Quotidiano | Categorie: Banche

Il Sole 24 Ore: i soci conosceranno solo sabato il monito Bce alla Banca Popolare di Vicenza. Intanto aumentano i compensi ai vertici

Di Rassegna Stampa Mercoledi 2 Marzo 2016 alle 15:28 | 0 commenti

ArticleImage

Tutto o niente. O meglio: l'approvazione integrale della cura a base di trasformazione in Spa, aumento e quotazione oppure la Banca centrale europea potrebbe decidere un intervento straordinario. Una sorta di commissariamento, vista l'insussistenza dei requisiti minimi di capitale da parte della banca e - soprattutto - l'impossibilità di raggiungerli a breve, seguendo la strada predisposta dal consiglio di amministrazione. Così come aveva fatto a dicembre con Veneto Banca, anche per la Popolare di Vicenza la Banca centrale europea ha messo nero su bianco quale sia il bivio a cui si troveranno i soci attesi sabato all'assemblea stroardinaria.

Secondo quanto risulta a Il Sole 24 Ore, nella lettera datata 24 febbraio e firmata dal capo della Vigilanza Danièle Nouy di cui si è fatto cenno ieri durante la riunione del cda, Francoforte ha fatto presente che senza un via libera all'intero piano di rilancio si riserverà di intervenire nella misura più opportuna. Non si fa cenno al come, ma le armi a disposizione della Bce, compreso l'equivalente di un commissariamento, sono diverse e in tutti i casi renderebbero di fatto l'istituto non più artefice del proprio destino. Un messaggio forte, che sarà letto sabato mattina durante gli interventi di apertura dei lavori assembleari, quando il ceo Francesco Iorio e il presidente Stefano Dolcetta dovranno illustrare la situazione attuale della banca ma anche le prospettive future, cioè il piano industriale che dovrebbe garantire il ritorno alla redditività entro il 2018.
A dicembre a Montebelluna, nonostante il disagio palpabile dei soci, il risultato era stato plebiscitario. Anche a Vicenza si confida che a prevalere sarà il buon senso, ma ciò non toglie che il passaggio sia delicatissimo. Perché? Ai soci verrà chiesto di avallare un percorso che con sé porterà l'ulteriore deprezzamento del titolo - già sceso da 48 a 6,3 euro con il valore, pur teorico, del recesso - con l'Ipo e una forte diluizione con l'aumento da 1,5 miliardi (1,76 considerando la brownshoe); in cambio, però, se tutto andrà come deve, grazie anche alla garanzia fornita da UniCredit entro la fine della primavera la banca sarà quotata, potrà liquidare chi vorrà vendere e avrà l'autonomia necessaria per decidere su eventuali aggregazioni o una prospettiva stand alone.
In attesa che i soci si pronuncino, la banca si porta avanti per le tappe che seguiranno. Nel fine settimana Iorio è rientrato dal road show che l'ha condotto prima a Londra e poi negli Usa. In parallelo, lunedì notte è stata depositata in Borsa la domanda di ammissione a quotazione delle proprie azioni e in Consob la richiesta di approvazione del prospetto relativo all'offerta pubblica di sottoscrizione e quotazione, specificando che aumento e Ipo sono entrambi subordinati all'approvazione da parte dell'assemblea dei soci. Bnp Paribas, Jp Morgan, Deutsche bank, Mediobanca e UniCredit agiranno in qualità di joint global coordinators e joint bookrunners .
Dopo sabato, la banca intende convocare i soci (di capitale) altre due volte entro la fine di giugno. La prima assemblea si terrà il 26 marzo, vigilia di Pasqua, per l'approvazione del bilancio 2015; la seconda dopo l'Ipo per il rinnovo degli organi: il nuovo statuto al voto sabato prevede infatti una norma transitoria finale che conferma in prorogatio il cda fino alla nomina di quello nuovo da parte dei soci di capitale. E sempre riguardo agli organi, dal bilancio ieri è emerso che la banca ha pagato ai propri dirigenti strategici (consiglieri, sindaci e componenti della direzione generale) 16,7 milioni, a fronte degli 11 milioni corrisposti nel 2014 (+52%). A spingere i compensi sono stati i 4,8 milioni di indennità corrisposte per fine rapporto, costi legati alle buonuscite riservate ai manager che hanno lasciato la banca, a partire dall'ex ad Samuele Sorato. Anche al netto di questi costi i compensi per il vertice sono saliti da 10,65 a 11,62 milioni (+9,1%): l'aumento di un milione, spiegano fonti vicine alla banca, «è riconducibile a un patto di stabilità e non concorrenza siglato con il nuovo management» e ha carattere «una tantum».

