Quotidiano | Categorie: Politica

Il discorso narcotico di Sergio Mattarella infarcito di fake news e dimenticanze

Di Giorgio Langella Lunedi 1 Gennaio alle 15:11 | 0 commenti

ArticleImage

Ieri il presidente Sergio Mattarella ha pronunciato il suo discorso di fine anno con la forza di un narcotico. Mai un sussulto, un gesto o un tono di voce che potessero anche richiamare lontanamente un sentimento non dico di entusiasmo, ma di speranza verso il futuro. Una noiosa piattezza che ha dilatato i dieci minuti del suo "saluto alla Nazione" in una serie di luoghi comuni, ovvietà e dimenticanze. Qualcosa, però, deve essere evidenziato. Il richiamo alla guerra "vittoriosa" del 1915-18 e l'affermazione che stiamo vivendo il più lungo periodo di pace in Italia e in Europa, appaiono inquietanti.

La prima guerra mondiale è stata una carneficina tutt'altro che qualcosa di "vittorioso" da celebrare in maniera così esplicita con un vecchio patriottismo di stampo nostalgico. Il fatto, poi, del "lungo periodo di pace" che staremmo vivendo è, chiaramente, quella che oggi va sotto il nome di "fake news".

Quante guerre si sono viste dalla fine della seconda guerra mondiale? Tante, troppe. E quante hanno visto protagonisti i paesi europei e anche la nostra povera Patria? Innumerevoli. Si va dalle guerre per mantenere le colonie all'esportazione della "democrazia", dai bombardamenti preventivi (sulla popolazione civile) ai finanziamenti di colpi di stato di marca nazifascista. Ricordiamo, e sono solo un esempio, il ruolo della Francia in Vietnam o in Algeria, l'uccisione di Lumumba e la crisi in Congo, la guerra civile in Irlanda del Nord, la guerra nell'ex Jugoslavia, l'intervento "umanitario" in Somalia, in Afganistan, in Irak ...

E poi, i disordini, le violenze e il conseguente colpo di stato finanziato in Ucraina, la guerra contro le popolazioni del Donbass, l'intervento militare in Libia che ha scatenato un caos ingestibile, il ruolo dell'Italia nella vendita di armi che servono a distruggere intere popolazioni come nello Yemen ...

Senza parlare di quella vera e propria guerra economica e finanziaria che ha affamato la Grecia, dell'austerità imposta dalla UE alle popolazioni europee che ha provocato impoverimento e disoccupazione insostenibili, delle stragi di migranti che fuggono guerre e povertà provocate nei loro paesi d'origine dagli interventi anche europei, la crescita di pulsioni razziste, xenofobe, naziste nel cuore dell'Europa senza contrasto da parte delle "istituzioni" ...

A qualcuno pare che questa sia "la pace"? O no si dovrebbe parlare, forse, di affari e guadagno, di "convenienza", arricchimento per chi è più forte e potente mentre la stragrande maggioranza della popolazione subisce miseria, sfruttamento, guerra?

Mattarella ha richiamato la Costituzione (che è entrata in vigore settanta anni fa). Una cosa scontata e ovvia dal momento che il Presidente ne è il garante. Ma è, almeno per me, di una gravità assoluta che non abbia mai detto da dove e da cosa nasce la nostra Costituzione. Mattarella si è "dimenticato" di riferirsi alla Resistenza e alla guerra di Liberazione dal nazifascismo. Probabilmente per lui era importante ricordare la "guerra vittoriosa del 15-18" e il 4 novembre piuttosto che il 25 aprile. Una "dimenticanza" colpevole visto che la Costituzione si fonda sull'antifascismo.

Mattarella ha anche affermato che il lavoro è la prima e più grave questione sociale e ha richiamato il dovere di garantire la tutella dei diritti e della sicurezza per chi lavora. E si è rivolto in particolare ai giovani. Giustissimo. Come giusto è affermare che ci vogliono proposte realistiche e concrete.

Ma allora, perché Mattarella, nel suo ruolo di Presidente della Repubblica ha firmato i decreti attuativi del "Jobs Act" che ha tolto diritti ai lavoratori e precarizzato ancora di più il lavoro? E perché ha firmato la legge conosciuta come "buona scuola" e l'alternanza scuola-lavoro? E, visto che si richiama spesso alla Costituzione (quella nata dalla Resistenza che ieri non ha neppure citato) perché si era di fatto dichiarato favorevole all'approvazione della riforma costituzionale bocciata dagli elettori il 4 dicembre scorso? E, infine, visto anche il suo richiamo alla legge elettorale, perché è così favorevole all'attuale legge che, di fatto, ostacola (nei modi e nei tempi) la presentazione di liste diverse da quelle dei partiti già presenti in parlamento?

Domande semplici, risposte forse complesse. L'unico augurio che sarebbe giusto fare per questo anno nuovo è che il popolo si riprenda potere e sovranità. Un diritto che la Costituzione (quella nata dalla Resistenza) sancisce e che difficilmente viene applicato.

Leggi tutti gli articoli su: Fake news, saluto alla Nazione, Sergio Mattarella

Commenti

Ancora nessun commento.
Aggiungi commento

Accedi per inserire un commento

Se sei registrato effettua l'accesso prima di scrivere il tuo commento. Se non sei ancora registrato puoi farlo subito qui, è gratis.





Commenti degli utenti

oggi alle 10:39 da Redazione VicenzaPiù (admin)
In Vicenza, terra di smemorati: dopo Gianni Zonin che nulla ricorda della BPVi, dimentica di aver firmato gli "indirizzi" di Variati Fabio Mantovani, candidato sindaco di FI e Lega

ieri alle 17:40 da kairos
In Vicenza, terra di smemorati: dopo Gianni Zonin che nulla ricorda della BPVi, dimentica di aver firmato gli "indirizzi" di Variati Fabio Mantovani, candidato sindaco di FI e Lega
Gli altri siti del nostro network