Quotidiano | Categorie: Fatti

Quadrante Est, cambia la viabilità ma le auto restano in colonna

Di Pietro Zanella Giovedi 20 Aprile alle 23:12 | 0 commenti

ArticleImage

"Il problema di Palermo è il traffico..." si diceva nel capolavoro di Benigni, Johnny Stecchino. Una battuta che, in alcuni casi, ben si può applicare a Vicenza. Google, che tutto può e tutto vede, specifica: da via Quadri alla stazione di Vicenza occorrono in macchina 8 minuti. Un tempo appropriato per compiere un tragitto di soli 3,4 km. Orologio alla mano, però, in un giorno qualunque tra le sette e mezza e le nove di mattina, l'esercizio risulta quasi impossibile. Lo sanno bene gli automobilisti che ogni giorno sfidano la sorte trovandosi puntualmente bloccati in coda. Abbiamo fatto una prova, in macchina, partendo dall'incrocio tra via Quadri e viale Trieste il tempo di percorrenza è di 35 minuti sia che si proceda lungo viale Trieste per poi arrivare all'imbuto di via Quattro novembre, sia che si scelga la strada esterna continuando lungo via Quadri per poi passare dietro lo stadio ed arrivare a Borgo Berga ed infine lungo viale Risorgimento e viale Venezia.

Con la pioggia, ovviamente, il tempo speso nel traffico aumenta. Qualcosa non va, non tanto o non solo per gli ovvi disagi di chi la mattina compie quel percorso per arrivare a lavoro, ma anche perché lungo entrambi i percorsi negli ultimi anni sono state apportate diverse modifiche alla viabilità che, in teoria, avrebbero dovuto semplificare la vita ai vicentini.
Tre gli snodi più problematici: la rotatoria delle scalette di Monte Berico, via IV Novembre
e viale Venezia.
Tempi alla mano, tra le otto e le nove del mattino occorrono 25/30 minuti in auto per percorrere la strada dal sottopasso dello stadio, salire a Borgo Berga e poi superare la lungo colonna che tra semafori e corsi e riservate agli autobus procede fino alla stazione dei treni. Tempi analoghi anche per chi scegli l'alternativa di viale Margherita. Paradossalmente, poco meno di quanto impiega un autobus che però, oltre a sfruttare la corsia riservata di via Venezia, circola anche in centro storico in strade che non dovrebbero essere ingolfate dal traffico.
La situazione di via IV Novembre, nonostante i recenti lavori, è ancora allarmante. Il problema è sempre stato sostenuto fosse il "parcheggio selvaggio" dato dalla necessità dei genitori degli alunni dell'istituto Farina di accompagnare i propri figli a scuola. Un anno fa il Comune è intervenuto, apportando alcune modifiche alla viabilità sia delle vie della zona, sia alle modalità di stallo delle auto. Prendendo il tempo, però, per percorrere la via occorrono ancora 10 minuti contro i 2 indicati dal solito Google. In pratica scendendo dall'auto e proseguendo a piedi per gli 850 metri della via ci si mette meno.
Lo ripetiamo, qualcosa non funziona. Gli studi compiuti e pubblicati per conto dell'Amministrazione sul sito del Comune indicavano già allora problemi per le ore di punta, ma, al netto delle modifiche alla viabilità nulla sembra essere veramente cambiato.

Commenti

Ancora nessun commento.
Aggiungi commento

Accedi per inserire un commento

Se sei registrato effettua l'accesso prima di scrivere il tuo commento. Se non sei ancora registrato puoi farlo subito qui, è gratis.

Commenti degli utenti

36 minuti fa da commentariogiornale
In Moretti questa la sapeva, il dirigente non è morto per raggi di... Roma

oggi alle 09:02 da kairos
In Vicenza ai Vicentini: atto vandalico contro profumeria Menin dopo firma della petizione
Gli altri siti del nostro network