Quotidiano | Categorie: Associazioni, Agricoltura, Economia&Aziende

Nel 2016 prezzi ancora in calo per l'agricoltura: crollo per cereali, ortofrutta e uova. In recupero latte e carni suine

Di Comunicati Stampa Venerdi 30 Dicembre 2016 alle 14:16 | 0 commenti

ArticleImage

Secondo una nota diffusa da Confagricoltura Vicenza l'agricoltura registra un 2016 di nuovo all'insegna del calo dei prezzi all'origine, che secondo le stime del Centro studi nazionale di Confagricoltura registra un calo del 5-6 per cento, anche se si registra una differenziazione tra le produzioni. Per alcune si sono registrati, infatti, veri e propri crolli, come per i cereali, l'ortofrutta e le uova; mentre si sono visti parziali recuperi su comparti come il latte bovino e le carni suine. Bene invece il vino, che grazie a un'ottima vendemmia ha mantenuto alti i livelli produttivi e qualitativi. «Il 2016 è stata una buona annata sotto il profilo della produzione - riassume Michele Negretto, presidente di Confagricoltura Vicenza (a sx nella foto col direttore Massimo Cichellero)-, con rese soddisfacenti e un livello qualitativo buono".

"A preoccuparci - prosegue Ngretto - sono i prezzi, che rimangono ai minimi storici e, nella maggior parte dei casi, non riescono a coprire i costi di produzione. Ad appesantire il quadro il crescere dei costi aziendali. Le note positive arrivano dalla ripresa di alcuni comparti, come il latte e la carne suina, che avevano iniziato l'anno in modo drammatico, ma che nel secondo semestre hanno visto una risalita che ha permesso alle aziende di tornare a remunerazioni decenti. Siamo ancora in una fase delicata, perché molte aziende devono chiudere i buchi di bilancio causati dal lungo periodo di crisi».
Ecco, nel dettaglio, l'andamento dei principali settori agricoli nel Vicentino.
VINO: L'inizio della stagione, sotto il profilo climatico, aveva causato un po' di apprensione per i danni da peronospera, ma l'allarme è rientrato. La vendemmia ha avuto un'ottima gradazione zuccherina: buono il colore dei rossi, ottima acidità per i bianchi. Produzioni in aumento per quanto riguarda Glera, Pinot Grigio e Chardonnay. La viticoltura veneta, vista dall'alto dei suoi 80.000 ettari, ha rappresentato più di un terzo dell'export italiano in termini di fatturato.
ORTOFRUTTA: Anche quest'anno, in generale, i prezzi non hanno superato i costi di produzione. Hanno fatto eccezione le ciliegie, che hanno registrato buone performance nella prima parte della stagione, subendo poi però danni alla produzione a causa delle piogge. Calo di produzione anche per albicocche, susine e pesche a causa dell'altalena climatica. Anche gli ortaggi hanno risentito del tempo e del crollo dei prezzi.
CARNI SUINE: L'apertura del mercato cinese ha concesso a tutta Europa una boccata d'ossigeno. Da quattro mesi il comparto veneto sta cominciando a risollevare la testa dopo una crisi che, dal 2007, non ha dato tregua. La quasi totalità degli allevamenti di grandi dimensioni in Veneto (350 circa) alleva suini nell'ambito della filiera dop del suino pesante, rappresentando circa l'8,8 per cento del totale nazionale.
CARNI BOVINE: Rimangono le criticità degli anni passati come il calo dei consumi, le invasioni di carni extracomunitarie a basso costo, l'embargo russo che non dà sfogo alle produzioni europee. Il mercato si mantiene in una situazione statica: le quotazioni sono ancora basse, ma il quadro viene bilanciato dal costo basso dei cereali e dagli aiuti comunitari.
UOVA: Prezzi in caduta libera per le uova, che vedono le quotazioni calate di un terzo dall'inizio dell'anno. Un chilo di uova viene pagato 70-75 centesimi a fronte di un costo di produzione di 90-95 centesimi. La stagnazione dei consumi e la sovrapproduzione sono la causa del tonfo dei prezzi.
LATTE: Il 2016 si sta chiudendo con un rialzo dei prezzi del latte alla stalla, che fa intravvedere la luce dopo due anni di sofferenza. Il primo semestre è stato di grande sofferenza, con il latte in caduta libera a 19-20 centesimi. In settembre è iniziata la risalita dei prezzi del latte spot, oggi arrivati a quota 40-41 centesimi, grazie alla riapertura del mercato del latte in polvere e trasformato in Cina, il tonfo dell'olio di palma che ha fatto raddoppiare i prezzi del burro e la remunerazione della Ue alle stalle per il contenimento della produzione.
CEREALI: Annata positiva dal punto di vista agrario, nonostante la siccità dei mesi estivi, con rese molto buone. Note dolenti, invece, sul fronte dei prezzi, che da due anni sono ai minimi storici (e sotto i costi di produzione) a causa delle produzioni mondiali di un certo rilievo. Il grano vale 17 euro a quintale e il mais 16 e mezzo al quintale. Fa eccezione la soia, venduta al prezzo soddisfacente di 39 euro a quintale in virtù del cambio favorevole euro-dollaro.


