Quotidiano | Rassegna stampa | Categorie: Economia&Aziende

Assoluzione di Mussari (MPS), Giorgio Meletti: riscritta la crisi bancaria, Bankitalia sapeva del derivato Alexandria

Di Rassegna Stampa Domenica 10 Dicembre 2017 alle 10:11 | 0 commenti

ArticleImage

Giuseppe Mussari non ha dunque colpe nel disastro del Monte dei Paschi di Siena? Non esageriamo. La sentenza della Corte d'appello di Firenze che l'ha assolto dall'accusa di ostacolo alla vigilanza va presa per quello che dice. Visto che la Commissione parlamentare d'inchiesta, inquinata dalle strumentalizzazioni politiche, non aiuta quanto potrebbe, chi vuol capire deve tenere il timone fermo sulla rotta indicata dai fatti. I quali pongono tre questioni. La prima è che dieci anni fa Mussari ha investito 17 miliardi per comprare la banca Antonveneta che ne valeva 3.

Un errore fatale per Mps che però Banca d'Italia e magistratura non considerano un reato. Il reato di ostacolo alla vigilanza lo commette il banchiere che impedisca agli ispettori della Banca d'Italia o della Consob di sapere che cosa accade dentro il suo istituto. Le motivazioni della sentenza di giovedì scorso ci diranno se Mussari non ha ostacolato un bel niente, e quindi la Banca d'Italia sapeva tutto quello che, costituendosi parte civile, ha negato di sapere; oppure se il banchiere calabro-senese è stato assolto per la mancanza di dolo. Il primo caso confermerebbe l'ipotesi di un idem sentire, di un'unità di intenti tra vigilato e vigilante per cui la Banca d'Italia sapeva e lasciava fare. Il secondo caso indicherebbe che Mussari non ha fatto niente per nascondere alcunché ma la Banca d'Italia non ha saputo niente lo stesso. Scegliete voi quale ipotesi sia più inquietante.

Il secondo problema è che l'ostacolo alla vigilanza è la trincea scelta dal governatore Ignazio Visco per difendere la reputazione della Banca d'Italia: banchieri disonesti hanno gabbato la vigilanza. Strano. Dovremmo credere che ci siano riusciti tutti. Tutti incapaci di gestire una banca, tutti in grado di fare fessi gli infallibili ispettori che, a disastro compiuto, li hanno denunciati. Prima dell'ex presidente dell'Abi è stato assolto dallo stesso reato l'ex presidente di Etruria Giuseppe Fornasari. Visco lo aveva denunciato nel 2013, mentre gli scriveva che l'istituto aretino non era più in grado di camminare sulle sue gambe e che doveva trovarsi il partner "di elevato standing". Due anni dopo la banca salta e la procura di Arezzo ha aperto un'indagine per bancarotta fraudolenta ipotizzando crediti allegri (senza garanzie e con istruttorie approssimative) erogati soprattutto tra 2008 e 2010. Ma gli ispettori della Banca d'Italia quando hanno saputo di questi gravi reati? E quando li hanno segnalati alla magistratura?

Terza questione. Gianni Zonin, distruttore della Popolare di Vicenza, stando a Bankitalia e magistratura non ha commesso reati se non l'ostacolo alla vigilanza. Vincenzo Consoli, picconatore della Veneto Banca, non è accusato di niente se non di ostacolo alla vigilanza. Quindi la loro unica colpa, secondo Visco, è di aver celato agli ispettori diaboliche macchinazioni che non erano reati, sennò il governatore li avrebbe denunciati. Insomma, i vertici delle banche fallite non avrebbero commesso altri reati se non nascondere agli uomini di Visco che stavano scassando le loro banche senza commettere reati. Secondo la legge italiana, o la lettura che ne danno le procure, far fallire una banca non è reato a patto che Bankitalia ne sia messa al corrente. Se poi i banchieri vengono sistematicamente assolti anche dall'ostacolo alla vigilanza, il sillogismo è obbligato: o la Banca d'Italia è stata loro complice ("Toccami Cecco che mamma non vede"), salvo poi denunciarli a cose fatte per salvare la faccia ("Mamma, Cecco mi tocca"). Oppure la Banca d'Italia non serve a niente.

di Giorgio Meletti, da Il Fatto Quotidiano


Commenti

Ancora nessun commento.
Aggiungi commento

Accedi per inserire un commento

Se sei registrato effettua l'accesso prima di scrivere il tuo commento. Se non sei ancora registrato puoi farlo subito qui, è gratis.



ViPiù Top News


Commenti degli utenti

oggi alle 18:07 da kairos
In Bulgarini esalta gli incassi dei musei civici ma cerca il 30% di spese non coperte... Dalla gratuità della Basilica per Linea d'Ombra?

oggi alle 10:39 da Redazione VicenzaPiù (admin)
In Vicenza, terra di smemorati: dopo Gianni Zonin che nulla ricorda della BPVi, dimentica di aver firmato gli "indirizzi" di Variati Fabio Mantovani, candidato sindaco di FI e Lega

Domenica 21 Gennaio alle 17:40 da kairos
In Vicenza, terra di smemorati: dopo Gianni Zonin che nulla ricorda della BPVi, dimentica di aver firmato gli "indirizzi" di Variati Fabio Mantovani, candidato sindaco di FI e Lega
Gli altri siti del nostro network