Quotidiano | Categorie: Politica, Ambiente

In Italia gli alberi monumentali sono 20.000: a Vicenza quanti sono?

Di Luciano Parolin Sabato 25 Marzo 2017 alle 19:44 | 0 commenti

ArticleImage

La legge n° 10 del 1° febbraio 2013, difende e protegge il verde cittadino. E' uno strumento importante per lo sviluppo urbano sostenibile e la bellezza dei nostri giardini, troppo spesso bistrattati e mal frequentati. Per la difesa degli alberi monumentali, le Amministrazioni Comunali hanno avuto tempo 12 mesi per censirli, chi li danneggia dovrebbe essere sanzionato con 100 mila euro. Finalmente una buona notizia! L'unione tra natura e storia patria, sarà protetta dallo Stato. I grandi alberi, le cattedrali verdi che ombreggiano ancora lungo le nostre strade postali e carrozzabili, saranno protetti come i monumenti marmorei. I grandi alberi in Italia sono oltre 20 mila, quanti ne conta Vicenza? Uno dei doveri della prossima Ammistrazione Comunale dovrebbe essere quello di prendere carta e penna e fare il censimento del patrimonio arboreo ed arbustivo cittadino con annesso un regolamento per la tutela dell'ambiente urbano.

Credo che non sarà più possibile fare scempio della storia e della natura, senza una spiegazione logica, vedi: i Platani di Santa Libera, l'albera di Viale Trento, il Cedro di Viale Trieste, il pino di Borgo Scroffa, i Pini di Piazzale della Stazione, dell'Astichello e altri sacrificati spesso alle rotatorie con tanto di segagione.

Gli alberi secolari vanno protetti, la loro tutela è obbligatoria, niente abbattimenti o danneggiamenti. Gli Amministratori Comunali sono obbligati a rispettare gli standard minimi in materia di verde urbano, il prossimo Consiglio Comunale dovrà controllare ogni azione.

Purtroppo, nella nostra città in questo lustro di governo, il verde, invece di rappresentare un elemento di bellezza e di decoro, è diventato un problema, non solo per la crisi economica, ma anche per chi è preposto alla sicurezza, coordinamento, organizzazione del progetto ambiente per Vicenza che, non può essere lasciato a chi ha condotto sino ad oggi la politica ambientale cittadina.

Se diventassi Assessore, la prima cosa che farei sarebbe il 2° Bosco Urbano della città in Campo Marzio con la piantumazione di almeno 350 piante, una per ogni bambino nato nel 2018 e, come prescrive la Legge, il 21 novembre Giornata Nazionale degli Alberi.


Commenti

Ancora nessun commento.
Aggiungi commento

Accedi per inserire un commento

Se sei registrato effettua l'accesso prima di scrivere il tuo commento. Se non sei ancora registrato puoi farlo subito qui, è gratis.





Commenti degli utenti

1 ora e 4 minuti fa da zenocarino
In Tra bugie su BPVi, amnesie su Fondazione Roi e fonti di comodo sul "variatiano" Fabio Mantovani il GdV sarà equo col "sincero" Francesco Rucco? La risposta a Publiadige

oggi alle 10:39 da Redazione VicenzaPiù (admin)
In Vicenza, terra di smemorati: dopo Gianni Zonin che nulla ricorda della BPVi, dimentica di aver firmato gli "indirizzi" di Variati Fabio Mantovani, candidato sindaco di FI e Lega

ieri alle 17:40 da kairos
In Vicenza, terra di smemorati: dopo Gianni Zonin che nulla ricorda della BPVi, dimentica di aver firmato gli "indirizzi" di Variati Fabio Mantovani, candidato sindaco di FI e Lega
Gli altri siti del nostro network