Quotidiano | Rassegna stampa | Categorie: Associazioni, Fatti, editoria

La maxi perdita de Il Sole 24 Ore minaccia Confindustria nazionale: Amenduni e Ingui felici di aver ceduto a Confindustria Vicenza delle 3 Z loro quote de Il Giornale di Vicenza

Di Pietro Cotròn Domenica 18 Settembre 2016 alle 10:36 | 0 commenti

ArticleImage

Da Milano arriva un monito a Confindustria Vicenza. Fino ad oggi e negli ultimi anni i bilanci mostrano utili o pareggi risicati per Athesis, l'editore anche de Il Giornale di Vicenza che grazie a una catena infinita di scatole... venete da noi rivelata fa capo alle due associazioni industriali di Vicenza e Verona, e perdite continue per Publiadige, strane per una concessionaria esclusiva di pubblicità che, evidentemente, dà ai giornali rappresentati più soldi di quanti ne raccolga al netto delle spese. E che qualcosa non vada nei conti lo conferma, poi, il fatto che, nonostante queste sistemazioni di poste di bilancio, Il Giornale di Vicenza ha avuto accesso alle normative per lo stato di crisi, che gli hanno consentito di "tagliare" la redazione, una misura a cui il 5 settembre si è aggiunta la cacciata repentina di Ario Gervasutti a cui non sarebbero estranei motivi economici...

Il giornale di via Fermi conta, quindi, ora su solo 36 giornalisti e 80 collaboratori in tutto, inclusi i colleghi gestiti con cosiddetti contratti che li definiscono, per pagarli meno, "strategici", un copertura all'italiana (alla voucher incrementa occupati, insomma) di giornalisti più o meno precari e sempre sul chi vive, una condizione di certo non favorevole allo sviluppo delle proprie capacità e alla indipendenza professionale.

Ma a Milano, ecco il motivo della premessa e del monito, la maxi perdita de Il Sole 24 Ore, scrive Giorgio Meletti su Il Fatto Quotidiano, minaccia Confindustria nazionale che ne detiene la proprietà. Se tanto ci dà tanto, o meno di poco viste le perdite, si riterranno fortunati, o previdenti, gli Amenduni e Ingui che, dopo la guerra persa l'emergente sistema delle 3 Z (Gianni Zonin, Giuseppe Zigliotto & Roberto Zuccato) che ha portato Vicenza dove ora è, cedettero a peso d'oro (sette milioni di euro a testa) e per tempo le loro quote del quotidiano locale confindustriale (nella foto esclusiva di VicenzaPiù Gianni Zonin e Nicola Amenduni, ndr).

 

Sole 24 Ore, la maxi-perdita che minaccia Confindustria
Giorgio Meletti, da Il Fatto Quotidiano

L'appuntamento per la resa dei conti è già fissato per giovedì prossimo, 22 settembre, alla riunione del consiglio direttivo della Confindustria. Il presidente Vincenzo Boccia ha scelto la strada della voluntary disclosure: a nove anni dalla quotazione in Borsa del Sole 24 Ore per la prima volta gli industriali si sentiranno raccontare - a porte chiuse - la verità sui conti del loro prestigioso quotidiano. Boccia, che pure è uomo prudente, non poteva far altro dopo che l'amministratore delegato Gabriele Del Torchio gli ha presentato la sua diagnosi. Del Torchio, entrato solo tre mesi fa al posto di Donatella Treu, ha trovato nei conti del Sole 24 Ore le classiche cose che "voi umani non potete nemmeno immaginare".

I conti semestrali, la cui approvazione è stata rinviata al 30 settembre con un comunicato che lasciava presagire tempesta, presentano, stando alle indiscrezioni di queste ore, una perdita di 30 milioni di euro. L'anno scorso la semestrale si era chiusa con un rosso di 8 milioni, ma a fine 2015 la perdita era esplosa a 24. Stavolta Del Torchio, dicono nei corridoi aziendali, vuole scrivere nella semestrale una previsione per fine anno più contenuta, con una perdita di 45 milioni su tutto il 2016 contro i 30 per sei mesi.

