Quotidiano | Rassegna stampa | Categorie: Economia&Aziende

Intesa Sanpaolo, NordEst Economia: vogliono "uscire" duemila in più, da definire compiti sedi BPVi e Veneto Banca per evitare esuberi, Sec Servizi in agitazione

Di Rassegna Stampa Lunedi 27 Novembre 2017 alle 20:30 | 0 commenti

ArticleImage

Il piano di riorganizzazione di Intesa SanPaolo potrebbe ampliarsi e prevedere ulteriori uscite di personale, tutte su base volontaria ma aggiuntive rispetto le 4 mila già concordate con i sindacati, imposte dalla Bce post acquisizione delle due ex popolari venete. Di questi 4 mila bancari, mille sono in uscita da Veneto Banca e Banca Popolare di Vicenza e 3 mila sono quelli pronti allo scivolo Intesa. Ed è qui che si apre un nuovo scenario. Perché, se con le ex banche venete si è arrivati quasi a fatica alla soglia dei mille volontari, complice una popolazione bancaria giovane, le richieste Intesa pare lambiscano quota 5 mila: 2 mila in più rispetto ai 3 mila concordati con Bce e compresi economicamente nei costi di stato del salvataggio banche venete.

La notizia viene confermata da fonti autorevoli. La chiusura delle richieste data 13 novembre ma sono ancora in corso le verifiche dei parametri di età e contributi; ma al di là della cifra esatta, confermano le nostre fonti, «le domande di uscita a sei anni sono nettamente superiori all'accordo attuale». Intesa, contattata, precisa: «Siamo al lavoro sul piano di 4 mila uscite oggetto di accordo sindacale». Il tema non è da poco e si intreccia con il nuovo Piano industriale che il ceo Carlo Messina presenterà tra fine febbraio e marzo 2018. Quello che chiarirà anche quali "contenuti" o meglio lavorazioni saranno affidate ai poli direzionali di Vicenza e Montebelluna, per salvaguardare l'occupazione in loco.

Il nuovo Piano disegnerà la banca nei prossimi tre anni: sfide tecnologiche e riorganizzazione filiali. I nuovi esodi potrebbero quindi declinarsi in questo pacchetto (non più ovviamente sostenuto dallo stato ma a carico di Intesa). Messina poi avrà di fronte anche un'altra decisione importante: fare attuare il prossimo Piano all'attuale management o da una prima linea rinnovata, almeno in parte. Da settimane la stampa paventa l'arrivo a Ca' de Sass del top manager Accenture Massimo Proverbio in possibile staffetta con Omar Lodesani per gestire una delle più importanti componenti di costo della banca: l'ict e le operations. Intesa non ha mai confermato le voci riportate anche da autorevoli testate come «Il Sole 24Ore» ma è possibile che questa "estensione" degli esodi. che potrebbe interessare migliaia di dipendenti, sempre con un maxi scivolo di sei anni, vada a coinvolgere anche la prima linea manageriale che riporta direttamente a Messina. Si avvicina intanto il d-day per la migrazione informatica da ex popolari venete a banca Intesa, vero atto della fusione. Domani, a Padova si riunirà una nuova assemblea di Sec Servizi che, pochi giorni, fa ha proclamato lo stato di agitazione per la perdita del 70% delle lavorazioni post migrazione.

Da NordEst Economia


Commenti

Ancora nessun commento.
Aggiungi commento

Accedi per inserire un commento

Se sei registrato effettua l'accesso prima di scrivere il tuo commento. Se non sei ancora registrato puoi farlo subito qui, è gratis.



ViPiù Top News


Commenti degli utenti

Lunedi 22 Gennaio alle 18:07 da kairos
In Bulgarini esalta gli incassi dei musei civici ma cerca il 30% di spese non coperte... Dalla gratuità della Basilica per Linea d'Ombra?

Lunedi 22 Gennaio alle 12:16 da zenocarino
In Tra bugie su BPVi, amnesie su Fondazione Roi e fonti di comodo sul "variatiano" Fabio Mantovani il GdV sarà equo col "sincero" Francesco Rucco? La risposta a Publiadige

Lunedi 22 Gennaio alle 10:39 da Redazione VicenzaPiù (admin)
In Vicenza, terra di smemorati: dopo Gianni Zonin che nulla ricorda della BPVi, dimentica di aver firmato gli "indirizzi" di Variati Fabio Mantovani, candidato sindaco di FI e Lega

Domenica 21 Gennaio alle 17:40 da kairos
In Vicenza, terra di smemorati: dopo Gianni Zonin che nulla ricorda della BPVi, dimentica di aver firmato gli "indirizzi" di Variati Fabio Mantovani, candidato sindaco di FI e Lega
Gli altri siti del nostro network