Quotidiano | Rassegna stampa | Categorie: giustizia

Inchiesta BPVi, a Borgo Berga si attrezzano per udienze in streaming

Di Rassegna Stampa Mercoledi 30 Novembre 2016 alle 09:20 | 0 commenti

ArticleImage

Una sede centrale, probabilmente a Borgo Berga, e molteplici sale o saloni distaccati esterni, collegati in via telematica con tecnologia e attrezzature predisposti dal ministero della Giustizia. «Noi siamo pronti: garantiremo a tutte le migliaia di persone, parti offese e spettatori, interessate al procedimento sulla Banca Popolare di Vicenza di esercitare il loro diritto ed essere presenti». Il presidente del tribunale di Vicenza Alberto Rizzo spiega che, d’intesa il ministero, agli aspetti logistici si sta già lavorando da cinque mesi. Dall’idea di singoli spazi di grandi dimensioni – come potrebbe essere il teatro Comunale, ma anche la fiera con cui prima dell’estate l’amministrazione del tribunale aveva pure preso contatti e informazioni – ci si è via via più orientati su una soluzione diffusa.

«È un tema che ho iniziato ad affrontare con il ministro Andrea Orlando sin da giugno di quest’anno – spiega Rizzo – il punto è che il processo che potrebbe venire avanti vedrà sicuramente la partecipazione di moltissimi interessati». Perlomeno nell’udienza preliminare, ma anche nelle prime fasi del dibattimento. Inizialmente ci si era orientati sull’ipotesi di uno spazio molto grande, disponibile per un tempo lungo. Ma proprio il fattore cronologico – un procedimento di questo tipo potrebbe durare più di un anno – ha spinto ad escludere via dell’Oreficeria: nei padiglioni fieristici ad un certo punto le necessità della giustizia si sarebbero scontrate con quelle delle esposizioni. «L’idea quindi è più di gestire queste esigenze attraverso il sistema della videoconferenza – precisa Rizzo – quindi ci sarà uno spazio principale più altri dedicati, collocati in sedi esterne, per gli spettatori o per altre parti del processo». I luoghi non sono al momento definiti. Nell’eventualità, comunque, ci sarà una copertura ministeriale per la predisposizione dei collegamenti, come avvenne con Parmalat. Per le udienze a partecipazione multipla sul caso Bpvi, sostanzialmente via «streaming», a breve potrebbe arrivare in aiuto addirittura la stessa legge. Con un articolo che, se pure non è fatto appositamente per questo caso, servirà a definire anche future situazioni analoghe: «Il progetto di legge di revisione del codice dovrebbe contenere una norma proprio per disciplinare la dinamica processuale da remoto» conferma Rizzo. La novità, a Vicenza, sarebbe assoluta in fatto di udienze penali. Anche se in realtà già oggi a Borgo Berga l’utilizzo della videoconferenza per attività legali non è un fatto inedito, anzi. Lo streaming viene impiegato nell’esame per la nomina degli amministratori di sostegno di anziani e non autosufficienti: il tribunale ha stretto protocolli con più municipi vicentini, per agevolare le persone in difficoltà. Inoltre, da qualche mese Rizzo ha fatto installare nella sala al secondo piano, dove in genere si svolgono le camere di consiglio, schermi e telecamere: c’è un sistema telematico protetto che permette ai giudici che sono anche madri, e che devono accudire ai propri figli, di decidere le sentenze in videoconferenza da casa. L’esperimento, che per ora si è limitato a coniugare lavoro e famiglia, in futuro potrebbe essere esteso in grande per dare giustizia alle migliaia di azionisti di Bpvi.
Di Andrea Alba, da Corriere del Veneto


Commenti

Ancora nessun commento.
Aggiungi commento

Accedi per inserire un commento

Se sei registrato effettua l'accesso prima di scrivere il tuo commento. Se non sei ancora registrato puoi farlo subito qui, è gratis.



ViPiù Top News


Commenti degli utenti

ieri alle 18:07 da kairos
In Bulgarini esalta gli incassi dei musei civici ma cerca il 30% di spese non coperte... Dalla gratuità della Basilica per Linea d'Ombra?

ieri alle 10:39 da Redazione VicenzaPiù (admin)
In Vicenza, terra di smemorati: dopo Gianni Zonin che nulla ricorda della BPVi, dimentica di aver firmato gli "indirizzi" di Variati Fabio Mantovani, candidato sindaco di FI e Lega

Domenica 21 Gennaio alle 17:40 da kairos
In Vicenza, terra di smemorati: dopo Gianni Zonin che nulla ricorda della BPVi, dimentica di aver firmato gli "indirizzi" di Variati Fabio Mantovani, candidato sindaco di FI e Lega
Gli altri siti del nostro network