Non avrebbe alternative. Il patrimonio netto (capitale sociale più riserve) del Gruppo Sole 24 Ore, eroso da un'emorragia mai fermata dalla quotazione, è sceso a 80 milioni e non è più in grado di sostenere il peso di perdite così elevate.

L'operazione verità decisa da Boccia porta al massimo la tensione dentro il Sole 24 Ore e nella stessa Confindustria. Del Torchio sta facendo le bucce alla gestione della Treu, e ha fatto capire di non escludere di chiederle conto nelle forme dovute di alcune scelte poco comprensibili. Ma nel clima incandescente sono coinvolti il direttore del quotidiano confindustriale Roberto Napoletano, l'ex presidente della società editrice Benito Benedini e il suo successore Giorgio Squinzi, che da presidente di Confindustria aveva benedetto la filiera Benedini-Treu-Napoletano.

In particolare venerdì è esplosa la grana della super buonuscita (si parla di 4 milioni di euro) riconosciuta al direttore con una lettera firmata dal solo Benedini il 3 febbraio 2015 . Dopo tre mesi di braccio di ferro Del Torchio ha ottenuto da Napoletano la rinuncia a quel privilegio "per sensibilità a fronte della situazione economica della società".

La mossa di Del Torchio conferma l'orientamento di arrivare in tempi rapidi alla nomina di un nuovo direttore. Del Torchio addebita a Napoletano la responsabilità di aver gestito, in stretta collaborazione con la Treu, l'operazione degli abbonamenti digitali multipli venduti a una misteriosa società di Londra e che sono stati censurati dall'Ads (Accertamento diffusione stampa) come un modo di dopare i dati diffusionali del giornale, e con essi il prezzo di vendita delle pagine pubblicitarie. La perdita di 30 milioni in sei mesi indicata da Del Torchio è il risultato di una verifica dei conti e delle spese della gestione precedente, i cui risultati sono apparsi così imbarazzanti da indurre lo stesso Del Torchio a segretarli.

Napoletano venerdì stesso ha spiegato alla redazione che quella garanzia gli era stata riconosciuta dall'allora presidente dopo che la modifica del contratto giornalistico aveva ridotto il massimo delle mensilità di indennità (da 32 a 20) riconosciute ai direttori in caso di licenziamento senza giusta causa. Queste sono le delizie che ci riserva la Confindustria: prima predicano l'inevitabile compressione dei salari e dei diritti dei lavoratori, poi ottengono contratti di lavoro peggiorativi delle condizioni dei loro dipendenti, operai o giornalisti che siano, però proprio a chi si è maggiormente distinto nella predica sul rigore (per gli altri) si restituisce sottobanco ciò che si è tolto a tutti.

Altra delizia. Quotano in Borsa il Gruppo Sole 24 Ore, si fanno dare 250 milioni da 27 mila malcapitati risparmiatori e dal quel giorno il Sole perde sempre e usa i soldi chiesti alla Borsa per tappare i buchi dell'allegra gestione e i mega stipendi dei direttori maestri nelle prediche sul rigore. Oggi quei 27 mila risparmiatori hanno perso il 90 per cento del loro capitale, e il Sole continua a fare la predica sugli sprechi del settore pubblico e delle municipalizzate. Adesso pare che Del Torchio abbia scoperto che il Sole è la municipalizzata personale di lorsignori. A spese degli altri, naturalmente.


Commenti

Ancora nessun commento.
Aggiungi commento

Accedi per inserire un commento

Se sei registrato effettua l'accesso prima di scrivere il tuo commento. Se non sei ancora registrato puoi farlo subito qui, è gratis.





Commenti degli utenti

1 ora e 33 minuti fa da kairos
In Vicenza, terra di smemorati: dopo Gianni Zonin che nulla ricorda della BPVi, dimentica di aver firmato gli "indirizzi" di Variati Fabio Mantovani, candidato sindaco di FI e Lega

Venerdi 19 Gennaio alle 18:39 da Luciano Parolin (Luciano)
In Mercoledì 24 gennaio su Rai 1 Alberto Angela presenta il patrimonio Unesco di Vicenza
Gli altri siti del nostro network