Opinioni | Quotidiano | Categorie: Fatti, Sport vari

Il 100° giro d'Italia a Foza: orgoglio veneto

Di Citizen Writers Venerdi 2 Giugno 2017 alle 20:04 | 0 commenti

ArticleImage

Sabato 27 maggio è stata l'ultima tappa della 3 giorni veneta del giro d'Italia: entusiasmante, vissuta col contagocce dall'inizio alla fine, pronta a declamare un re che invece siederà sul trono del giro d'Italia con la cronometro in quel di Milano. Per noi Veneti è importante si l'ordine di arrivo, l'acclamazione sportiva del vincitore, ma anche l'esserci, il partecipare ci rende fieri di un territorio che riesce ancora a stupirci non solo quando c'è agonismo in ballo ma anche quando c'è l'organizzazione e la laboriosità a servizio della visibilità della nostra regione. Ma come utilizzare la visibilità del giro per la causa veneta?

Bandiera di S. Marco al Giro d'ItaliaL'idea nasce al solito da, pochi ma boni, si conosce l'itinerario e si decide per quello che più ci rappresenta: nessuna sigla sindacale, nessun partito politico, solo il vessillo del Leone Marciano col libro aperto (segno di pace), la riaffermazione che c'è un Popolo Veneto che ha il sacrosanto diritto alla propria autodeterminazione.Ecco allora che da Pordenone arriviamo a Conegliano, in un tour fra filari di vini autoctoni e splendidi declivi collinari assieme alle bandiere venete a Feltre fino alla spettacolare salita di 24 km del Monte Grappa e poi su ancora a Foza, dove in un continuo sventolio di un migliaio di bandierine da bici ed un centinaio di bandiere "regular" si stagliano 2 maestose gigantografie del Leone, una di 250 mq ed un'altra di 350 mq, impossibili anche per gli operatori rai da evitare di riprendere, anche perché ricordiamo che il giro non è una diretta ma una differita di circa 5 minuti. (Tutte le bandiere fra l'altro sono posizionate in modo da non dare alcun fastidio ai corridori).
Alla fine poco importa se non ci sia stato già un designato vincente del giro: quel che conta è che in questa occasione si sia riusciti a dare visibilità alla Causa Veneta anche attraverso il lavoro certosino di un piccolo gruppo coeso di persone; d'altro canto non erano in 12 e cambiarono il mondo?
W San Marco
I Veneti di buona volontà

Leggi tutti gli articoli su: Giro d'Italia

Commenti

Ancora nessun commento.
Aggiungi commento

Accedi per inserire un commento

Se sei registrato effettua l'accesso prima di scrivere il tuo commento. Se non sei ancora registrato puoi farlo subito qui, è gratis.



ViPiù Top News


Commenti degli utenti

oggi alle 18:07 da kairos
In Bulgarini esalta gli incassi dei musei civici ma cerca il 30% di spese non coperte... Dalla gratuità della Basilica per Linea d'Ombra?

oggi alle 10:39 da Redazione VicenzaPiù (admin)
In Vicenza, terra di smemorati: dopo Gianni Zonin che nulla ricorda della BPVi, dimentica di aver firmato gli "indirizzi" di Variati Fabio Mantovani, candidato sindaco di FI e Lega

Domenica 21 Gennaio alle 17:40 da kairos
In Vicenza, terra di smemorati: dopo Gianni Zonin che nulla ricorda della BPVi, dimentica di aver firmato gli "indirizzi" di Variati Fabio Mantovani, candidato sindaco di FI e Lega
Gli altri siti del nostro network