Quotidiano | Categorie: Informazione

La Cassazione e la lettera di Vicenza: il diritto di cronaca prevale sulla privacy

Di Redazione VicenzaPiù Lunedi 16 Luglio 2012 alle 11:55 | 0 commenti

ArticleImage

Ossigeno per l'Informazione (Fnsi e Odg)  Giornalisti minacciati. Le ultime notizie di Ossigeno per l'Informazione  -  Le interessanti motivazioni di una sentenza che farà giurisprudenza e riafferma la priorità dell’interesse pubblico a conoscere fatti di rilevanza sociale. La soddisfazione di Vicenzapiu.com, che ha pubblicato la missiva e ora si chiede in nome di che cosa il processo prosegue (nell'immagine: Botero, La lettera)

Ossigeno per l'Informazione Giornalisti minacciati. Le ultime notizie di Ossigeno per l'Informazione, di Matteo Finco – Vicenza, 12 luglio 2012 –  “La Cassazione ha stabilito con nostra grande soddisfazione che l’oscuramento parziale del nostro sito web chiesto dal senatore Alberto Filippi e disposto dal Tribunale di Vicenza, era illegittimo, come abbiamo sempre detto. Ma la vicenda giudiziaria non è chiusa: il nostro giornale è ancora sotto tiro, perché il Tribunale di Vicenza che aveva disposto il sequestro giudicato illegittimo, prosegue il processo nato dalla querela per rivelazione di documenti intentata al nostro giornale dallo stesso parlamentare per la pubblicazione di quella lettera. Per quel processo le indagini sono ancora in corso. Noi speriamo che il chiaro pronunciamento della Cassazione, che ha spiegato perché quella lettera è di interesse pubblico, illumini il Tribunale, faccia comprendere che la questione, sia pure di riflesso, è già stata chiarita nel merito ed è inutile andare avanti”, spiega ad Ossigeno Giovanni Coviello, direttore di Vicenzapiu.com.

La vicenda della lettera di Vicenza si è rivelata di grande interesse per tutti i giornalisti, perché la Suprema Corte, con una sentenza chiarificatrice che fa giurisprudenza, che influirà cioè su future decisioni della magistratura per casi analoghi, ha spiegato che in certi casi anche una lettera personale può rivestire interesse pubblico e quindi è legittimo che una testata giornalistica la pubblichi.

La lezione è contenuta nelle motivazioni della sentenza con cui nel gennaio scorso la Quinta Sezione Penale della Corte di Cassazione, presieduta da Paolo Oldi, ha respinto il ricorso del Tribunale di Vicenza contro l’oscuramento sul sito Vicenzapiu.com di una missiva inviata dall’allora senatore leghista Alberto Filippi al presidente di Assindustria Vicenza, Roberto Zuccato. Filippi sostiene che sia stato gravemente violato il suo diritto alla segretezza della corrispondenza privata. Non è così, ha spiegato la Cassazione, “il contenuto del documento verte su questioni attinenti la vita politica nazionale e locale, e quindi la sua diffusione corrisponde a un interesse pubblico”.

Nella missiva, datata 9 marzo 2009, l’allora senatore leghista (poi è uscito dal Carroccio e ha aderito al gruppo Cn-Forza Sud) si lamentava del poco spazio che il Giornale di Vicenza (di cui Zuccato era editore), gli concedeva. Filippi era stato nominato vice Presidente della terza commissione permanente del Senato, Affari Esteri e avrebbe gradito che la testata vicentina informasse i lettori di questo suo nuovo incarico. E invece in giornale non l’aveva fatto. Perciò il senatore scrisse a Zuccato per protestare. “Pur avendo inviato al giornale, di cui sei editore, normale comunicazione, con una certa sorpresa – gli scrisse – ho ancora una volta dovuto constatare quanto la censura per alcuni e la propaganda per altri sia per il direttore Antonacci (Giulio Antonacci, ndr) la solita antipatica regola; in effetti la sorpresa non è stata poi nemmeno tanta, considerato il trattamento scandaloso e disdicevole oltre che fazioso ed irrispettoso da sempre riservatomi dal direttore, evidentemente poco adatto alla direzione di testate serie e oggettive”.

