Quotidiano | Categorie: Ambiente, Libri

Nero Cemento inaugura Un libro in Più: uno spazio aperto a tutti i generi letterari

Di Piero Casentini Sabato 11 Febbraio 2017 alle 11:00 | 0 commenti

Con Nero Cemento s'inaugura Un libro in Più, la rubrica di VicenzaPiu.TV dedicata alla presentazione di libri. Uno spazio aperto a tutti i generi letterari, con una particolare attenzione ai libri che raccontano Vicenza e il Vicentino con registri inconsueti e da punti di vista differenti. Nero Cemento è una raccolta di racconti pubblicata da Nero Cromo nel 2016 e curata da Massimo Fagarazzi, autore vicentino che ha già esordito con il romanzo Alcol supernova (Tragopano editore, 2015). Fagarazzi, oltre a firmare i due racconti che aprono e chiudono il libro, ha imbastito l'architettura, affascinante e movimentata, di questa narrazione a più voci. Il curatore, nell'intervista che vi proponiamo e nella quale interloquisce con l'autrice Petra Cason e con il professor Italo Francesco Baldo, racconta come gli sia venuta in mente l'idea di coinvolgere gli altri tredici autori "non scrittori", come ci tiene a precisare, in questa avventura editoriale.

E di come siano riusciti ad accordare i diversi stili in una narrazione comune, incalzante e coinvolgente, grazie anche ad alcuni espedienti narrativi ben congegnati, che spostano il punto di vista su di un medesimo luogo o evento, mentre alcuni personaggi passano di racconto in racconto, togliendo importanza agli autori in favore delle storie. Un libro che, attraverso una miscela ben dosata di ingredienti diversi, che vanno dalla fantascienza, al noir, al post moderno, riesce a raccontare con uno stile sincopato la Vicenza meno frequentata. Le bianche architetture palladiane restano sullo sfondo: i personaggi di Nero Cemento si muovono tra recenti abusi edilizi, vecchi quartieri alla moda oramai decaduti, tra le vie perpendicolari di zone industriali senza fine. Vivono un futuro prossimo nel quale è facile riconoscere aspetti della realtà di oggi. Nero Cemento è un libro di automedicazione, come scritto nell'avvertenza iniziale, che conduce il lettore in un viaggio notturno e senza speranza, durante il quale però l'eccitazione, lo sdegno e il riso si alternano inaspettatamente. Chissà che i lettori, come due dei personaggi stralunati che affollano i quindici racconti, si mettano alla ricerca del cuore di Vicenza. Significherebbe credere che ci sia ancora.


Commenti

Ancora nessun commento.
Aggiungi commento

Accedi per inserire un commento

Se sei registrato effettua l'accesso prima di scrivere il tuo commento. Se non sei ancora registrato puoi farlo subito qui, è gratis.



ViPiù Top News


Commenti degli utenti

Lunedi 22 Gennaio alle 18:07 da kairos
In Bulgarini esalta gli incassi dei musei civici ma cerca il 30% di spese non coperte... Dalla gratuità della Basilica per Linea d'Ombra?

Lunedi 22 Gennaio alle 12:16 da zenocarino
In Tra bugie su BPVi, amnesie su Fondazione Roi e fonti di comodo sul "variatiano" Fabio Mantovani il GdV sarà equo col "sincero" Francesco Rucco? La risposta a Publiadige

Lunedi 22 Gennaio alle 10:39 da Redazione VicenzaPiù (admin)
In Vicenza, terra di smemorati: dopo Gianni Zonin che nulla ricorda della BPVi, dimentica di aver firmato gli "indirizzi" di Variati Fabio Mantovani, candidato sindaco di FI e Lega

Domenica 21 Gennaio alle 17:40 da kairos
In Vicenza, terra di smemorati: dopo Gianni Zonin che nulla ricorda della BPVi, dimentica di aver firmato gli "indirizzi" di Variati Fabio Mantovani, candidato sindaco di FI e Lega
Gli altri siti del nostro network