Quotidiano | Categorie: Spettacoli&Cultura, Cinema

Progetto in evoluzione a Valdagno: la vida es sueño

Di Redazione VicenzaPiù | Venerdi 12 Novembre 2010 alle 09:49 | 0 commenti

ArticleImage

Comune di Valdagno - Si terrà domani, sabato 13 novembre 2010, alle ore 17.00 presso la Sala Bocchese di Palazzo Festari a Valdagno, la proiezione del film "La vida es sueño, Gio Ponti, l'uomo che visse due volte" con la regia di Marco Poma.
Si tratta del primo di due appuntamenti con i film dedicati all'architetto Gio Ponti. Le due proiezioni, in programma il 13 ed il 20 novembre, sono inserite in "Progetto in Evoluzione", il percorso promosso dal Comune di Valdagno, dall'Ordine degli Architetti P.P. e C. di Vicenza e dalla Fondazione Ordine degli Architetti P.P. e C. di Vicenza per rileggere il "luogo possibile" delle fondamenta della villa padronale nel Parco La Favorita.

Il film dossier "La vida es sueño, Gio Ponti, l'uomo che visse due volte" racconta il poliedrico architetto Gio Ponti attraverso le memorie di chi gli è stato più vicino: i quattro figli, Ettore Sottsass e Alessandro Mendini, passando per i critici dell'Architettura, nonché alcuni tra i più grandi registi italiani che ne hanno celebrato le realizzazioni.
Il titolo "La vida es sueño" è tratto da un dramma filosofico-teologico in versi scritto, nel 1635, dal famoso drammaturgo spagnolo Pedro Calderón de La Barca (1600- 1681), opera definita dalla critica come una sorta di versione cristiana dell'Edipo. Evocando il dramma familiare greco, la vita e le opere di Gio Ponti vengono narrate in prima persona attraverso i ricordi e le interpretazioni personali dei figli che confessano di aver vissuto con fatica, ma con affetto, sotto la sua pesante ombra.
Il sottotitolo "L'uomo che ha vissuto due volte", di hitchcockiana memoria, è riferito invece al fatto risaputo che egli dormisse pochissime ore per notte, avendo così a disposizione il doppio del tempo di un comune mortale per dedicarsi alle proprie aspirazioni. L'immensa opera di Gio Ponti è stata parzialmente raccontata con immagini d'epoca e attuali, con filmati della videoteca RAI, estratti di film di Nanni Loy, Michelangelo Antonioni, Mario Monicelli, con riprese effettuate nelle sue progettazioni architettoniche più note oppure provenienti dalla mostra tenutasi in suo onore alla Triennale di Milano nel 2003, che rappresenta il filo conduttore del documentario.
Iniziando con l'opera simbolo del grattacielo Pirelli, realizzato con l'ausilio strutturale di Pier Luigi Nervi, e passando per le sue produzioni architettoniche più note di Milano, della Francia, del Venezuela, dell'Etiopia, e analizzando le sue opere di grafica, di design e artistiche, il film mette in luce la grande personalità di Gio Ponti architetto e artista a 360° che è stato definito, a ragione, designer universale.
Vengono evidenziate le caratteristiche del suo genio e la cifra che lo rende riconoscibile grazie alle sue convinzioni estetiche e nazionaliste. Vengono illustrati anche gli svariati oggetti progettati per grandi aziende o enti pubblici nei più svariati campi: dalle scenografie teatrali, alle lampade (come per Fontana Arte), alle sedie (come la "Superleggera" ancora oggi prodotta da Cassina), agli oggetti da cucina (come le sue famose suppellettili per Richard Ginori), alle stoffe, ai vetri per Venini, agli interni di famosi transatlantici, fino alla Pavoni, una macchina dal design avanguardistico per caffè espresso da bar.
Non vengono omesse produzioni editori ali come "Domus" o "Casabella", nate dalla sua inventiva e con la collaborazione dei figli.

Nel frattempo prosegue fino al 28 novembre 2010, presso la Galleria Civica di Valdagno, la mostra "Gio Ponti alla Favorita di Valdagno", esposizione dei disegni e dei progetti dell'architetto milanese realizzati per Villa Favorita. Accanto a questo materiale una ricca documentazione fotografica sulla vita e le opere di uno dei maestri dell'architettura del ‘900, accompagnata da alcuni oggetti di design firmati da Gio Ponti.
La mostra rimarrà aperta con i seguenti orari: dal martedì al venerdì - 16.00-19.00; sabato e domenica 10.00-12.00 e 16.00-19.00.

Commenti

Ancora nessun commento.
Aggiungi commento

Accedi per inserire un commento

Se sei registrato effettua l'accesso prima di scrivere il tuo commento. Se non sei ancora registrato puoi farlo subito qui, è gratis.

Commenti degli utenti

oggi alle 18:14 da Lisa
In Farina replica a Thibault su antisemitismo e sionismo. Ma tutto il mondo subisce guerre, armate o finanziarie
Copio e incollo questo pezzo di Saviano che ho molto apprezzato

Le notizie che arrivano dal Medio Oriente straziano.
Se potessi esser ascoltato, chiederei la fine dei bombardamenti.
Chiederei al governo israeliano di fermarsi immediatamente.
Chiederei ad Hamas di smettere con i razzi.
Le morti dei bambini nei bombardamenti a Gaza scuotono lacerano impressionano. Come i bambini che muoiono in Siria, dove è in corso un conflitto che non indigna, un conflitto che in quasi tre anni ha fatto oltre 140mila vittime di cui 8mila sono bambini.
Da che parte stai? Mi gridano i tifosi della politica. Mi grida chi sta facendo del conflitto tra Israele e Palestina qualcosa di diverso che non la ricerca della pace. Di una pace vera e duratura che gioca una partita importante anche qui e inizia dalle parole.
Da che parte stai? Mi grida chi ignora la guerra civile siriana perché lì è più complesso tifare. In Siria per prendere parte devi conoscere.
Da che parte stai? Mi grida chi ci ha messo settimane per appoggiare Euromaidan perché in piazza c?erano gruppi di destra.
Mi pongono ossessivamente la domanda più inutile di tutte, credendola fondamentale: sei con Israele o con i palestinesi? Sono con la pace, con chi altri potrei essere?
E per farla bisogna dare spazio alla parte israeliana che vuole la pace e alla parte palestinese non fondamentalista. Ce la facciamo ad ascoltare chi non grida per odio? Spero di sì, almeno noi che non viviamo sotto le bombe e che dovremmo fare del ragionamento e del buon senso la nostra unica arma.
Gli altri siti del nostro network