Quotidiano | Categorie: Fatti

La Cgil preme per fissare la data per abrogare i voucher e per affermare la responsabilità solidale negli appalti

Di Note ufficiali Venerdi 17 Febbraio alle 17:15 | 0 commenti

ArticleImage

Con l'assemblea della Cgil di Vicenza e provincia, presenti oltre 200 delegati, parte anche nella nostra provincia la campagna verso i due referendum popolari per il lavoro 2017. "Libera il lavoro, con 2 sì tutta un'altra Italia", questo lo slogan, si legge in una nota, che porterà al voto referendario previsto in primavera estate del 2017 sui quesiti proposti dalla Cgil e ammessi dalla Corte Costituzionale. Il primo quesito riguarda i voucher: per la Cgil la situazione deve cambiare "perché questo strumento pensato per far emergere il lavoro nero è diventato veicolo di lavoro nero": così ha denunciato il segretario generale della Cgil di Vicenza, Giampaolo Zanni.

L'altro quesito riguarda invece gli appalti: la Cgil vuole che i posti di lavoro dei lavoratori interessati al cambio di appalto siano garantiti. "Non ci può essere sviluppo con tanta precarietà", hanno detto oggi in sintesi dal palco il segretario generale di Vicenza Giampaolo Zanni e il segretario nazionale Vincenzo Colla, "perché tutto ciò produce lavoro senza dignità, e va assolutamente messo mano al diritto del lavoro per dare vita ad un altro Paese, non al paese dei precari e dei giovani che per lavorare emigrano! E' una questione di civiltà".

La Cgil chiede a gran voce al Governo di stabilire una data per il referendum e nel frattempo in Parlamento è arrivata la legge di iniziativa popolare (per la quale il sindacato ha raccolto le firme in autunno) per rivedere tutta la materia del diritto del lavoro voluta proprio dalla Cgil stessa.

Insomma tra maggio e giugno dovremmo andare a votare per abrogare i voucher e per la responsabilità solidale negli appalti. "Il governo deve dare la data, se scherza con la democrazia di pensare di dare la data all'ultimo e di accorciare i tempi della campagna elettorale fa un'operazione di cesura con la partecipazione democratica. Questo Paese deve tornare a sapere come si crea lavoro, come e fatta l'impresa e cosa sta succedendo dentro all'impresa!" Questa la sottolineatura del segretario nazionale Colla.

Importanti le due testimonianze che dei due lavoratori degli appalti nelle cooperative della movimentazione merci che sono saliti sul palco a raccontare la loro storia: un iter il loro per riconquistare dignità e salario e stabilità sul posto di lavoro.

Leggi tutti gli articoli su: Cgil di Vicenza, Giampaolo Zanni, Vincenzo Colla
Commenti

Ancora nessun commento.
Aggiungi commento

Accedi per inserire un commento

Se sei registrato effettua l'accesso prima di scrivere il tuo commento. Se non sei ancora registrato puoi farlo subito qui, è gratis.

Commenti degli utenti

Martedi 21 Febbraio alle 16:21 da kairos
In Cimitero acattolico, Variati: "Mai pensato di trasformalo in un parco"

Martedi 21 Febbraio alle 11:16 da Luciano Parolin (Luciano)
In Pochi iscritti alle elementari, scuole a rischio
Un popolo, una Nazione senza figli non ha futuro, è destinata ad estinguersi. Ma probabilmente, interessa a pochi. Ho lasciato la scuola da un decennio quando era al massimo dell'espansione, con poca presenza di stranieri. Nel 1988, chiusero la Scuola Media Palladio di Contrà Santa Maria Nova che aveva 10 corsi per 30 classi e quasi 1.000 Alunni. Alla chiusura mi trasferisco alla Maffei di Santa Caterina seguendo il Preside G.A. Novello anche lì con i nostri programmi, le attività, un gruppo di docenti UNITI e Validi i corsi risultarono 7 con 20 classi. Per quali motivazioni le famigli scelgono una scuola o un'altra oppure vanno nelle Paritarie? In primis l'accoglienza e la Formazione delle classi che dovrebbe essere un fatto scientifico di analisi dei bisogni delle Famiglie non tempo perso. La struttura scolastica è importante, le Maddalene hanno 100 anni, affumicate dai TIR, posta su una Nazionale. La Comunità di Maddalene, invece di progettare parcheggi farebbe meglio a pensare ad una scuola Nuova per i residenti, magari alla svedese inserita nella calma del verde e la seriola. MANCA UNA POLITICA PER LA SCUOLA quindi manca una previsione del Futuro per i Giovani. A suo tempo al sindacato scuola avevo proposto un normale orario scolastico, tutti i docenti ed alunni entrano alle ore 8 escono alle ore 16. Tutto compreso con mensa organizzata, trasporto per disabili, aula musica per concerti e orchestra scolastica, insomma un tempo pieno per tutti Alunni e Docenti. Salvati cielo dei sindacati e dei bidelli (!). Ma alla Maffei si costituì il primo Comitato Genitori legale, che ancora funziona. Ma purtroppo l'ingresso dei genitori a SCUOLA, non è tanto ben visto....Allora anche le "gamelle" hanno fallito!
Gli altri siti del nostro network