Quotidiano | Categorie: Politica, Fatti

Immigrazione, Pietro Dalla Libera (Veneto Civico): "il flusso migratorio è diventato insostenibile per l'Italia in termini di sicurezza, costi sociali e mancata integrazione"

Di Note ufficiali Venerdi 11 Agosto 2017 alle 11:00 | 0 commenti

ArticleImage

Il consigliere regionale di Veneto Civico Pietro Dalla Libera, in una mozione presentata l'8 agosto e sottoscritta anche dai consiglieri Fabrizio Boron e Luciano Sandonà (Zaia Presidente), chiede che: "La Regione del Veneto si attivi col Governo affinché vengano istituiti gli hub nei luoghi di partenza dei migranti, d'intesa con le autorità straniere, per una immigrazione a numero chiuso, nel rispetto della legalità".

"La pressione migratoria sull'Europa e in particolare sull'Italia - sottolinea Dalla Libera - sta diventando una vera e propria invasione, tanto che tra il 1 gennaio e il 31 luglio 2017 sono sbarcate in Italia 95.074 persone partite dalle Coste Libiche, provenienti da Nigeria, Bangladesh, Guinea, Costa d'Avorio, Gambia, Senegal e Mali, che non hanno alcuna possibilità di integrazione nelle nostre comunità, trattandosi di immigrazione che generalmente non riguarda famiglie, ma singoli individui, in particolare giovani donne e uomini, che vengono collocati in gran numero soprattutto in caserme dismesse o in altri immobili che li ospitano in massa, come accaduto fino ad ora nell'Opitergino - Mottense e in Veneto".

"Vi è forte preoccupazione all'interno delle nostre comunità - continua il consigliere regionale - perché alcuni di questi giovani sono stati accusati di essere dediti allo spaccio di sostanze stupefacenti e alla prostituzione, attività queste che comportano problematiche anche di carattere sanitario e che minano la sicurezza e la convivenza pacifica tra i cittadini; in tal senso, già si sono registrate tensioni e manifestazioni di dissenso".

"Le nostre Autorità dovrebbero investire maggiormente in aiuti diretti ai Paesi dai quali provengono i migranti - osserva il consigliere di Veneto Civico - e selezionare gli aventi diritto prima della loro partenza dalle cxoste libiche. Nella mozione presentata, impegniamo quindi la Giunta regionale a chiedere al Governo di realizzare degli hub nei luoghi di partenza dei migranti, previo accordo con le Autorità di quel Paese e la collaborazione degli Stati dell'UE, per accertare la loro identità al fine di distinguere i veri profughi dai clandestini e consentire così un'immigrazione regolare e sostenibile nel nostro Paese e in Europa, rendendo inoltre possibile l'integrazione e il rispetto della legge".

"Nella mozione - conclude Pietro Dalla Libera - impegniamo altresì la Giunta regionale a chiedere al prefetto di Treviso e agli altri prefetti del Veneto di verificare se sussistano fenomeni di prostituzione da parte di migranti nell'Opitergino- Mottense, o in altre parti del territorio veneto, e/o la commissione di reati. In caso positivo, i prefetti dovrebbero avviare le procedure di espulsione e comunque di immediato allontanamento dei migranti colpevoli".


Commenti

Ancora nessun commento.
Aggiungi commento

Accedi per inserire un commento

Se sei registrato effettua l'accesso prima di scrivere il tuo commento. Se non sei ancora registrato puoi farlo subito qui, è gratis.



ViPiù Top News


Commenti degli utenti

ieri alle 13:11 da kairos
In Donne in politica: sono una donna ma voterò un uomo

Lunedi 19 Febbraio alle 18:46 da kairos
In Freddo eccezionale nel fine settimana, Achille Variati: "soprattutto gli anziani si organizzino per tempo e limitino al massimo le uscite da casa"

Lunedi 19 Febbraio alle 07:48 da kairos
In Bertoliana, Fabio Mantovani polemico con Variati per disattenzione e altro candidato Rucco per allocazione: Polo Bibliotecario di Vicenza va lasciato dov'è e fatto vivere
Gli altri siti del nostro network