di Marco Ferrando, da Il Sole 24 Ore


Commenti

Ancora nessun commento.
Aggiungi commento

Accedi per inserire un commento

Se sei registrato effettua l'accesso prima di scrivere il tuo commento. Se non sei ancora registrato puoi farlo subito qui, è gratis.



ViPiù Top News


Commenti degli utenti

1 ora e 43 minuti fa da zenocarino
In Il membro del cda Ipab Fabio Mantovani ha cambiato bandiera per puntare a Palazzo Trissino o Achille Variati ha messo la sua bandiera sul candidato di Forza Italia e Lega?

Sabato 13 Gennaio alle 18:56 da kairos
In Lettura di Parolin e Formisano su Vittorio Emanuele II, Indipendenza Veneta Vicenza Città: irrispettoso ricordare a Vicenza "il re infingardo che sottomise Terre Venete"
A CAMMILLO CAVOUR


nel 1867.

___


O nell’ora del nembo e del periglio
Sempre invocato, che più grande appari
Quanto più gonfi il trepido naviglio
4Battono i mari;

Chiuse son l’Alpi allo stranier: clemente
Rise una volta a’ popoli fortuna:
Tutte al suo desco le città redente
8Italia aduna.

Più non cercar. Delle battaglie il nome
Oh non chiedere a’ tuoi: sovra qual onda,
Sovra qual campo; e se le nostre chiome
12Lauro circonda.

A’ vincenti terribile il vessillo
Parve d’Italia: i giovani guerrieri
Volâr sull’ erta, ma con noi, Cammillo,
16Tu più non eri.

[p. 180 modifica]

Invan crebber le file: invan da’ porti
Più possente navil sciolse il nocchiero;
Non valser tante prue, tante coorti
20Il tuo pensiero.

In picciol nido l’aure interrogando,
Con poco stame a lunga tela assiso,
E l’ovra della mente ardua velando
24Di facil riso,

Gli occhi alzasti; e di fanti e di cavalli
Alla muta parola obbedïenti
Dal Cenisio sull’itale convalli
28Sceser torrenti.

E pria sul lido del remoto Eusino
Fra le pugne agitata e fra le nevi
La morta face del valor latino
32Raccesa avevi.

A’ cupi genî del Tirren custodi
Serti offrivi non visto, e taciturna
La partenza pregavi e fida ai prodi
36L’aura notturna,

Quando dell’Etna alla fremente riva
I Mille veleggiavano; portavi,
Celando sotto il mar la man furtiva,
40Le balde navi.
[p. 181 modifica]


Sparver gli avversi troni; e del tuo spiro
Che percorrea de’ novi abissi il seno,
La possa irresistibile sentiro
44Adria e Tirreno.

Itali fummo. Ed esultavi allato
Del Re più degno in Campidoglio atteso,
Quando cadevi, e dell’Italia il fato
48Parve sospeso.

Ansio cadevi dell’Olimpo al piede,
Indomato Titano. Orfana ancora
Sull’orma tua, cui pari altra non vede,
52Italia plora.

Ode di pugne inauspicate il foro
Risonar tempestoso; ed ella intanto
A’ suoi mali non trova altro ristoro
56Che sdegno e pianto.

Dell’indugio si sdegna e de’ consigli
Con gioco assiduo sul fiorir recisi;
D’altre barriere, che di monti, i figli
60Piange divisi.

O nata a non perir, stirpe fatale!
O risorgente dalle tue ruine
Popolo, che ricigni or l’immortale
64Infula al crine;
[p. 182 modifica]


De’ secoli più grande e de’ tuoi guai,
Se come in altro dì non ti è concesso
Reggere il mondo, mostra almen che sai
68Regger te stesso.
Gli altri siti del nostro network