Quotidiano | Categorie: VicenzaPiù, Informazione, Dal settimanale

Il mercato delle grappe, Jacopo Poli: "c'è un tentativo di tornare al piccolo e bello"

Di Matteo Crestani Sabato 7 Luglio 2012 alle 19:43 | 0 commenti

ArticleImage

Da VicenzaPiù n. 237 (con BassanoPiù n. 18) in edicola, in distribuzione e sfogliabile comodamente dagli abbonati con tutti gli altri dettagli.

Una storia di emozioni, racconti familiari e tante emozioni. Questo traspare dalle parole di Jacopo Poli, a capo dell'omonima distilleria di Schiavon. La storia della famiglia Poli è iniziata intorno al 1800, ma l'attività di distillazione più curiosa riguarda la fine dell'800, quando il fondatore, con un alambicco mobile, andava di casa in casa per produrre i distillati, principalmente utilizzati per fini terapeutici. "La prima caldaietta di distillazione è stata installata nel 1898 ed oggi ne contiamo 12 - spiega Jacopo Poli - e per ricordare chi ci ha preceduto ad ogni campagna di distillazione iniziamo a distillare sempre dalla prima caldaietta, quella installata da mio bisnonno".

Tradizione ed innovazione sono sempre convissute nella distilleria Poli e lo dimostra la capacità di restare al passo con i tempi.
Quali sono le recenti introduzioni tecniche apportate all'azienda?
"Nel 2001 abbiamo introdotto un nuovo sistema a bagnomaria in cui il vapore attraversa un'intercapedine e non viene in diretto contatto con le vinacce. Nel 2009, invece, abbiamo adottato due innovative caldaie sottovuoto, che rappresentano ciò che di più moderno esiste nel settore. Con questo metodo si sviluppano degli aromi che, diversamente, andrebbero dispersi".
Tradizione sì, ma non ostinazione del rispetto del passato?
"Nella nostra azienda l'artigianalità è un caposaldo, ma non significa non mettere in discussione ciò che si è sempre fatto in un determinato modo. Non voler cambiare significa essere ottusi, mentre noi vogliamo mettere assieme innovazione e tradizione per essere performanti e qualitativamente ineccepibili".
Come sono cambiate le grappe rispetto al passato?
"Oggi le grappe non conservano nulla delle caratteristiche che le rendevano straordinarie ed uniche cinquecento anni fa. La grappa moderna non ha più l'aroma dell'uva che un tempo era la peculiarità di questo prodotto. Gli anni '60 hanno rovinato tutto, imponendo che le grappe fossero standardizzate, mai diversa l'una dall'altra. E questo ha condotto alla morte di molte piccole distillerie italiane: dalle 2000 circa esistenti negli anni '60 oggi non ce ne sono più di 60".
Cos'è successo, quindi, al brand italiano?
"Ovunque in Italia è possibile fare grappa con qualunque tipo di uva e qualunque sistema produttivo. La mancanza di una rigida normativa di riferimento ha prodotto queste conseguenze. Fortunatamente, però, a modalità di marketing puro si è contrapposta una realtà fatta di aziende che sono radicate a valori quali famiglia e tradizioni. Per noi fare un buon lavoro da gratificazione e la certezza di garantire al consumatore un prodotto unico".
E le strategie di marketing in cosa si sono tradotte?
"La gran parte del mercato è fatto da grossi produttori industriali. Esistono, poi, una moltitudine di oltre 600 imbottigliatori, che vendono la grappa pur non distillando nulla. Infine, esistono le grappe di fattoria prodotte da 4-5000 aziende che utilizzano il prodotto come merce di sconto per chi acquista il vino".
Il consumatore come si orienta?
"Le etichette sono migliaia e non c'è nessuna chiarezza, quindi chi acquista lo fa alla cieca. C'è un tentativo di tornare al piccolo e bello, ma la strada è lunga".

Leggi tutti gli articoli su: Jacopo Poli, grappa, VicenzaPiù n. 237, Poli

Commenti

Ancora nessun commento.
Aggiungi commento

Accedi per inserire un commento

Se sei registrato effettua l'accesso prima di scrivere il tuo commento. Se non sei ancora registrato puoi farlo subito qui, è gratis.



ViPiù Top News


Commenti degli utenti

Giovedi 14 Dicembre alle 20:41 da Barbara77
In Gianni Zonin fa così tanta scena muta in commissione d'inchiesta sulle banche che Casini prova a fare il suo ventriloquo

Giovedi 14 Dicembre alle 14:25 da Lucia
In La lettera di una socia di Veneto Banca per accelerare il "ristoro" ai risparmiatori truffati dalle banche venete
Leggendo la lettera di Flavia mi è venuto tornato alla mente l'articolo 47 della Costituzione, nel passaggio dove recita:

"La Repubblica incoraggia e tutela il risparmio in tutte le sue forme...".

Purtroppo, come molte altre volte succede in questo Bel Paese mal gestito, avviene il contrario.
La vicenda delle banche venete è purtroppo nota e non stanno nemmeno più in piedi gli alibi che vogliono colpevolizzare i soci ("se la sono cercata loro perché sapevano che era rischioso ... volevano fare gli squali e adesso piangono miseria ...") perché è stato dimostrato che non è così; il prezzo delle azioni è stato taroccato ed è una truffa bella e buona che le banche hanno fatto ai loro sottoscrittori.
Raggirati da funzionari bancari senza coscienza pilotati a loro volta dai direttori senza scrupoli, che sapevano benissimo di vendere azioni fuffa ... ma l'importante è vendere e far carriera (no?).
E via col valzer delle scuse del tipo "siamo una banca solida ... non abbiamo problemi etc".
Mentre si tentava di coprire la voragine bancaria con un fazzolettino di carta, Consob e Banca d'Italia si giravano dall'altra parte per non vedere.
Il finale vede trionfare le banche che hanno fatto lo "sforzo" di avere solo la parte sana.
Come se non bastasse, i funzionari "lupi" delle due banche si sono travestiti da "agnelloni" di Intesa San Paolo, e probabilmente continueranno a perdere il pelo ma non il vizio.
Tutto apposto dunque. No?
Direi che alla luce di questo non faccio fatica a credere alla lettrice quando dice "credere nella Giustizia è diventato molto, molto difficile, quasi impossibile". E' e rimane impossibile, cara Flavia.
Molto probabilmente in un altro Paese più civile la cosa avrebbe preso una piega diversa, a favore dei risparmiatori (penso ad es. alle class action, che da noi sono solo di facciata).

Credo purtroppo, cara Flavia, che la lettera inviata ai politici cada nel nulla.
Per il semplice motivo che se qualcuno avesse voluto davvero fare qualcosa PRIMA, l'avrebbe fatto.
Ora è troppo tardi. Ed è persino patetico che i politici si proclamino adesso paladini dei risparmiatori, a babbo morto.

Mi spiace infonderle amarezza Flavia, ma mi dica forse se non ne ho motivo.

Con augurio di poter essere smentito.

Lunedi 11 Dicembre alle 22:37 da Kaiser
In A Vicenza arriva la mostra itinerante "Paolo Rossi - Great Italian Emotions e l'Italia dell'82" dal 16 dicembre

Lunedi 11 Dicembre alle 17:13 da Kaiser
In Migrazione dei clienti ex BPVi e Veneto Banca in Intesa Sanpaolo procede regolarmente per 1,5 milioni di conti correnti. Completata la chiusura di 118 filiali
Gli altri siti del nostro network