Inchieste | Quotidiano | Categorie: Fatti

Non vedo, non sento, non parlo

Di Marco Milioni | Mercoledi 4 Luglio 2012 alle 10:00 | 11 commenti

ArticleImage

In tutta la giostra del caso Uil c'è una questione di fondo che rimane in sospeso. Quanto raccontato sino ad oggi da VicenzaPiù è di una gravità inaudita perché mette in una pessima luce un soggetto come il sindacato che dovrebbe avere come primo interesse la tutela dei lavoratori. In questo scenario le strade percorribili dal buon senso sono due (nella foto la facciata, silente, della Uil di Vicenza).

Primo, tutto è inventato. Allora i soggetti che hanno lanciato accuse, redatto note e scritto lamentele, vanno censurati al più presto mentre il sindacato per tutelare sé stesso e i lavoratori dovrebbe prendere posizione in modo netto, forte e udibile da tutti. Ma questo non è avvenuto. Secondo, tutto, o molto, è vero. Allora il sindacato ha una colpa ancora maggiore. Perché o è colluso con chi si è comportato scorrettamente o non è in grado di ripristinare un minimo di correttezza interna.


Altrettanto preoccupante è il comportamento degli altri sindacati che in tutta questa vicenda non hanno espresso un giudizio su colleghi coi quali poi sono andati o andranno magari a trattare in delegazione dalla controparte. Come mai? Lo stesso vale per la politica, che è sempre la prima ad attaccare il sindacato su questioni contrattuali o sulla riforma del lavoro (vedasi la querelle Fiom-Fiat), ma che sta invece stranamente zitta di fronte a casi del genere. La cosa per caso è dovuta a qualche liason partitica tra qualcuno dei protagonisti della vicenda?


Ma il silenzio che più rattrista è quello della stampa regionale e locale le quali di fronte ad una situazione tanto eclatante hanno deciso di non raccontare alcunché, nonostante la cosa sia già finita sui media nazionali. Frattanto registriamo le parole di Silvana Bianchi, titolare della Bts, la quale sottolinea che «la sua ditta ha agito correttamente e in piena coscienza». Alle brevissime comunque VicenzaPiù pubblicherà una intervista esclusiva alla Bianchi nella quale saranno evidenziate le ragioni dal punto di vista dell'impresa.

Leggi tutti gli articoli su: Uil, UIL Trasporti, Mirko Maule, Bts, Silvana Bianchi
Commenti

Eros
Inviato Mercoledi 4 Luglio 2012 alle 15:28

nel Veneto silente? a Roma Angeletti ha espulso Barletta, non e' piu' Uil, giustizia finalmente!
Arnaldo
Inviato Mercoledi 4 Luglio 2012 alle 16:38

sul serio? era ora!
gianluca
Inviato Mercoledi 4 Luglio 2012 alle 16:51

bene bene quindi anche lui adesso lavorera in turno come gli altri
sono finiti quei previlegi della casta,
con capodanno, pasqua e natale di riposo e lo facevano stare a casa tutte le mattine, mentre noi dovevame fare il suo turno avvicendato
renato
Inviato Giovedi 5 Luglio 2012 alle 20:14

la cacciata di Barletta dimostra che il sindacato ha valutato e capito chi era colpevole, diceva il falso e chi no!!!!!
w la Uil!!!
marino
Inviato Venerdi 6 Luglio 2012 alle 21:34

avevo dato disdetta alla Uil per colpa sua, ero iscritto da piu di vent'anni!!!
Giuseppe
Inviato Venerdi 6 Luglio 2012 alle 23:54

Fatemi capire .. Maule è il capo di Barletta ,e lo ha inviato con preciso scopo di ritirare il malloppo estorto all'Azienda proprio a firma del Maule ..e giustizia è fatta? Ma stiamo scherzando per davvero? Barletta ci avrà messo del suo in quanto complicità , ma -azzo! , é come condannare il plotone di esecuzione e assolvere chi dà l'ordine di sparare! E' No!
Giuseppe
Inviato Sabato 7 Luglio 2012 alle 00:04

Vabbè che staranno cercando di capire le responsabilità, e in questo caso è comprensibile il silenzio , però è così evidente.. se il sistema non funziona , demoliamo il sistema.
Gli dò un pò di tempo , poi , se come sembra sarà una cosa all'italiana prendendo solo i pesci piccoli giusto per aggiustare la facciata, sarò un ex iscritto
renato
Inviato Sabato 7 Luglio 2012 alle 06:24

giuseppe non mischiare le carte in tavola, i lavoratori hanno accusato Barletta, che ha ammesso di averli fragati lui in buona fede, andando lui in quella ditta e mettendo la sua di firma!!!!!
come dire che io vengo a rubare a casa tua e quando mi beccano dico che l'ho fatto in buona fede, che mi ha detto Maule a rubare, il sindacato ha giudicato, tu non conosci Barletta, noi lavoratori si, la Uil ha deciso!!!!!!!! viva la Uil!!!!!!
Giuseppe
Inviato Sabato 7 Luglio 2012 alle 11:26

