Quotidiano |

Jobs Act, Luca Zaia: "Vogliamo un election day, referendum sui voucher e sull'autonomia"

Di Redazione VicenzaPiù Mercoledi 11 Gennaio alle 16:48 | 0 commenti

ArticleImage

Questa è l'ultima chiamata per il governo. Visto che si va verso un referendum sui voucher e sulla responsabilità solidale sugli appalti, chiediamo per la seconda volta al governo l'election day, cioè l'abbinamento del referendum sull'autonomia del Veneto con quello che ha ricevuto il sì della Consulta".

La richiesta arriva dal presidente della Regione del Veneto Luca Zaia, dopo il pronunciamento della Corte Costituzionale che dichiarato ammissibili i referendum proposti dalla Cgil sui voucher e sulla responsabilità in solido appaltante-appaltatore.governo non ha avuto neanche la dignità di rispondere, costringendo la giunta regionale a stanziare 14 milioni di euro nel bilancio 2017 per l'effettuazione della consultazione referendaria sulla nostra autonomia".

"E' la seconda volta che chiediamo l'election day - fa rilevare Zaia - e la prima volta il precedente governo non ha avuto neanche la dignità di rispondere, costringendo la giunta regionale a stanziare 14 milioni di euro nel bilancio 2017 per l'effettuazione della consultazione referendaria sulla nostra autonomia".

"Torniamo a chiederlo con la pazienza di chi sa di avere ragione - sottolinea Zaia - facendo notare ad un governo che predica ogni giorno risparmi sulla spesa pubblica, che far gravare sui veneti un costo di 14 milioni che potrebbero essere spesi in modo più virtuoso per sanità, servizi sociali o altre necessità, costituisce una terribile contraddizione".

"Il governo dica apertamente - conclude il presidente veneto - che non vuole dare spazio all'autonomia. Ma sappia che a questo referendum noi non rinunceremo e ci andremo comunque, anche senza l'election day. Qualcuno dovrà poi spiegare ai veneti perché questa operazione di abbinamento non è stata possibile, nonostante sia stata sollecitata per ben due volte".

 

Leggi tutti gli articoli su: referendum sull'autonomia, Luca Zaia
Commenti

Ancora nessun commento.
Aggiungi commento

Accedi per inserire un commento

Se sei registrato effettua l'accesso prima di scrivere il tuo commento. Se non sei ancora registrato puoi farlo subito qui, è gratis.

Commenti degli utenti

Martedi 21 Febbraio alle 16:21 da kairos
In Cimitero acattolico, Variati: "Mai pensato di trasformalo in un parco"

Martedi 21 Febbraio alle 11:16 da Luciano Parolin (Luciano)
In Pochi iscritti alle elementari, scuole a rischio
Un popolo, una Nazione senza figli non ha futuro, è destinata ad estinguersi. Ma probabilmente, interessa a pochi. Ho lasciato la scuola da un decennio quando era al massimo dell'espansione, con poca presenza di stranieri. Nel 1988, chiusero la Scuola Media Palladio di Contrà Santa Maria Nova che aveva 10 corsi per 30 classi e quasi 1.000 Alunni. Alla chiusura mi trasferisco alla Maffei di Santa Caterina seguendo il Preside G.A. Novello anche lì con i nostri programmi, le attività, un gruppo di docenti UNITI e Validi i corsi risultarono 7 con 20 classi. Per quali motivazioni le famigli scelgono una scuola o un'altra oppure vanno nelle Paritarie? In primis l'accoglienza e la Formazione delle classi che dovrebbe essere un fatto scientifico di analisi dei bisogni delle Famiglie non tempo perso. La struttura scolastica è importante, le Maddalene hanno 100 anni, affumicate dai TIR, posta su una Nazionale. La Comunità di Maddalene, invece di progettare parcheggi farebbe meglio a pensare ad una scuola Nuova per i residenti, magari alla svedese inserita nella calma del verde e la seriola. MANCA UNA POLITICA PER LA SCUOLA quindi manca una previsione del Futuro per i Giovani. A suo tempo al sindacato scuola avevo proposto un normale orario scolastico, tutti i docenti ed alunni entrano alle ore 8 escono alle ore 16. Tutto compreso con mensa organizzata, trasporto per disabili, aula musica per concerti e orchestra scolastica, insomma un tempo pieno per tutti Alunni e Docenti. Salvati cielo dei sindacati e dei bidelli (!). Ma alla Maffei si costituì il primo Comitato Genitori legale, che ancora funziona. Ma purtroppo l'ingresso dei genitori a SCUOLA, non è tanto ben visto....Allora anche le "gamelle" hanno fallito!
Gli altri siti del nostro network