Quotidiano | Categorie: Politica

Park Farini - Festival NoDalMolin: chi paga? Per Meridio ditte appaltatrici dell'Erp fermo

Di Redazione VicenzaPiù Martedi 28 Agosto 2012 alle 14:20 | 0 commenti

ArticleImage

Meridio Gerardo, Consigliere Comunale Pdl - Interrogazione

In questi giorni è in corso il Festival no Dal Molin presso il Park Farini, non entro nel merito delle ragioni ideologiche che stanno alla base dell'iniziativa, ma ad alcune incongruenze amministrative e politiche. La richiesta di autorizzazione allo svolgimento del "Festival no Dal Molin" con somministrazione di alimenti e bevande, è stata presentata dalla Presidente dell'Associazione "Razzismo stop ONLUS" il 14.6.2012.

L'autorizzazione è stata rilasciata il 23.8.2012, per una validità dal 24.08.2012 al 09.09.2012, preso atto, si scrive nell'autorizzazione "del verbale della commissione di vigilanza del 25.8.2011 e vista la dichiarazione che le strutture non sono state modificate".
Nel fascicolo non vi è traccia alcuna, dell'autorizzazione all'uso dell'area, da parte della proprietà e se la stessa sia concessa in uso gratuito o a pagamento.
Il proprietario del parcheggio dovrebbe essere, il Comune di Vicenza; uso il condizionale, in quanto, la giunta Variati nel 2009 ha suddiviso in due l'intervento ERP finanziato con € 5.300.000 dalla Regione, in Via Farini ex parcheggio e a Laghetto.
Al Farini sono previsti 100 alloggi (76 deve realizzarli la ditta SARMAR e 24 la ditta GECOVE cui sono stati aggiudicati gli appalti, i lavori dovevano iniziare il 30 giugno 2010, come dichiara in un intervista l'Ass. Giuliari il 5.3.2012.
Tutto è fermo le ruspe non si vedono, l'area è recintata come cantiere e quindi presumo, in disponibilità alla ditta costruttrice.
Quindi se non il Comune, immagino siano state le ditte ad autorizzare lo svolgimento del Festival no Dal Molin.
Tutto ciò premesso si chiede:
- Chi ha concesso l'area per l'effettuazione del festival no dal Molin Comune le ditte costruttrici l'ERP?
- A quali condizioni? Gratuito o previo compenso ?
- Per quale motivo non è agli atti l'autorizzazione all'uso dell'area, sia essa di pertinenza del comune o delle ditte?

- Nel caso competa alle ditte, potevano concedere l'area per il Festival se trattasi di un cantiere ?
- Quanto sarebbe costato l'utilizzo di un parcheggio per questa manifestazione?
- Se la disponibilità dell'area è delle ditte, il Sindaco ritiene corretto che queste, da due anni non aprano il cantiere ERP e assegnino l'area a terzi magari dietro compenso ?
- Ci sono stati interventi del Comune per sollecitare le ditte alla concessione dell'area al Festival no Dal Molin?
Infine si chiede al Sindaco e all'assessore all'edilizia abitativa, se ritengano corretto che un cantiere sia fermo da due anni e non vi sia traccia di avvio dei lavori, nonostante le necessità di alloggi ERP.
In conclusione, sembra proprio che il Comune abbia trovato il modo di concedere gratuitamente un area al Festival no Dal Molin, che in altri casi costerebbe migliaia di euro, attraverso ditte che non avviano i lavori ERP da due anni, non pagano penali e non gli vengono revocati i contratti.
Nel contempo una delle ditte giustifica, nel suo sito, il ritardo dei lavori al Farini perché:
"Vicenza P.e.e.P. Laghetto e Via Farini : alloggi in vendita e affitto; l'intervento di cui si prevedeva l'inizio dei lavori entro la primavera 2010 è in forte ritardo a causa dei comitati locali contrari alla costruzione della base americana "DALMOLIN" molto vicina ; prevediamo di definire un cronoprogramma entro l'inverno 2012/2013"
A questo punto si chiede al Sindaco e all'Assessore che tipo di rapporto intercorra fra il Comitato no dal Molin, le Ditte, il Comune di Vicenza e l'area data per il Festival no Dal Molin?

Commenti

Ancora nessun commento.
Aggiungi commento

Accedi per inserire un commento

Se sei registrato effettua l'accesso prima di scrivere il tuo commento. Se non sei ancora registrato puoi farlo subito qui, è gratis.

Commenti degli utenti

Domenica 2 Agosto alle 16:37 da Giordano
In Ferrarin: Variati continua a sprecare i soldi dei cittadini, oltre a Franzina c'è Secco...
Cosa propone il Movimento 5 Stelle per la città? Tagli drastici alla casta a partire dai portaborse (Maurizio Franzina Comune Vicenza), dai trombati alle elezioni (Dino Secco Provincia di Vicenza), dagli amici degli amici (Matteo Quero AMCPS) pagati dai cittadini. Stop alla super dirigenza (Antonio Bortoli direttore generale indagato dalla Magistratura), spazio alla meritocrazia e alla selezione dei migliori nella direzione del Comune di VIcenza e delle aziende partecipate. Variati invece mantiene tutti, anche se inutili, purchè siano sotto il suo controllo, aumentando pure l'irpef ai cittadini e quindi mettendo mano direttamente nel loro portafogli. Non va bene nulla a Vicenza: strade impraticabili, poca sicurezza e poca tutela dei cittadini, aziende partecipate mal gestite che diventano palle al piede per le finanze e per il costo dei servizi che erogano, appalti di servizi al massimo ribasso con effetti devastanti per la qualità della vita dei vicentini (vedi Gestione Mercato ortofrutticolo, vigilanza strutture comunali e del nuovo tribunale, appalto pulizie degli edifici comunali, gestione del verde pubblico), viabilità e trasporto pubblico da terzo mondo.
Il Movimento 5 Stelle in Comune di Vicenza è forza minoritaria ma è oramai l'unica voce contro una malagestione che vede un sindaco/presidente della Provincia del partito democratico attorniarsi di personaggi discutibili che militano o hanno militato in Forza Italia.
Lei Parolin è d'accordo con questo modo di fare politica? Evidentemente si, adesso. A noi piacerebbe un sindaco del Movimento 5 Stelle, siamo certi che la città e i vicentini ne guadagnerebbero. Si goda la sua pensione Parolin, per molti di noi è un privilegio pure quella, il malaffare e la mala politica hanno tolto la speranza di una pensione dignitosa alle future generazioni. Chieda al suo Sindaco quante pensioni percepisce a fine mese, grazie al "duro" lavoro in Banca e ai mandati di consigliere regionale e a quanto ammonta il suo reddito mensile netto. Forse ci sarebbe da vergognarsi un po' a dichiararlo pubblicamente rispetto all'enorme fetta di popolazione che ha mille difficoltà.

http://www.vicenzapiu.com/leggi/giunta-chi-va-e-chi-viene-la-sua-lettura-da-parte-di-luciano-parolin#articlecontent

http://www.vicenzapiu.com/leggi/periferie-cittadine-parolin-variati-le-ha-trascurate-e-la-qualita-della-vita-peggiora

http://www.vicenzapiu.com/leggi/parolin-per-dal-lago-per-i-quartieri-solo-promesse-elettorali-di-variati

http://www.vicenzapiu.com/leggi/tensioni-in-lega-salta-il-summit-dei-debuttanti-della-lista-dal-lago
Gli altri siti del nostro network