Quotidiano |

Usb: prove edilizie per chiudere la Provincia

Di Redazione VicenzaPiù Mercoledi 25 Luglio 2012 alle 22:04 | 0 commenti

ArticleImage

Raniero Germano, Usb Vicenza  -  E' vero il mondo sta cambiando. Ricordate una 15 di anni fa quando l'allora Presidente leghista Manuela Dal Lago sfrattò la Prefettura che se non tutti ricordano era nel Palazzo Nievo di via Gazzolle di proprietà della Provincia. La Prefettura dovette andarsene, "attraversare" la strada andare in affitto nel palazzo di fronte dei Maltauro: pare 40 mila anno a spese del contribuente. Tutto in nome del federalismo e della "padania" contro Roma Ladrona.

Ora in tempi di vacche magre, di mancanza di soldi, di provincie nel mirino "centralista" dopo che tutti i governanti hanno sperperato e speso a vanvera la Provincia ritorna a Canossa e propone alla Prefettura di tornare dov'era. Tutto risolto; assolutamente no.
L'operazione si inquadrerebbe in un disegno più ampio: vendita di Palazzo Folco vicino a Ponte Pusterla, trasferimento a Palazzo Arnaldi in contrà SS Apostoli di VI.Abilità. Si proprio così. Vi.abilità altra creatura della Dal Lago andrebbe nei palazzi della Provincia e lascerebbe Via Zamenoff dove paga l'affitto.
Tutto a posto. Si prende un pò di affitto dalla Prefettura, non si paga più l'affitto di Vi.Abilità. Operazioni di alta finanza e di gestione occulta dei beni pubblici, non c'è che dire.
Ma c'è un ma, dove vanno i 400 dipendenti della Provincia? Già dove vanno gli attuali dipendenti?
Dove potranno lavorare se non ci saranno nè i palazzi e tantomeno gli uffici?
Secondo i decreti Monti Vicenza come Provincia si salva e forse si allargherà un po' .
Sembrerebbe dunque non esserci problema. Entro i primi giorni di Settembre invece assisteremo alla più grande dismissione del Pubblico Impiego nel nostro paese. Dopo la Grecia, il Portogallo, l'Irlanda e la Spagna toccherà a noi italiani. Quando il Decreto 95/2012 sulla Spending Review verrà convertito in
legge, le Province avranno finito di esistere, al di là dei marchingegni istituzionali e delle funzioni attribuite.
L'art. 16 prevede una riduzione del fondo di equilibrio di 500 milioni di Euro per il 2012 e 1000 per il 2013. Questo taglio colpisce di più le Province che gestiscono molte funzioni, infatti e attuato sulla spesa corrente. Molte Provincie subiranno il dissesto finanziario con le immaginabili conseguenze per tutti i lavoratori - compresi quelli dell'indotto - e per gli utenti, che vedranno sparire servizi importanti e radicati nei territori. A Settembre si arriverà al dunque anche per la riforma istituzionale delle Province.
Per i lavoratori ci saranno tutte le problematiche legate al fatto di unire strutture diverse. Occorrerà stabilire nuove piante organiche e allineare i trattamenti economici. Tutte le Province (a patto che non falliscano prima) verranno stravolte. Ne rimarranno solo 43!!! Ma verranno completamente svuotate di funzioni. Si occuperanno solo di "pianificazione territoriale, tutela e valorizzazione dell'ambiente" e "pianificazione deiservizi di trasporto e gestione delle strade provinciali". In questi organi che diventeranno di secondo livello (cioè non eletti dal popolo ma nominati dai consiglieri comunali) i dipendenti rischiano la cassa integrazione e il successivo licenziamento al pari di quanto si prefigura in altri settori del Pubblico Impiego.
Ecco il quadro in cui si svolgono queste operazionei "edilizie" della Provincia di Vicenza; in questo quadro e con queste attribuzioni i dipendenti che resteranno nella Provincia saranno il 50% degli attuali, se così sarà allora ha ragione il Commissario; per l'Amministrazione Provinciale basta e avanza un palazzo.
Usb si opporrà con "ogni mezzo necessario" a questo destino e non tollererà manovre come quelle appena successe che l'informativa seguirà le decisioni già prese..
In questa nuova resistenza da opporre al governo che calpesta i servizi, il decentramento e la democrazia delle istituzioni, i Lavoratori delle Province non dovranno essere come il "cavallo diTroia", che si insedia nell'ennesima riforma dello Stato calata dall'alto.
Contro la cancellazione delle Province reagiremo con assemblee in ogni posto di lavoro; con incontri istituzionali con l'obiettivo di mantenere tutte le funzioni attualmente svolte dalle Province e gli stessi livelli occupazionali e professionali o di riassorbire funzioni e personale all'interno delle Regioni.
Raniero Germano

Commenti

Ancora nessun commento.
Aggiungi commento

Accedi per inserire un commento

Se sei registrato effettua l'accesso prima di scrivere il tuo commento. Se non sei ancora registrato puoi farlo subito qui, è gratis.

Commenti degli utenti

Martedi 21 Febbraio alle 16:21 da kairos
In Cimitero acattolico, Variati: "Mai pensato di trasformalo in un parco"

Martedi 21 Febbraio alle 11:16 da Luciano Parolin (Luciano)
In Pochi iscritti alle elementari, scuole a rischio
Un popolo, una Nazione senza figli non ha futuro, è destinata ad estinguersi. Ma probabilmente, interessa a pochi. Ho lasciato la scuola da un decennio quando era al massimo dell'espansione, con poca presenza di stranieri. Nel 1988, chiusero la Scuola Media Palladio di Contrà Santa Maria Nova che aveva 10 corsi per 30 classi e quasi 1.000 Alunni. Alla chiusura mi trasferisco alla Maffei di Santa Caterina seguendo il Preside G.A. Novello anche lì con i nostri programmi, le attività, un gruppo di docenti UNITI e Validi i corsi risultarono 7 con 20 classi. Per quali motivazioni le famigli scelgono una scuola o un'altra oppure vanno nelle Paritarie? In primis l'accoglienza e la Formazione delle classi che dovrebbe essere un fatto scientifico di analisi dei bisogni delle Famiglie non tempo perso. La struttura scolastica è importante, le Maddalene hanno 100 anni, affumicate dai TIR, posta su una Nazionale. La Comunità di Maddalene, invece di progettare parcheggi farebbe meglio a pensare ad una scuola Nuova per i residenti, magari alla svedese inserita nella calma del verde e la seriola. MANCA UNA POLITICA PER LA SCUOLA quindi manca una previsione del Futuro per i Giovani. A suo tempo al sindacato scuola avevo proposto un normale orario scolastico, tutti i docenti ed alunni entrano alle ore 8 escono alle ore 16. Tutto compreso con mensa organizzata, trasporto per disabili, aula musica per concerti e orchestra scolastica, insomma un tempo pieno per tutti Alunni e Docenti. Salvati cielo dei sindacati e dei bidelli (!). Ma alla Maffei si costituì il primo Comitato Genitori legale, che ancora funziona. Ma purtroppo l'ingresso dei genitori a SCUOLA, non è tanto ben visto....Allora anche le "gamelle" hanno fallito!
Gli altri siti del nostro network