Quotidiano |

Popolare di Vicenza, Massimo Pecori replica all'Adusbef su collusione con Banca: "Solo intenti diffamatori".

Di Pietro Rossi Giovedi 24 Settembre 2015 alle 12:36 | 0 commenti

ArticleImage

"Avete idea di quanti avvocati ha a contratto la banca? Sono centinaia". Tra quelle centinaia c'è anche lui, Massimo Pecori, figlio di Paolo Pecori, pm da anni a Vicenza anche in ruoli apicali. "Solo diffamazioni" è la sua risposta alle accuse di presunte collusioni della procura di Vicenza con la Banca Popolare di Vicenza, ventilate dall'Adusbef e riportate in un articolo di ieri apparso sul IlFattoQuotidiano.it.

L'Associazione Difesa Utenti Servizi Bancari, secondo quanto riportato dal quotidiano, ha scritto una lettera indirizzata al presidente della Repubblica, al ministro della Giustizia, al vice presidente del Csm e al presidente della Cassazione in cui denuncia "l'inerzia collusiva della procura di Vicenza".
"Questa tesi non merita neanche una replica - risponde Massimo Pecori da noi raggiunto telefonicamente - la Banca e il suo organigramma non avevano nessuna pendenza ai tempi in cui c'era mio padre (tra il 2003 e il 2005 e tra il 2010 e il 2012 ndr) e oggi non c'è nessun legame con le inchieste di ieri quindi non capisco questo atteggiamento se non una volontà diffamatoria nei confronti miei e di mio padre".
Secondo quanto afferma l'Adusbef, i procuratori avrebbero sistematicamente archiviato i procedimenti e le inchieste a carico del presidente della Popolare di Vicenza Gianni Zonin. "Evidentemente il procuratore di allora non le ha ritenute provate - rimarca l'avvocato - oggi stiamo parlando di un inchiesta che è relativa al 2014 ed è tutta un'altra cosa, questo evidenzia come non ci sia nessun tipo di rapporto ma solo il solito intento diffamatorio".
L'Adusbef, secondo quanto riportato dal Fatto, si è però spinta oltre. Nella lettera avrebbe infatti sottolineato come "alcuni magistrati o loro congiunti abbiano ottenuto prestigiosi incarichi dalla banca vicentina". È in questo passo che emerge il nome di Paolo Pecori in relazione al fatto che Massimo Pecori è uno degli avvocati della BpVi.
"A parte il fatto che io mi occupo semplicemente del recupero crediti, se ci fosse un nesso cronologico o di attività seguita con il mio incarico potrei anche capire ma sinceramente mi sembra solo smania di voler andare trovare a tutti i costi qualche relazione che non esiste", spiega Pecori, concludendo: "Capisco che uno da fuori possa interpretare come vuole, ma questo incarico l'ho preso solo grazie alle mie forze:..sapete quanti avvocati ci sono nella Banca Popolare di Vicenza?".


Commenti

Ancora nessun commento.
Aggiungi commento

Accedi per inserire un commento

Se sei registrato effettua l'accesso prima di scrivere il tuo commento. Se non sei ancora registrato puoi farlo subito qui, è gratis.



ViPiù Top News


Commenti degli utenti

Sabato 9 Dicembre alle 15:41 da Kaiser
In L'addio "accorato" di Variati e Cavalieri al fondo immobiliare: scelta di saggezza ma anche ammissione di cose non fatte

Sabato 9 Dicembre alle 15:31 da Kaiser
In Front office comune di Vicenza in via Torino, Claudio Cicero: dopo il fondo immobiliare il sindaco Variati rivaluti anche questa ipotesi

Sabato 9 Dicembre alle 10:37 da Kaiser
In Immobili comunali, Maria Teresa Turetta (CUB Vicenza): "Variati ha fatto bene a bloccare la cessione al fondo di Investire, ma la nostra protesta continua"

Venerdi 8 Dicembre alle 07:57 da PaolaFarina
In Sanità veneta, l'on. Daniela Sbrollini: "ennesima brutta figura l'arretramento dal quinto al sesto posto"
Gli altri siti del nostro network