Caro renato , ma sei analfabeta , stupido , ti manca il dono della sintesi o ti fà comodo non ricordare?
"ogni versamento «... della Bts, sollecitato con insistenza da Mirko Maule," per " un accordo a scapito dei loro interessi "( dei lavoratori ) ,«... il giorno 13 gennaio 2012 il signor Maule Mirko ha telefonato alla signora Bianchi intimandole il pagamento di 800 euro a fronte di un accordo sindacale, stipulato nel mese di dicembre come da copia allegata, in caso di mancato pagamento il giorno dopo il sig. Maule Mirko ci avrebbe mandato l'ispettorato del lavoro cercando di farci chiudere. Dopo questa minaccia (..)"
renato
Inviato Sabato 7 Luglio 2012 alle 14:22

non sono stupido, penso che la Uil non sia stupida, non trovo nessun Giuseppe tra gli iscritti Uil, credo tu sia Barletta, ormai sei stato mandato via, vediamo cosa succede col tuo amico e socio Bulo, lascia stare il sindacato Uil e smettila di buttare fango, non ti vogliamo piu! capitoooooooo!!!!!!!?????!!!!!!?!
Giuseppe
Inviato Sabato 7 Luglio 2012 alle 15:15

Renato, sono compiaciuto del tuo intervento , che conferma il mio precedente.
Bullo non è nè socio nè amico, ma la sua reputazione è da persona per bene. La Uil come soggetto giuridico e collegiale , non può per concetto essere considerata stupida o intelligente. E' come dire che l'Italia è stupida. Solo , da quel che leggo, ti prego di distinguere Uil e Uil trasporti, di fatto responsabile, di fatto commissariata .
Aggiungi commento

Accedi per inserire un commento

Se sei registrato effettua l'accesso prima di scrivere il tuo commento. Se non sei ancora registrato puoi farlo subito qui, è gratis.

Commenti degli utenti

oggi alle 15:08 da angelicabruno
In La manipolazione informativa ovvero la disinformazione di massa

oggi alle 14:13 da Luciano Parolin (Luciano)
In La famiglia non è solo quella naturale: sit-in il 23 del Coordinamento Studentesco di Vicenza
Ci sono molte cose e fatti che, i ragazzi non possono comprendere o che capiscono per sentito dire. Uno di questi fatti della Società è la FAMIGLIA che, nella nostra Costituzione è descritta all'art.29 e seguenti come Naturale cioè secondo natura. Gli uomini e donne, nascono da un padre e una madre, da sempre, da Adamo ed Eva. Il resto sono storielle per i gonzi, vendite commerciali di uteri e bambini, inseminazioni ad alta tecnologia, e via discorrendo. Per quanto riguarda i partiti in continua campagna elettorale, non avendo altro da dire, non essendo in grado di progettare nulla per il futuro dei giovani, sbattono le pentole in TV chiamando "diritti"........il Possesso di un figlio: Da non credere! Chiamare "figli" i bambini COMPRATI dal baronetto Elton Iohn è Blasfemo, inconcepibile, fuori da qualsiasi logica democratica. Chi applaude a questo tipo di ...unioni, non ha capito niente di cosa è una Famiglia. Purtroppo sono molti che non hanno o non vogliono la famiglia, costa fatica, pulire il culo al bimbo in fasce, alzarsi di notte per il biberon, portarlo a scuola, farlo giocare, accudirlo, istruirlo, preparargli un futuro. Poi, a 15 /16 anni il motorino, poi la macchina, poi la discoteca, poi le frequentazioni eccc...Questo è la responsabilità di una Famiglia cioè del padre e della madre! Il resto sono ipocrisie nella peggiore delle propagande elettorali. Quale razzismo e discriminazione nella difesa di un VALORE PRIMARIO per una società in disgregazione come la nostra? Ecco perchè sono d'accordo con l'iniziativa Regionale per la Famiglia. Per Vostra conoscenza, la famiglia è anche: fratelli, sorelle, cognati, cugini NIPOTI, nonni, zii, tutti insiemi costituiscono la SOCIETA' ed il legame che li tiene assieme non è solo affetto e rispetto (sarebbe il meno) ma bensi avere lo stesso sangue. Piaccia o non piaccia, il primo Valore è la consanguineità! Il resto pubblicità per carosello. Luciano 1942.
Gli altri siti del nostro network