Quotidiano | Categorie: Fatti, trasporti

Pedemontana: un anno per aprire Thiene-Breganze e Bassano-Rosà

Di Piero Zanin Mercoledi 4 Gennaio 2017 alle 18:22 | 0 commenti

ArticleImage

Passi avanti per la superstrada Pedemontana, i tratti di Thiene-Breganze e quello di Bassano, in pochi mesi potrebbero, finalmente aprire. La notizia arriva da palazzo Balbi, dove da orami qualche tempo regna un certo ottimismo, ma la fine dei lavori è stata spostata al 2019. Il percorso resta ancora ad ostacoli, ma qualcosa si muove. Dal 2017, ricade solo sulla Regione, infatti, la responsabilità della supervisione del progetto superstrada. Grazie all'intervento del ministro Del Rio, non avranno più voce in capitolo i diversi commissari, come ing. Vernizzi, dg di "Veneto strade". Sul piatto balla ancora la cifra non trascurabile di 1,5 miliardi destinati a finanziare il cantiere. Le chiacchiere stanno, dunque, a zero.

Alla fine delle festività natalizie, vi è la certezza che la riapertura dei cantieri sarà ridotta: il consorzio Sis, infatti, non ha trovato il modo accedere ai fondi necessari per pagare subappaltatori, fornitori ed espropriati; un bottino magro per 5 anni di attività. Normale, dunque, che la data di chiusura del cantiere slitti ancora. Intanto però la regione non resta a guardare chiamando ad un tavolo le Province di Vicenza e di Treviso. L'obbiettivo è appunto quello di aprire, entro un anno, due tratti della superstrada a pedaggio. In particolare, si tratta dei segmenti tra la A31 Valdastico e Breganze e quelli che terminerebbero a Bassano-Rosà con l'obbiettivo dichiarato di allontanare il traffico pesante dalla città. Le due province sono dunque destinate a confrontarsi, in tempi, brevi, con il governo regionale a partire, forse, dal progetto della pedemontana risalente a 27anni fa.

Leggi tutti gli articoli su: Vicenza, Regione, Thiene, politica, Bassano, lavori, pedemontana, Breganze, Treviso

Commenti

Ancora nessun commento.
Aggiungi commento

Accedi per inserire un commento

Se sei registrato effettua l'accesso prima di scrivere il tuo commento. Se non sei ancora registrato puoi farlo subito qui, è gratis.



ViPiù Top News


Commenti degli utenti

ieri alle 18:07 da kairos
In Bulgarini esalta gli incassi dei musei civici ma cerca il 30% di spese non coperte... Dalla gratuità della Basilica per Linea d'Ombra?

ieri alle 10:39 da Redazione VicenzaPiù (admin)
In Vicenza, terra di smemorati: dopo Gianni Zonin che nulla ricorda della BPVi, dimentica di aver firmato gli "indirizzi" di Variati Fabio Mantovani, candidato sindaco di FI e Lega

Domenica 21 Gennaio alle 17:40 da kairos
In Vicenza, terra di smemorati: dopo Gianni Zonin che nulla ricorda della BPVi, dimentica di aver firmato gli "indirizzi" di Variati Fabio Mantovani, candidato sindaco di FI e Lega
Gli altri siti del nostro network