Quotidiano | Rassegna stampa | Categorie: Ambiente

Pfas, approvata in Regione la modifica del Piano Tutela Acque

Di Rassegna Stampa Venerdi 17 Febbraio alle 08:33 | 0 commenti

ArticleImage

Eliminare o, comunque spostare dalle zone di ricarica della falda, le «fonti» di inquinamento dell’acqua potabile: la Regione approva la nuova norma tecnica. La modifica al Piano Tutela Acque è stata confermata dalla Commissione ambiente regionale e per la consigliera veneta Cristina Guarda potrebbe riguardare strettamente il Vicentino: «Il riferimento è abbastanza esplicito, per Pfas e Miteni» dichiara l’esponente della Lista Moretti. Mentre l’assessore veneto all’Ambiente, Giampaolo Bottacin, ribadisce che si tratta di un provvedimento generale: «Non riguarda casi specifici, inoltre la Regione non ha poteri di spostare o far chiudere attività».

Il testo – che ora tornerà, per la promulgazione definitiva, alla Giunta regionale che l’aveva proposto – inserisce nelle norme tecniche del Piano tutela acque la possibilità della «rimozione o dislocazione» in aree a minor rischio delle «fonti di pressione che generano un impatto sulla falda tale da creare pericolo alla salute dei cittadini». Il nuovo comma, proposto dalla maggioranza di centrodestra, è stato approvato in commissione regionale anche da Andrea Zanoni (Pd) e Guarda. «Finalmente qualcosa si muove nel contrasto ai Pfas, anche se con cinque anni di ritardo» dichiarano i due consiglieri di minoranza, sostenendo comunque che l’ente regionale non ha «le idee ben chiare su come ridurre o eliminare contaminazioni del territorio. Questa norma, comunque, potrebbe aiutare le autorità locali, soprattutto i Comuni, a intervenire con un minimo di basi giuridiche a supporto e a relazionarsi con le tante industrie chimiche presenti nella pedemontana: cioè nel posto sbagliato, visto che è area di ricarica». Esprime apprezzamento per il voto unanime Bottacin, «il piano rappresenta uno degli strumenti più qualificanti per la tutela e gestione delle risorse idriche». L’assessore ribadisce comunque che non c’è alcun riferimento a siti specifici, a partire dall’industria chimica Miteni di Trissino: «Saranno gli enti preposti, non la Regione, a verificare se in base al piano di tutela delle acque ci sono o no le condizioni per chiedere spostamenti o sospensioni di attività di impianti». Intanto, dopo la firma nei giorni scorsi in Regione dell’intesa integrativa per la tutela delle risorse idriche nel bacino Fratta-Gorzone (che porterà 23 milioni di euro di investimenti ministeriali nell’area) ora per il presidente del Consiglio di bacino Valle del Chiampo Giorgio Gentilin è tempo di procedere con la Regione anche per i fondi ministeriali per i Pfas. Ovvero circa 80 milioni di euro: «L’intesa – sottolinea Gentilin - è propedeutica alla sottoscrizione di un accordo per individuare interventi di abbattimento delle sostanze perfluoroalchiliche e per la sostituzione delle fonti di approvvigionamento». Sul tema interviene anche Cristina Guarda, attaccando la Regione: «Esca dalla paralisi e presenti il programma degli interventi entro un mese, non c’è tempo da perdere».
Di Andrea Alba, da Corriere del Veneto

Commenti

Ancora nessun commento.
Aggiungi commento

Accedi per inserire un commento

Se sei registrato effettua l'accesso prima di scrivere il tuo commento. Se non sei ancora registrato puoi farlo subito qui, è gratis.

ViPiù Top News
Commenti degli utenti

ieri alle 07:17 da kairos
In Aggregazione Aim Agsm, Variati: scelta coraggiosa e determinata, per i cittadini servizi di qualità e tariffe ancora più basse

Mercoledi 21 Giugno alle 16:24 da Redazione VicenzaPiù (admin)
In Vicenza calcio: tifoso picchiato per il colore della sua pelle, Dalle Carbonare: "La Curva denunci"

Mercoledi 21 Giugno alle 09:38 da kairos
In La scala della terrazza della Basilica si consuma e l'Amministrazione sta a guardare

Mercoledi 21 Giugno alle 08:14 da kairos
In Veneto Banca, Laura Puppato: "Dichiarazione di Brunetta irresponsabile, è vergonoso"
Gli altri siti del nostro network