'accesso prima di scrivere il tuo commento. Se non sei ancora registrato puoi farlo subito qui, è gratis.



ViPiù Top News


Commenti degli utenti

ieri alle 18:07 da kairos
In Bulgarini esalta gli incassi dei musei civici ma cerca il 30% di spese non coperte... Dalla gratuità della Basilica per Linea d'Ombra?

ieri alle 10:39 da Redazione VicenzaPiù (admin)
In Vicenza, terra di smemorati: dopo Gianni Zonin che nulla ricorda della BPVi, dimentica di aver firmato gli "indirizzi" di Variati Fabio Mantovani, candidato sindaco di FI e Lega

Domenica 21 Gennaio alle 17:40 da kairos
In Vicenza, terra di smemorati: dopo Gianni Zonin che nulla ricorda della BPVi, dimentica di aver firmato gli "indirizzi" di Variati Fabio Mantovani, candidato sindaco di FI e Lega
Gli altri siti del nostro network