Il sequestro. Nel 2011, quando pubblicarono il contenuto della missiva, che era allegata ad un esposto-denuncia presentato alla Procura e reso noto in una conferenza stampa, Giovanni Coviello, direttore di Vicenzapiu.com, e il giornalista Marco Milioni, come ha raccontato Ossigeno, furono querelati da Filippi e indagati dalla Procura di Vicenza per rivelazione di documentazione segreta in base agli articoli 621 e 110 del Codice Penale. Su richiesta del senatore, il Gip di Vicenza ordinò di oscurare con effetto immediato la lettera sul sito Vicenzapiu.com. Coviello e Milioni fecero ricorso e il Tribunale del Riesame annullò il sequestro, decisione confermata lo scorso gennaio in modo definitivo dalla Cassazione. Ora le motivazioni di quella decisione spiegano che quella missiva, anche se era una lettera privata era un documento di interesse pubblico, e perciò la decisione di Vicenzapiu.com di pubblicarla rientrava nell’esercizio del diritto di cronaca.

La Corte ricorda che in questi casi il diritto di cronaca prevale sul diritto alla riservatezza personale invocato dal senatore Alberto Filippi e dal pubblico ministero di Vicenza Sandro Severi, perché “il contenuto del documento verte su questioni attinenti la vita politica nazionale e locale, e quindi la sua diffusione corrisponde a un interesse pubblico. Ne consegue che sussiste la giusta causa, costituita dall’esimente del diritto di cronaca”.

Il procuratore della Repubblica del tribunale di Vicenza aveva presentato ricorso contro la decisione del tribunale del Riesame, sostenendo che il contenuto della lettera non era di interesse pubblico in quanto non riguardava l’attività politica di Filippi, ma “aspetti personalistici, che non hanno alcun rilievo per la comunità”. Secondo la Cassazione non è così. Il Tribunale del Riesame, spiega la Suprema Corte, “ha compiuto una corretta e razionale delimitazione della nozione di notizia di interesse pubblico, in essa inserendo le notizie aventi ad oggetto i fatti concernenti la vita politica nazionale e locale, da intendersi gestione e tutela degli interessi di una comunità operante in aree del territorio, conflitti tra i titolari di questi interessi, contrasti di opinioni, polemiche sui modi, cadenze e censure nella diffusione delle idee dei consociati. Proprio in quest’ultimo terreno è da inquadrare il contenuto della missiva che il senatore Filippi, in qualità di membro dell’Associazione Industriali di Vicenza – proprietaria del quotidiano “Il Giornale di Vicenza” – ha indirizzato al presidente di quella associazione, Roberto Zuccato”. E perciò la pubblicazione della missiva “rientra nell’interesse conoscitivo di un ampio settore della comunità di quel territorio, quindi la motivazione dell’ordinanza del Tribunale di Vicenza (che aveva disposto il dissequestro, ndr) è tutt’altro che inesistente o apparente”.

Solidarietà. Il presidente dell’Ordine dei giornalisti del Veneto, Gianluca Amadori, ha espresso il suo plauso alla decisione della Cassazione, che, dice, “ha riconosciuto la legittimità dell’operato dei giornalisti e l’estrema importanza del loro lavoro nel momento in cui hanno reso pubblico un documento di rilevante interesse generale, nel pieno esercizio del diritto di cronaca”. Tra i messaggi di soddisfazione per la decisione della Corte, anche quelli di Patrizia Barbieri, consigliere comunale della Lega Nord, di Giorgio Langella, segretario provinciale del PdCI FdS, di Paolo Crestanello dei Comitati cittadini e di Luca Fantò, segretario del PSI della provincia di Vicenza.

 

Commenti

Ancora nessun commento.
Aggiungi commento

Accedi per inserire un commento

Se sei registrato effettua l'accesso prima di scrivere il tuo commento. Se non sei ancora registrato puoi farlo subito qui, è gratis.

ViPiù Top News
Commenti degli utenti

ieri alle 15:25 da kairos
In Lago amministratore unico di Aim, Rucco: "Variati è venuto meno alla sua parola"

Mercoledi 26 Luglio alle 23:26 da Kaiser
In Torrione di Porta Castello, per Andrea Chimetto coordinatore provinciale dei Rappresentanti d'Istituto: bufera politica esagerata

Mercoledi 26 Luglio alle 21:43 da kairos
In Per il Torrione a Coppola Bulgarini è proprio fuori dal Comune: attributo o auspicio?

Mercoledi 26 Luglio alle 14:53 da kairos
In Torrione di Porta Castello, per Andrea Chimetto coordinatore provinciale dei Rappresentanti d'Istituto: bufera politica esagerata
Gli altri siti del nostro network