Quotidiano | Categorie: Politica, Diritti umani

Le mamme in coda per l'elemosina di 800 euro, così si umilia un popolo

Di Giancarlo Marcotti Sabato 6 Maggio 2017 alle 12:13 | 3 commenti

ArticleImage

Se si vogliono perseguire politiche di sostegno alle nascite si incrementano gli asili nido e le tutele lavorative per le donne, non si dà alle neo mamme una umiliante elemosina di 800 euro. Purtroppo la drammatica situazione economica nella quale si trova la popolazione italiana fa sì che le neo-mamme siano costrette a subire l'umiliazione di dover fare richiesta del "bonus". Vedete, cari lettori, il "bonus" non è altro che una mortificante mancia, che viene quindi elargita con uno scopo ben preciso, quello di far sentire, colui che lo riceve, il "beneficiario" di un qualcosa di non dovuto e quindi in dovere di ringraziare per l'atto di "magnanimità". L'Italia si sta "grecizzando". Purtroppo si sta quindi verificando ciò che alcuni anni fa mi disse un conoscente di nazionalità greca che vive in Italia da diverso tempo. Vedi Giancarlo, mi disse, gli italiani dovrebbero essere molto preoccupati della terribile crisi che sta devastando la Grecia, perché tra un po' investirà anche loro.

Certo non era una difficile previsione, ma sul momento non gli diedi molto peso, ritenendola una eventualità abbastanza remota, non passò molto tempo, però, prima di rendermi conto che le sue parole avevano ben più di un fondo di verità.

Ora sono pienamente convinto che ci sia una regia ben studiata dietro all'impoverimento della classe media dei popoli europei: per evitare la "ribellione", e quindi delle pericolose sommosse, occorreva togliere gradualmente la dignità alla popolazione.

E la strategia adottata è stata proprio quella di sostituire i cosiddetti "diritti" con le "mance", ora è tutto chiaro! Capite certamente che non si ringrazia l'avventore per aver pagato il conto (atto dovuto), ma per l'eventuale mancia (atto volontario), sì!

I nostri governanti, però, non ci pagano il conto, in compenso, ogni tanto, ci lasciano una piccola mancia, e noi non ci lamentiamo per il conto non pagato, ma siamo riconoscenti per l'elemosina ricevuta.

Italiani, popolo di straccioni!


Commenti

Inviato Sabato 6 Maggio 2017 alle 12:55

Ancora una volta, DEMAGOGIA sulla Famiglia, sulla maternità, sulle mamme che lavorano, sulle donne che ricevono le mance, sulla dignità! Questi che ci governano "tutti senza famiglia" non sanno nemmeno di cosa parlano, ma decidono per conto nostro e vanno a prendere i soldi dai pensionati che hanno lavorato 35/40/45 anni producendo reddito che questi "incompetenti" si stanno mangiando! Siate....mal...i. Amen!
Inviato Sabato 6 Maggio 2017 alle 15:30

si, perchè il debito pubblico è nato oggi, mica negli anni '70 e '80....
Inviato Sabato 6 Maggio 2017 alle 18:30

Carneade chi era costui? Caro bello, non LE piace il discorso? Come può fare una POLITICA per la FAMIGLIA chi famiglia non c'è l'Ha? Oppure diamo l'assegno a chi per figlio intende il cane? Caro Caiser, le pensioni, bisogna darle a chi ha lavorato, non a Renzi e compagni che non hanno mai fatto un tubo.....Te le do io 35 euro ai marocchini dell'Hotel Adele o a Don Paolo del Baronio. This is the problem! Mala tempora currunt per gli allocchi:
Aggiungi commento

Accedi per inserire un commento

Se sei registrato effettua l'accesso prima di scrivere il tuo commento. Se non sei ancora registrato puoi farlo subito qui, è gratis.



ViPiù Top News


Commenti degli utenti

oggi alle 18:07 da kairos
In Bulgarini esalta gli incassi dei musei civici ma cerca il 30% di spese non coperte... Dalla gratuità della Basilica per Linea d'Ombra?

oggi alle 10:39 da Redazione VicenzaPiù (admin)
In Vicenza, terra di smemorati: dopo Gianni Zonin che nulla ricorda della BPVi, dimentica di aver firmato gli "indirizzi" di Variati Fabio Mantovani, candidato sindaco di FI e Lega

Domenica 21 Gennaio alle 17:40 da kairos
In Vicenza, terra di smemorati: dopo Gianni Zonin che nulla ricorda della BPVi, dimentica di aver firmato gli "indirizzi" di Variati Fabio Mantovani, candidato sindaco di FI e Lega
Gli altri siti del nostro network