Quotidiano | Categorie: Economia&Aziende

È tassabile l'indennizzo corrisposto dalla Banca Popolare di Vicenza (e da Veneto Banca). Dopo il danno, la beffa

Di Pietro Cotròn Venerdi 19 Maggio 2017 alle 23:20 | 0 commenti

ArticleImage

Il caso

L'istituto di credito Banca Popolare di Vicenza (le stesse considerazioni valgono per Veneto Banca, ndr) ha proposto ai soci un accordo transattivo (Offerta Pubblica di Transazione, Opt) che prevede la corresponsione di una somma forfettaria (€ 9,00 per azione per la BPVi, il 15% dell'impegno economico sostenuto per la Veneto Banca, ndr), a fronte della rinuncia, da parte dell'azionista, ad agire contro l'istituto di credito in relazione alle operazioni di acquisto o sottoscrizione di azioni dallo stesso effettuate nel tempo, o al mancato loro disinvestimento. Ci si interroga in merito al trattamento fiscale dell'indennizzo riconosciuto in ragione dell'accordo transattivo di cui sopra, e alla possibilità di compensazione del medesimo con una eventuale minusvalenza da cessione.

La soluzione
In risposta all'interpello di un'azionista della Banca Popolare di Vicenza, l'Agenzia delle Entrate ha recentemente precisato quanto segue.
L'indennizzo offerto dall'istituto di credito è corrisposto, come già detto, a fronte della rinuncia, da parte dell'azionista, ad agire contro la Banca Popolare di Vicenza in relazione alle operazioni di acquisto o sottoscrizione di azioni effettuate, nel tempo, dallo stesso azionista.
In altre parole, l'indennizzo è corrisposto all'azionista a fronte dell'assunzione di un obbligo di "non fare", il che qualifica la somma percepita come somma imponibile ai fini IRPEF come "Reddito diverso", ex art. 67, comma 1, lett. l), del TUIR. L'importo dell'indennizzo dovrà quindi essere riportato nel Quadro RL, rigo RL16, della Dichiarazione dei Redditi 2017. E quanto affermato è del tutto condivisibile; non ci si poteva aspettare risposta diversa.
Ci si chiede poi se, a fronte dell'eventuale cessione delle azioni in questione, e quindi del realizzo di una minusvalenza, questa possa essere utilizzata in compensazione con l'indennizzo percepito.
La risposta è negativa. Si tratta, infatti, di minusvalenza di natura finanziaria, da indicarsi nel quadro RT della Dichiarazione dei Redditi, che può essere compensata solamente con plusvalenze della medesima natura, non con redditi diversi.
Pertanto, l'azionista che accetti l'accordo transattivo con la Banca Popolare di Vicenza vedrà interamente tassato l'indennizzo ricevuto dall'istituto di credito, senza possibilità di compensazione alcuna.
Dal punto di vista tecnico, l'istituto di credito avrebbe potuto prevedere nell'effettuazione dell'operazione l'acquisto di un certo numero di azioni ad un prezzo che tenesse conto della transazione. Così, in questo caso, le imposte a carico del socio non ci sarebbero state, realizzando lo stesso solo una minusvalenza e non un reddito diverso. Ma forse c'erano altre questioni, di altra natura (tipo l'impedimento al "riacquisto" di azioni proprie, ndr), a ostacolare questa fin troppo facile soluzione ma non è azzardato pensare che si sarebe potuto trovare una qualche soluzione non penalizzante per soci giò tartassati.
P.S. Il dichiarato affrancamento del socio nel caso che ha dato origine alla risposta con interpello non ha alcuna influenza nella fattispecie, se non la triste constatazione di una ulteriore perdita, dovuta ad una fiducia evidentemente molto mal riposta.


Commenti

Ancora nessun commento.
Aggiungi commento

Accedi per inserire un commento

Se sei registrato effettua l'accesso prima di scrivere il tuo commento. Se non sei ancora registrato puoi farlo subito qui, è gratis.



ViPiù Top News


Commenti degli utenti

Lunedi 22 Gennaio alle 18:07 da kairos
In Bulgarini esalta gli incassi dei musei civici ma cerca il 30% di spese non coperte... Dalla gratuità della Basilica per Linea d'Ombra?

Lunedi 22 Gennaio alle 12:16 da zenocarino
In Tra bugie su BPVi, amnesie su Fondazione Roi e fonti di comodo sul "variatiano" Fabio Mantovani il GdV sarà equo col "sincero" Francesco Rucco? La risposta a Publiadige

Lunedi 22 Gennaio alle 10:39 da Redazione VicenzaPiù (admin)
In Vicenza, terra di smemorati: dopo Gianni Zonin che nulla ricorda della BPVi, dimentica di aver firmato gli "indirizzi" di Variati Fabio Mantovani, candidato sindaco di FI e Lega

Domenica 21 Gennaio alle 17:40 da kairos
In Vicenza, terra di smemorati: dopo Gianni Zonin che nulla ricorda della BPVi, dimentica di aver firmato gli "indirizzi" di Variati Fabio Mantovani, candidato sindaco di FI e Lega
Gli altri siti del nostro network