Quotidiano | Categorie: Fatti

Mondiali 2018: quali squadre saranno protagoniste in Russia?

Di VicenzaPiù informa Martedi 14 Novembre alle 17:53 | non commentabile

ArticleImage

Date e calendario dei Mondiali. Il 2018 è l'anno dei Mondiali in Russia, attesi non solo dai tifosi, ma dagli addetti ai lavori di tutti paesi del mondo. Tutti i calciatori professionisti desiderano far parte della rosa finale dei convocati della propria nazionale, per questo cercano di dare il massimo nella stagione che porta al torneo estivo. In Russia i 64 match si disputano dal 14 giugno al 15 luglio, giorno della finalissima di Mosca. Le 32 squadre che prendono parte alla competizione sono smistate in otto gruppi da quattro squadre ciascuno: le prime due classificate di ogni girone hanno accesso garantito alla fase ad eliminazione diretta, che inizia con i primi ottavi di finale il 30 giugno.

Di seguito il link per avere maggiori informazioni sulle date del calendario dei Mondiali.
Gli impianti che ospiteranno le gare sono 12, dislocati in 11 città differenti (Mosca offre due stadi). La gran parte delle strutture ha visto la propria nascita solo negli ultimi anni, proprio in funzione dell'organizzazione della manifestazione, che richiedeva impianti innovativi conformi alle norme FIFA.
Le città selezionate sono quasi tutte collocate nel territorio della Russia Occidentale, a partire dalle più famose San Pietroburgo e Mosca, fino a città meno conosciute come Saransk e Samara: Ekaterinburg, unica città siberiana, è la località più orientale dell'intera manifestazione.

Brasile-Germania: l'eterno duello anche a Russia 2018
Se si tratta di parlare di Mondiali, non si possono non citare le due formazioni che, insieme all'Italia, hanno conquistato il maggior numero di titoli in questa competizione: Brasile e Germania.
Tra le due nazionali, chiaramente favorite per alzare la Coppa del Mondo in Russia la prossima estate, esiste un duello che va avanti da decenni, fatto sia di scontri diretti durante il torneo, sia di sfide a distanza per ciò che concerne il numero di mondiali vinti (verdeoro in vantaggio per 5 a 4).
I precedenti tra le due nazionali premiano il Brasile, sebbene anche i tedeschi si siano presi le loro belle soddisfazioni. Gli scontri diretti più prestigiosi sono la finale dei Mondiali 2002 in Giappone e Corea del Sud e la semifinale del 2014 in Brasile.
La prima gara, giocata a Yokohama il 30 giugno 2002, mette l'una contro l'altra un fenomenale Brasile contro una Germania in uno dei periodi più bui della propria storia dal punto di vista dei talenti a disposizione. Il match vede la vittoria e il trionfo mondiale della squadra verdeoro, che vince con un secco 2-0 grazie alle prodezze di Ronaldo, autore della doppietta decisiva.
Dodici anni più tardi, la nazionale tedesca si prende la sua rivincita, con tutti gli interessi. Si gioca al Maracanà, l'8 luglio 2014, l'incontro valido per le semifinali del mondiale brasiliano, che consente di accedere alla finale. I brasiliani soccombono sin dall'inizio allo strapotere dei teutonici e perdono con sei gol di scarto, mai accaduto in una semifinale di questa competizione: il bruciante 1-7 fa disperare i sudamericani e permette invece ai tedeschi di andare a giocare e vincere la finalissima contro l'Argentina di Messi.
Le finali dei Mondiali: il trionfo dell'Italia in terra tedesca
La finalissima del torneo, che si giocherà a Mosca il 15 luglio 2018, è uno degli eventi imperdibili della prossima estate, che terrà incollati al televisore, con il fiato sospeso, milioni di appassionati in tutto il mondo.
La finale che di recente ha fatto gioire di più gli italiani è quella disputata il 9 luglio 2006 all'Olympiastadion di Berlino. Il percorso per arrivare all'ultima gara del mondiale di Germania 2006, è molto impervio per gli azzurri che, dopo aver sconfitto Australia e Ucraina, vince la semifinale contro i padroni di casa della Germania, grazie ai gol di Fabio Grosso e Alessandro Del Piero alla fine del secondo tempo supplementare.
La partita con la Francia termina 1-1 nei 90' regolamentari, con un rigore di Zidane e una rete di Materazzi sugli sviluppi di un calcio d'angolo. Nel corso della lotteria dei rigori è il terzino sinistro Grosso a regalare la vittoria all'Italia, sfruttando l'errore dal dischetto dell'attaccante francese David Trezeguet.




ViPiù Top News


Commenti degli utenti

oggi alle 11:49 da ANNUSCA
In Fondo per soci vittime di BPVi e Veneto Banca, il testo dell'emendamento proposto da Giorgio Santini con Laura Puppato ed altri e il commento positivo della senatrice trevigiana

oggi alle 08:00 da Kaiser
In L'ANAS firma progetto esecutivo bretella dell'Albera, i commenti positivi di Giovanni Rolando e Stefano Fracasso. Ma il Comitato Albera "No TIR Sì Bretella per la Vita" continua la sua mobilitazione

Martedi 21 Novembre alle 10:27 da Luciano Parolin (Luciano)
In "Campo Marzio o Campo Marzo", giovedì 23 novembre la presentazione della ricerca di Luciano Parolin a palazzo Trissino a Vicenza

Martedi 21 Novembre alle 07:41 da Kaiser
In "Campo Marzio o Campo Marzo", giovedì 23 novembre la presentazione della ricerca di Luciano Parolin a palazzo Trissino a Vicenza
Gli altri siti del nostro network