Quotidiano | Categorie: Politica

Polemiche in Sala Stucchi: Coviello attacca, Dalla Pozza replica

Di Marco Milioni | Mercoledi 8 Agosto 2012 alle 17:57 | 0 commenti

ArticleImage

Antonio Dalla Pozza, assessore berico all'ecologia in quota Pd sarebbe stato minacciato da uno o più soggetti. Persone definite, dallo stesso assessore, amiche di alcuni collaboratori di VicenzaPiù. Le esternazioni di Dalla Pozza sarebbero state proferite durante una conferenza stampa organizzata stamani dall'amministrazione comunale di Vicenza a palazzo Trissino. Alla domanda da parte del nostro direttore su chi sarebbero gli autori delle minacce nonché alla richiesta di delucidazioni sul loro tenore Dalla Pozza sarebbe andato in escandescenze.

Così racconta Giovanni Coviello, direttore di Vicenzapiu.com, presente alla conferenza di questa mattina, in una lettera aperta inviata questo pomeriggio al sindaco berico Achille Variati, come Dalla Pozza esponente di spicco del Pd. Nella missiva si chiedono delle scuse formali da parte della giunta per l'uscita ritenuta «fuori luogo» imputata a Dalla Pozza. Il quale però non riconosce la ricostruzione di Coviello.

«I presenti potranno confermare. Non ho mai detto - fa sapere l'assessore - di avere ricevuto minacce da parte di collaboratori di VicenzaPiù né da amici dei collaboratori di VicenzaPiù. Ho solo detto di avere ricevuto nel tempo delle dure critiche da amici di alcuni collaboratori di VicenzaPiù tra cui l'ex consigliere comunale Franca Equizi. Credo - continua l'esponente del Pd - di avere come tutti il diritto di esprimere le mie opinioni. E di replicare alle accuse politiche quando lo ritengo doveroso». Il sindaco al momento non ha preso invece alcuna posizione.

Commenti

Ancora nessun commento.
Aggiungi commento

Accedi per inserire un commento

Se sei registrato effettua l'accesso prima di scrivere il tuo commento. Se non sei ancora registrato puoi farlo subito qui, è gratis.

Commenti degli utenti

Sabato 24 Gennaio alle 07:56 da commentariogiornale
In TAC, Leder: Vicenza è ufficialmente sotto osservazione dall'Unesco
Ma avete letto la lettera del WHC? È' una banale, seppur cortese, risposta ad una segnalazione. Pensate veramente che l'Unesco possa avere una decisiva azione sulla gestione del territorio? Vi sbagliate di grosso. La tutela delle città' e del paesaggio viene principalmente da noi stessi , dalla nostra cultura e sensibilità e non da associazioni che abbiamo creato solo per darci la parvenza di far parte di un club esclusivo. Quante città non sono iscritte nell'elenco dell'unesco e pure sono bellissime tanto quanto Vicenza.... Mi fa sorridere la sig.ra Leder, che tanto rimarca il fatto di rappresentare l'università di Ferrara magari con inglesismi tipo Department of Architecture of University of Ferrara , quando parla di pianificazione urbanistica di qualità. Mi chiedo dov'era nei decenni scorsi quando si compiva lo scempio della città con la costruzione di modeste periferie ed orrendi edifici? forse era troppo impegnata a insegnare teorie dell'urbanistica? Si perché la Prof. Leder non è' propriamente uno storico dell architettura o dell'arte o del paesaggio ma insegna "teorie" per l'appunto. Quindi perché solo ora se ne viene fuori pontificando a destra e a manca? forse la crisi spinge la gente a cercare nuove opportunità? Magari con qualche incarico ? A Vicenza non servono i professoroni, serve un serio tavolo di confronto tra e con i cittadini per ricreare quella sensibilità perduta dopo decenni di brutture. Il tema della Tav/Tac e' talmente devastante che potrebbe innescare tutto .questo .Per concludere cito un detto: "chi sa fa e chi non sa insegna".
Gli altri siti del nostro network