Quotidiano | Categorie: Banche, Economia&Aziende

La crisi di BPVi e Veneto Banca, domande e risposte IV parte: così Banca d'Italia spiega... oggi gli impatti dell'operazione su azionisti e creditori

Di Federica Rossi Domenica 16 Luglio alle 10:21 | 0 commenti

ArticleImage

Dopo la parte I ("il crollo delle due banche"), la parte II (la cessione a Intesa Sanpaolo e la liquidazione coatta amministrativa") e la parte III (i costi dell'operazione e delle possibili alternative), proseguiamo la sintesi delle "Domande e risposte" sulla crisi di Banca Popolare di Vicenza e di Veneto Banca pubblicate il 12 luglio da Banca d'Italia.

Impatti dell'operazione su azionisti e creditori

Che cosa succede agli obbligazionisti ordinari e ai depositanti?

I debiti per le obbligazioni ordinarie e i c/c delle due banche sono stati trasferiti a Intesa Sanpaolo. I relativi rapporti contrattuali proseguono con le stesse modalità e alle stesse condizioni, solo con un soggetto diverso: gli obbligazionisti ordinari riceveranno il pagamento degli interessi e il rimborso del capitale da Intesa Sanpaolo, mentre i correntisti potranno continuare a utilizzare i c/c.

Che cosa succede agli azionisti e ai creditori subordinati? 

Secondo la normativa europea sugli aiuti di Stato, gli Stati membri possono intervenire a sostegno di liquidazioni bancarie con fondi pubblici solo a condizione che ad azionisti e creditori subordinati sia stato imposto il burden sharing (ossia la riduzione del valore nominale delle azioni e delle obbligazioni subordinate, o la conversione in capitale di queste ultime). 

Nel caso delle due banche venete, le azioni e le obbligazioni subordinate non vengono trasferite a Intesa Sanpaolo, ma rimangono alle società in liquidazione, concorrendo con gli altri creditori alla ripartizione dell'attivo secondo l'ordine previsto dalla legge fallimentare. Concretamente, difficilmente le liquidazioni disporranno di risorse sufficienti a soddisfare le pretese di azionisti e creditori subordinati.

 

Come funziona il meccanismo di ristoro per gli obbligazionisti subordinati al dettaglio? 

E' previsto un meccanismo di ristoro a carico del Fondo Interbancario di Tutela dei Depositanti per i piccoli investitori che hanno sottoscritto o acquistato obbligazioni subordinate direttamente dalle due banche in liquidazione prima del 12 giugno 2014, detenendole fino all'avvio della liquidazione. Possono beneficiare di tale meccanismo persone fisiche, imprenditori individuali, imprenditori agricoli e coltivatori diretti.

Sono previste 2 procedure alternative:

- ricorrere a un arbitro che accerti la violazione, da parte della banca emittente, degli obblighi di informazione, diligenza, correttezza e trasparenza previsti dalla legge; qualora tale violazione venisse accertata, l'investitore potrà recuperare tutto il proprio investimento al netto di oneri, spese e differenziali di rendimento;

- chiedere un indennizzo a forfait pari a circa l'80% del corrispettivo pagato per l'acquisto delle obbligazioni (Intesa Sanpaolo si è resa disponibile a farsi carico del rimborso del residuo 20%). L'indennizzo forfettario è riservato agli investitori che nel 2014 avevano un patrimonio mobiliare inferiore a 100.000 euro o hanno dichiarato un reddito imponibile inferiore a 35.000 euro. La richiesta di indennizzo deve essere presentata entro il 30 settembre 2017.

 

 

 

 

 

 


Commenti

Ancora nessun commento.
Aggiungi commento

Accedi per inserire un commento

Se sei registrato effettua l'accesso prima di scrivere il tuo commento. Se non sei ancora registrato puoi farlo subito qui, è gratis.



ViPiù Top News


Commenti degli utenti

oggi alle 07:15 da kairos
In L'on. Daniela Sbrollini decide di non candidarsi alle primarie del centro-sinistra per la carica di sindaco di Vicenza

Giovedi 21 Settembre alle 17:38 da Kaiser
In Sanità, l'on. Daniela Sbrollini (PD): "prometto battaglia contro il declassamento del Veneto dei servizi di neuropsichiatria infantile"

Giovedi 21 Settembre alle 17:36 da Kaiser
In Figuraccia per multe a tifosi basket in via Carducci a Vicenza. Tosetto e Ammendola (FI): “parcheggi insufficienti per evento europeo, comune doveva pensarci prima!”
Gli altri siti del nostro network