Quotidiano | Categorie: Politica

Polemiche in Sala Stucchi: Coviello attacca, Dalla Pozza replica

Di Marco Milioni | Mercoledi 8 Agosto 2012 alle 17:57 | 0 commenti

ArticleImage

Antonio Dalla Pozza, assessore berico all'ecologia in quota Pd sarebbe stato minacciato da uno o più soggetti. Persone definite, dallo stesso assessore, amiche di alcuni collaboratori di VicenzaPiù. Le esternazioni di Dalla Pozza sarebbero state proferite durante una conferenza stampa organizzata stamani dall'amministrazione comunale di Vicenza a palazzo Trissino. Alla domanda da parte del nostro direttore su chi sarebbero gli autori delle minacce nonché alla richiesta di delucidazioni sul loro tenore Dalla Pozza sarebbe andato in escandescenze.

Così racconta Giovanni Coviello, direttore di Vicenzapiu.com, presente alla conferenza di questa mattina, in una lettera aperta inviata questo pomeriggio al sindaco berico Achille Variati, come Dalla Pozza esponente di spicco del Pd. Nella missiva si chiedono delle scuse formali da parte della giunta per l'uscita ritenuta «fuori luogo» imputata a Dalla Pozza. Il quale però non riconosce la ricostruzione di Coviello.

«I presenti potranno confermare. Non ho mai detto - fa sapere l'assessore - di avere ricevuto minacce da parte di collaboratori di VicenzaPiù né da amici dei collaboratori di VicenzaPiù. Ho solo detto di avere ricevuto nel tempo delle dure critiche da amici di alcuni collaboratori di VicenzaPiù tra cui l'ex consigliere comunale Franca Equizi. Credo - continua l'esponente del Pd - di avere come tutti il diritto di esprimere le mie opinioni. E di replicare alle accuse politiche quando lo ritengo doveroso». Il sindaco al momento non ha preso invece alcuna posizione.

Commenti

Ancora nessun commento.
Aggiungi commento

Accedi per inserire un commento

Se sei registrato effettua l'accesso prima di scrivere il tuo commento. Se non sei ancora registrato puoi farlo subito qui, è gratis.

Commenti degli utenti

ieri alle 15:08 da angelicabruno
In La manipolazione informativa ovvero la disinformazione di massa

ieri alle 14:13 da Luciano Parolin (Luciano)
In La famiglia non è solo quella naturale: sit-in il 23 del Coordinamento Studentesco di Vicenza
Ci sono molte cose e fatti che, i ragazzi non possono comprendere o che capiscono per sentito dire. Uno di questi fatti della Società è la FAMIGLIA che, nella nostra Costituzione è descritta all'art.29 e seguenti come Naturale cioè secondo natura. Gli uomini e donne, nascono da un padre e una madre, da sempre, da Adamo ed Eva. Il resto sono storielle per i gonzi, vendite commerciali di uteri e bambini, inseminazioni ad alta tecnologia, e via discorrendo. Per quanto riguarda i partiti in continua campagna elettorale, non avendo altro da dire, non essendo in grado di progettare nulla per il futuro dei giovani, sbattono le pentole in TV chiamando "diritti"........il Possesso di un figlio: Da non credere! Chiamare "figli" i bambini COMPRATI dal baronetto Elton Iohn è Blasfemo, inconcepibile, fuori da qualsiasi logica democratica. Chi applaude a questo tipo di ...unioni, non ha capito niente di cosa è una Famiglia. Purtroppo sono molti che non hanno o non vogliono la famiglia, costa fatica, pulire il culo al bimbo in fasce, alzarsi di notte per il biberon, portarlo a scuola, farlo giocare, accudirlo, istruirlo, preparargli un futuro. Poi, a 15 /16 anni il motorino, poi la macchina, poi la discoteca, poi le frequentazioni eccc...Questo è la responsabilità di una Famiglia cioè del padre e della madre! Il resto sono ipocrisie nella peggiore delle propagande elettorali. Quale razzismo e discriminazione nella difesa di un VALORE PRIMARIO per una società in disgregazione come la nostra? Ecco perchè sono d'accordo con l'iniziativa Regionale per la Famiglia. Per Vostra conoscenza, la famiglia è anche: fratelli, sorelle, cognati, cugini NIPOTI, nonni, zii, tutti insiemi costituiscono la SOCIETA' ed il legame che li tiene assieme non è solo affetto e rispetto (sarebbe il meno) ma bensi avere lo stesso sangue. Piaccia o non piaccia, il primo Valore è la consanguineità! Il resto pubblicità per carosello. Luciano 1942.
Gli altri siti del nostro network