Quotidiano | Categorie: Politica, Immigrazione

Immigrazione, Baldin (M5S): "Espellere rapidamente gli immigrati irregolari, accogliere solo chi ha diritto e controllare cooperative"

Di Note ufficiali Sabato 7 Gennaio 2017 alle 23:04 | 1 commenti

ArticleImage

In una nota che pubblichiamo la consigliera regionale del Movimento Cinque Stelle Erika Baldin riassume in tre punti la possibile soluzione per superare l'emergenza legata all'immigrazione, sostenendo come "sia necessario identificare chi arriva in Italia, scovare i falsi profughi, espellere gli immigrati irregolari nel giro di qualche giorno, senza parcheggiarli in inutili CIE, spesso gestiti dalle mafie, accogliere chi ha diritto d'asilo ed integrare seriamente gli immigrati regolari". L'esponente Pentastellata chiarisce che "queste sono indicazioni dettate dal buonsenso, che il M5S afferma da anni. Chiediamo che vengano stipulati tutti quegli accordi bilaterali che ci darebbero la facoltà di espellere gli immigrati irregolari che, come certificato dalla stessa UE, sono l'80% di chi è giunto in Italia negli ultimi anni".

"Proponiamo contestualmente - aggiunge Erika Baldin -, di assumere migliaia di laureati in discipline giuridiche che possano identificare al più presto chi ha diritto all'asilo e chi no. Gli irregolari identificati al termine di questo processo andranno quindi prontamente rimpatriati, invece di riaprire i CIE che sembrano piacere solo a ‘Mafia capitale".

La consigliera regionale del Movimento Cinque Stelle ricorda "come la Prima Commissione consiliare regionale abbia approvato una risoluzione, proposta dal consigliere M5S Simone Scarabel, per esercitare pressione presso le competenti sedi europee al fine di superare il Trattato di Dublino".
"Vogliamo aprire il ‘vaso di Pandora' delle cooperative - conclude Erika Baldin - faremo luce su tutte queste situazioni".

Leggi tutti gli articoli su: immigrazione, Movimento Cinque Stelle, Erika Baldin

Commenti

Inviato Sabato 7 Gennaio 2017 alle 23:18

Io credo che sia necessario relazionare con i Paesi di provenienza, prima che partano. Una volta toccato il suolo Italiano, chi li vede più! Il richiamo pubblicitario che noi mandiamo a queste persone è come una calamita...currite...currite. Ho letto un manifesto in cui si concludeva TUTTI I DIRITTI PER TUTTI ! La nostra Costituzione di diritti per i Cittadini Italiani ne prevede ben 38. Di Doveri solo 7! Perché non vogliamo insegnare ai Giovani tutti che ci sono anche Doveri in una Famiglia, nel lavoro, nella Società, per la Strada. Alcuni diritti ce li siamo guadagnati col sangue, con le lotte sindacali, con il lavoro continuo e con l'insegnamento dei GENITORI. Il dovere ora sarebbe quello di ricambiare quanto i nostri NONNI hanno fatto, mi riferisco ai Cittadini Italiani. I provenienti da altri paesi dovrebbero Lottare a casa LORO. E come diceva Mao ....insegnare a pescare. Meglio di noi fanno i Saveriani che insegnano ai giovani Africani un lavoro, una professione. Se pensiamo alla spesa circa 10 miliardi annui, per pagare cooperative che fanno affari, senza nessun obiettivo o risultato, mi vengono i brividi. Mala tempora currunt.
Aggiungi commento

Accedi per inserire un commento

Se sei registrato effettua l'accesso prima di scrivere il tuo commento. Se non sei ancora registrato puoi farlo subito qui, è gratis.





Commenti degli utenti

In Vicenza, terra di smemorati: dopo Gianni Zonin che nulla ricorda della BPVi, dimentica di aver firmato gli "indirizzi" di Variati Fabio Mantovani, candidato sindaco di FI e Lega

ieri alle 17:40 da kairos
In Vicenza, terra di smemorati: dopo Gianni Zonin che nulla ricorda della BPVi, dimentica di aver firmato gli "indirizzi" di Variati Fabio Mantovani, candidato sindaco di FI e Lega

Venerdi 19 Gennaio alle 18:39 da Luciano Parolin (Luciano)
In Mercoledì 24 gennaio su Rai 1 Alberto Angela presenta il patrimonio Unesco di Vicenza
Gli altri siti del nostro network