Quotidiano | Categorie: VicenzaPiù, Informazione, Dal settimanale, Fatti

Non vedo, non sento, non parlo

Di Marco Milioni | Lunedi 23 Luglio 2012 alle 00:56 | 0 commenti

ArticleImage

Da VicenzaPiù n. 238 (con BassanoPiù n. 19) in edicola, in distribuzione e sfogliabile comodamente dagli abbonati

In tutta la giostra del caso Uil c'è una questione di fondo che rimane in sospeso. Quanto raccontato sino ad oggi da VicenzaPiù è di una gravità inaudita perché mette in una pessima luce un soggetto come il sindacato che dovrebbe avere come primo interesse la tutela dei lavoratori. In questo scenario le strade percorribili dal buon senso sono due (nella foto Angeletti, Chisin, Lago)).

Primo, tutto è inventato. Allora i soggetti che hanno lanciato accuse, redatto note e scritto lamentele, vanno censurati al più presto mentre il sindacato per tutelare sé stesso e i lavoratori dovrebbe prendere posizione in modo netto, forte e udibile da tutti. Ma questo non è avvenuto. Secondo, tutto, o molto, è vero. Allora il sindacato ha una colpa ancora maggiore. Perché o è colluso con chi si è comportato scorrettamente o non è in grado di ripristinare un minimo di correttezza interna.
Altrettanto preoccupante è il comportamento degli altri sindacati che in tutta questa vicenda non hanno espresso un giudizio su colleghi coi quali poi sono andati o andranno magari a trattare in delegazione dalla controparte. Come mai? Lo stesso vale per la politica, che è sempre la prima ad attaccare il sindacato su questioni contrattuali o sulla riforma del lavoro (vedasi la querelle Fiom-Fiat), ma che sta invece stranamente zitta di fronte a casi del genere. La cosa per caso è dovuta a qualche liason partitica tra qualcuno dei protagonisti della vicenda?
Ma il silenzio che più rattrista è quello della stampa regionale e locale le quali di fronte ad una situazione tanto eclatante hanno deciso di non raccontare alcunché, nonostante la cosa sia già finita sui media nazionali. Frattanto, dalla sua intervista esclusiva pubblicata, registriamo le parole di Silvana Bianchi, titolare della Bts, la quale sottolinea che «la sua ditta ha agito correttamente e in piena coscienza».

Commenti

Ancora nessun commento.
Aggiungi commento

Accedi per inserire un commento

Se sei registrato effettua l'accesso prima di scrivere il tuo commento. Se non sei ancora registrato puoi farlo subito qui, è gratis.

Commenti degli utenti

oggi alle 18:14 da Lisa
In Farina replica a Thibault su antisemitismo e sionismo. Ma tutto il mondo subisce guerre, armate o finanziarie
Copio e incollo questo pezzo di Saviano che ho molto apprezzato

Le notizie che arrivano dal Medio Oriente straziano.
Se potessi esser ascoltato, chiederei la fine dei bombardamenti.
Chiederei al governo israeliano di fermarsi immediatamente.
Chiederei ad Hamas di smettere con i razzi.
Le morti dei bambini nei bombardamenti a Gaza scuotono lacerano impressionano. Come i bambini che muoiono in Siria, dove è in corso un conflitto che non indigna, un conflitto che in quasi tre anni ha fatto oltre 140mila vittime di cui 8mila sono bambini.
Da che parte stai? Mi gridano i tifosi della politica. Mi grida chi sta facendo del conflitto tra Israele e Palestina qualcosa di diverso che non la ricerca della pace. Di una pace vera e duratura che gioca una partita importante anche qui e inizia dalle parole.
Da che parte stai? Mi grida chi ignora la guerra civile siriana perché lì è più complesso tifare. In Siria per prendere parte devi conoscere.
Da che parte stai? Mi grida chi ci ha messo settimane per appoggiare Euromaidan perché in piazza c?erano gruppi di destra.
Mi pongono ossessivamente la domanda più inutile di tutte, credendola fondamentale: sei con Israele o con i palestinesi? Sono con la pace, con chi altri potrei essere?
E per farla bisogna dare spazio alla parte israeliana che vuole la pace e alla parte palestinese non fondamentalista. Ce la facciamo ad ascoltare chi non grida per odio? Spero di sì, almeno noi che non viviamo sotto le bombe e che dovremmo fare del ragionamento e del buon senso la nostra unica arma.
Gli altri siti del nostro network