Quotidiano | Categorie: Politica, Diritti umani

O.N.U, la "Messalina" dei paesi arabi: tra i membri dell'UN Women l'Arabia Saudita che nel "Consiglio delle giovani" non mostra donne

Di Paola Farina Mercoledi 3 Maggio 2017 alle 15:26 | 0 commenti

ArticleImage

Nel 2016 l'O.N.U. ha avuto la brillante idea di inserire l'Iran - uno dei paesi più ginecofobo - del mondo nel comitato esecutivo dell'UN Women, l'organismo delle Nazioni Unite deputato a tutelare l'uguaglianza del sesso femminile. Probabilmente il silenzio politico internazionale, nel corso degli anni, ha fortificato l'O.N.U., autorizzandolo a deragliare sempre di più. Secondo alcune fonti, tra le quali UN Watch, qualche giorno fa l'Arabia Saudita è stata eletta membro dell'UN Commission on the Status of Women, per il periodo che va dal 2018 al 2022. A votare l'Arabia Saudita con Iraq, Repubblica di Corea, Giappone, Turkistan (video nomination) nella stessa Commissione, sarebbero stati anche Belgio, Repubblica Ceca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Italia, Portogallo, Svezia e Regno Unito ai quali si sono uniti gli Stati Uniti oltre naturalmente a diversi Stati arabi.

Il condizionale è d'obbligo perché la nomina è avvenuta a votazione segreta e anche questo è molto poco ortodosso, secondo Hiller Neuger, rispettabile fonte e Direttore di UN Watch, che si è detto sconcertato per questa decisione.
Il 2016 è stato un anno deleterio per le scelte dell'O.N.U. tanto è vero che le dittature di Arabia Saudita, Cina, Cuba ed Egitto, Stati tra i peggiori violatori dei Diritti Umani al mondo, sono entrate in posizioni chiave al Consiglio dei Diritti Umani delle Nazioni Unite.
Non conosco lo stile di vita delle donne in Turkistan, non avendo avuto esperienze dirette e in Iraq, che una volta conoscevo, ora è stata smarrita ogni identità umana, ma so bene quale sia la condizione delle donne in Arabia Saudita; dove si è costretti dire che le donne hanno pochi diritti, di fatto non hanno proprio diritti. Senza entrare nel merito della statistica secondo il World Economic Forum's Gender Gap Rating, in altre parole pari opportunità, le cui chiavi di lettura sono molto complesse, la condizione femminile nel regno wahabita è probabilmente una delle peggiori, se non la peggiore in assoluto, al mondo. A marzo ha lanciato "Il Consiglio delle Giovani" (difficile la traslitterazione ed interpretazione), nella foto si vedono tredici uomini e zero donne, ma il Governo di Ryad ha precisato che le donne erano invitate, ma obbligate a sedersi in una sala separata, ingabbiate, in altre parole. Ora la Nazione che più di ogni altra discrimina le donne viene incaricata dall'Onu di tutelarle. Le donne in Arabia Saudita non hanno ancora il diritto di possedere un loro passaporto, anche se si parla del 2017 come anno in cui le donne saudite potranno realizzare questo sogno...ma è un'ipotesi, non una legge della quale bisognerà vederne le articolazioni. Il suo ingresso alla Commissione per i Diritti Umani deve portare a una riflessione, ma come può l'O.N.U. per decidere per il mondo?
Ai vertici, dallo scorso anno, nel Comitato contro la sottomissione dei popoli (Committee Against Subjugation of Peoples), siedono anche paesi come il Venezuela e la Siria, il cui dittatore siriano Bashar al-Assad, non mi sembra un profonditore di pace e giustizia. Perché il mondo si scandalizza ora, dopo cinque anni di feroce guerra civile e Bashar al-Assad mantiene la sua solida posizione nella Commissione? Il Papa può parlare di pace quanto vuole all'O.N.U. e ovunque ma non mi sembra che i suoi appelli siano tanto ascoltati, nella pratica hanno meno valenza di quella di un anchorman e spesso la sua parola è iniqua. Nel novembre del 2016 in una sola giornata, le commissioni dell'Assemblea generale delle Nazioni Unite hanno adottato 10 risoluzioni contro Israele, l'unica società aperta del Medio Oriente, una contro la Siria, una contro la Corea del Nord e una contro la Crimea.
Alla luce di quanto sopra mi domando se i nostri rappresentanti politici nazionali, europei e internazionali (insomma tutti quelli che dovrebbero rappresentarci nel mondo ed essere il nostro punto di riferimento) sono a conoscenza di quello che succede "nei porcili di vetro", di certo ogni comune cittadino deve capire che essere rappresentati da ignoranti ai vertici O.N.U. & C. e ai massimi livelli politici in generale, da uomini e donne totalmente privi di una cultura geopolitica è come mettere le foche a guardia di un allevamento di pesci!

Leggi tutti gli articoli su: Onu, Il Consiglio delle Giovani, UN Women

Commenti

Ancora nessun commento.
Aggiungi commento

Accedi per inserire un commento

Se sei registrato effettua l'accesso prima di scrivere il tuo commento. Se non sei ancora registrato puoi farlo subito qui, è gratis.



ViPiù Top News


Commenti degli utenti

ieri alle 18:39 da Luciano Parolin (Luciano)
In Mercoledì 24 gennaio su Rai 1 Alberto Angela presenta il patrimonio Unesco di Vicenza

Giovedi 18 Gennaio alle 18:40 da piero
In Musei civici, Jacopo Bulgarini d'Elci: "il raddoppio degli incassi in quattro anni è per me motivo di orgoglio personale"
Gli altri siti del nostro network