Quotidiano | Categorie: VicenzaPiù, Ristorazione, Informazione, Dal settimanale, Fatti

Il vin dei Vescovi a Barbarano

Di Redazione VicenzaPiù | Martedi 5 Giugno 2012 alle 23:18 | 0 commenti

ArticleImage

Tratto da VicenzaPiù n. 235 (abbonati alla moderna versione online sfogliabile e dal prossimo numero con articoli leggibili anche in formato testo: VicenzaPiù Edicola è ora disponibile in abbonamento con due modalità. Abbonamento standard: 18 Euro all'anno Iva di legge inclusa. Abbonamento sostenitore: 30 Euro all'anno Iva di legge inclusa).

Di Roberto Fiorella

Il fiore all'occhiello della produzione enologica dei Colli Berici è senza dubbio il Tai Rosso, un vitigno caratteristico di questo territorio, oggetto di ambiziose sperimentazioni e innovazioni per la valorizzazione del prodotto finale.

La sua origine è divisa tra la storia e la leggenda, ancora viva nonostante la scienza e le ricerche anche genetiche effettuate negli ultimi anni. Permane comunque l'incertezza sull'effettivo svolgersi dei fatti. Si racconta infatti che il vitigno sia stato portato nel territorio di Barbarano Vicentino nel Settecento da un falegname vicentino di ritorno dall'Ungheria come suddito e soldato di Maria Teresa d'Austria. Le barbatelle di vite con cui ritornò possono però essere ricondotte al Tokaj ungherese e non a quello che oggi è il Tai rosso. Con più certezza si può affermare che esso giunse nel XIII secolo dalla città papale di Avignone grazie ai rapporti intrapresi dai vescovi di Barbarano, anch'essa importante centro religioso; da qui il nome di uva dei Vescovi oltre che vin dei Vescovi. Tuttavia la prima notizia di tale vitigno risale al 1855, più precisamente al 25 agosto, quando si svolse la "Prima Mostra dei prodotti primitivi del suolo, dell'industria e delle belle arti" nel Palazzo del Museo Civico di Vicenza. Nel catalogo per la presentazione dei prodotti partecipanti alla mostra, all'interno della sezione delle industrie in fabbricazione di vini, spiriti, liquori e birra, si legge di "vino Toccai con uva dello stesso nome" attribuito alla produzione di varie aziende. Sono industrie del vicentino e nella zona dei Colli Berici, che riportano la produzione del vino già dalle annate 1841 o 1848. Dopo questo riferimento si ritrova questa varietà descritta nell'Ampelografia del vicentino Girolamo Molon nel 1906, secondo il quale la sua diffusione si estendeva anche al Piemonte, regione in cui poi la produzione venne abbandonata. Negli anni '60 in Italia si affermò definitivamente il termine Tocai, che andò a sostituire il settecentesco Tokaj. L'utilizzo del termine Tocai, riportato comunemente con una sola c nel corso degli anni, è stato tuttavia causa di una diatriba tra italiani e ungheresi che ne rivendicavano l'esclusività per la propria produzione come Tokaj, vitigno a bacca bianca. E dunque dal 2007 non esiste più la denominazione Tocai a favore del nome Tai; in Veneto anche il vino bianco prodotto da uve Tocai italico è divenuto semplicemente Tai, mentre il fu Tocai rosso è per l'appunto il Tai rosso.
In base a recenti ricerche a questo vitigno ne vengono accostati numerosi altri per caratteristiche morfologiche e genetiche simili: ci si riferisce al Cannonau in Sardegna, al Grenache in Francia, all'Alicante Rosso e alla Garnacha in Spagna. Attualmente si possono riscontrare differenze tra i Tai Rosso dei Berici per la locazione dei vigneti e le caratteristiche pedologiche del terreno, ma il disciplinare di produzione è chiaro per quanto riguarda i limiti territoriali e le caratteristiche minime del vino. Inoltre vi è un'ulteriore denominazione, il Colli Berici Barbarano, che prevede la vinificazione di uve Tai Rosso provenienti soltanto dai comuni di Longare, Castegnero, Villaga, Barbarano, Mossano e Nanto.
In generale, il Tai Rosso si presenta come un vino elegante, fine, con i suoi sentori di frutta rossa fresca che ne permettono una grande bevibilità; non c'è dubbio che prove diverse di vinificazione di questo vitigno possano dare un nuovo impulso alla riconoscibilità del vino prodotto. Recentemente infatti si stanno provando delle versioni invecchiate, con l'utilizzo di botti di legno o barrique che permettono il passaggio da un colore rubino chiaro ad un rubino intenso e migliorano la complessità aromatica.

Commenti

Ancora nessun commento.
Aggiungi commento

Accedi per inserire un commento

Se sei registrato effettua l'accesso prima di scrivere il tuo commento. Se non sei ancora registrato puoi farlo subito qui, è gratis.

Commenti degli utenti

ieri alle 05:38 da enzucciu
In Inquinamento pozzi è figlio dello stupro della natura: lo scopre anche Variati. Che "devia"...
Il sindaco Variati dovrebbe chiedere che le analisi li paghi chi ha inquinato. Farebbe bene anche ad interessarsi di più della salute dei cittadini, per esempio appoggiando subito la richiesta di ISDE (Associazione dei Medici per l'Ambiente) e di altri di un'indagine epidemiologica seria anche sui vicentini della Bertesina che hanno bevuto per chissà quanto tempo acqua al cloruro di vinile o di quelli attorno all'oasi di Casale. Per il sindaco Variati e i dirigenti dell'ULSS6 il cloruro di vinile, cancerogeno certo, non ha provocato alcun danno nei vicentini che, evidentemente hanno sviluppato anticorpi protettivi contro le sostanze cancerogene che altrove producono effetti tossici sulle popolazioni esposte. Potrebbe anche decidersi a pubblicare sul sito del comune i dati sulle cause di mortalità a Vicenza in base alle copie delle schede di mortalità che i medici compilano per ogni deceduto, in modo che chi, come noi, è interessato, possa elaborare i dati correlandoli con le situazioni ambientali più delicate per cercare di stabilire se vi sono stati danni per la salute della popolazione esposta. Potrebbe anche chiedere cosa ne pensa l'Ordine dei Medici di Vicenza che in tutte le vicende ambientali più spinose ha sempre mantenuto un ossequioso silenzio, al limite della complicità.
Variati e le altre autorità cittadine potrebbero anche dare il buon esempio e partecipare al sondaggio on line ?Indagine epidemiologica sulla prevalenza delle malattie da sostanze perfluoroalchiche (PFAS) in Veneto? organizzato da ISDE Vicenza all?indirizzo https://docs.google.com/forms/d/1iYK9dH92MNm2m0KLrQil8HLna5mKK2tjqV_5VpvQt9Y/prefill

Vincenzo Cordiano, presidente della sezione di Vicenza dell'Associazione dei Medici per l'Ambiente- ISDE Italia.
Gli altri siti del nostro network