Commenti

Ancora nessun commento.
Aggiungi commento

Accedi per inserire un commento

Se sei registrato effettua l'accesso prima di scrivere il tuo commento. Se non sei ancora registrato puoi farlo subito qui, è gratis.





Commenti degli utenti

Sabato 13 Gennaio alle 18:56 da kairos
In Lettura di Parolin e Formisano su Vittorio Emanuele II, Indipendenza Veneta Vicenza Città: irrispettoso ricordare a Vicenza "il re infingardo che sottomise Terre Venete"
A CAMMILLO CAVOUR


nel 1867.

___


O nell’ora del nembo e del periglio
Sempre invocato, che più grande appari
Quanto più gonfi il trepido naviglio
4Battono i mari;

Chiuse son l’Alpi allo stranier: clemente
Rise una volta a’ popoli fortuna:
Tutte al suo desco le città redente
8Italia aduna.

Più non cercar. Delle battaglie il nome
Oh non chiedere a’ tuoi: sovra qual onda,
Sovra qual campo; e se le nostre chiome
12Lauro circonda.

A’ vincenti terribile il vessillo
Parve d’Italia: i giovani guerrieri
Volâr sull’ erta, ma con noi, Cammillo,
16Tu più non eri.

[p. 180 modifica]

Invan crebber le file: invan da’ porti
Più possente navil sciolse il nocchiero;
Non valser tante prue, tante coorti
20Il tuo pensiero.

In picciol nido l’aure interrogando,
Con poco stame a lunga tela assiso,
E l’ovra della mente ardua velando
24Di facil riso,

Gli occhi alzasti; e di fanti e di cavalli
Alla muta parola obbedïenti
Dal Cenisio sull’itale convalli
28Sceser torrenti.

E pria sul lido del remoto Eusino
Fra le pugne agitata e fra le nevi
La morta face del valor latino
32Raccesa avevi.

A’ cupi genî del Tirren custodi
Serti offrivi non visto, e taciturna
La partenza pregavi e fida ai prodi
36L’aura notturna,

Quando dell’Etna alla fremente riva
I Mille veleggiavano; portavi,
Celando sotto il mar la man furtiva,
40Le balde navi.
[p. 181 modifica]


Sparver gli avversi troni; e del tuo spiro
Che percorrea de’ novi abissi il seno,
La possa irresistibile sentiro
44Adria e Tirreno.

Itali fummo. Ed esultavi allato
Del Re più degno in Campidoglio atteso,
Quando cadevi, e dell’Italia il fato
48Parve sospeso.

Ansio cadevi dell’Olimpo al piede,
Indomato Titano. Orfana ancora
Sull’orma tua, cui pari altra non vede,
52Italia plora.

Ode di pugne inauspicate il foro
Risonar tempestoso; ed ella intanto
A’ suoi mali non trova altro ristoro
56Che sdegno e pianto.

Dell’indugio si sdegna e de’ consigli
Con gioco assiduo sul fiorir recisi;
D’altre barriere, che di monti, i figli
60Piange divisi.

O nata a non perir, stirpe fatale!
O risorgente dalle tue ruine
Popolo, che ricigni or l’immortale
64Infula al crine;
[p. 182 modifica]


De’ secoli più grande e de’ tuoi guai,
Se come in altro dì non ti è concesso
Reggere il mondo, mostra almen che sai
68Regger te stesso.
Gli altri siti del nostro network